ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
8 min
ABB, calano fatturato e ordinativi
Il gruppo elettrotecnico zurighese ha registrato un'erosione del fatturato, dei nuovi ordini e della redditività
SVIZZERA
1 ora
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
8 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
ITALIA / LUCERNA
10 ore
Cristiano Ronaldo? No, un 25enne lucernese
Il video che ritrae il "giocatore" a Torino ha totalizzato quasi quattro milioni di visualizzazioni. «L'idea mi è venuta questa estate, quando due ragazze mi hanno scambiato per CR7»
FRIBORGO
12 ore
La fattura (milionaria) che Migros contesta
Il colosso della distribuzione ha pagato 1,7 milioni di franchi all'imprenditore Damien Piller. Ma ora vuole indietro i soldi
FOTO
VALLESE
13 ore
Il San Bernardo con una madrina molto speciale
Karin Keller-Sutter quando ha visto Zeus, 70 centimetri per 45 chili, ha detto «è il mio cane»
SVIZZERA / ITALIA
13 ore
Turista svizzera scomparsa e ritrovata «in stato confusionale»
La giovane aveva mandato un messaggio vocale in cui chiedeva aiuto a un'amica. Qualche ora dopo è stata ritrovata in stato di shock. Non si esclude che abbia subito violenze
GRIGIONI
14 ore
Il Gran Consiglio retico tra ambulanze e poliziotti
Una delegazione parlamentare ha visitato oggi le centrali operative della Polizia cantonale e del 144
BERNA
14 ore
Moutier, nuovo voto in tempi "brevi"?
L'assenza di modifiche legislative di rilievi rende plausibile una nuova consultazione in tempi relativamente rapidi
SVIZZERA
15 ore
L'e-commerce elvetico sente la pressione della concorrenza estera
I commercianti online svizzeri devono offrire sempre più servizi complementari
VIDEO
ZURIGO
15 ore
Dimissioni per l'agente che aveva dato in escandescenze
Il poliziotto che aveva insultato un conducente davanti alla figlia era stato sospeso. Ma ora ha deciso di lasciare le forze dell'ordine
GRIGIONI
16 ore
Appaltopoli, i costi della Commissione lievitano a un milione
Il Gran Consiglio ha infatti accordato oggi ulteriori 350'000 franchi, che si aggiungo ai 600'000 già in dotazione al momento della sua costituzione
SVIZZERA
18 ore
Swatch-Calvin Klein, fine della collaborazione
La decisione è stata presa dal gruppo orologiero in seguito alle recenti incertezze a livello di management presso il marchio di alta moda americano
SVITTO
18 ore
Cabina precipitata nel vuoto, colpa del vento
Riapertura prevista per venerdì
SVIZZERA
19 ore
Assegnazione Mondiali 2006, perizia medica su Beckenbauer
Visto lo stato di salute, non è chiaro se e quando sarà in grado di prendere parte a un procedimento penale. I fatti saranno prescritti nell'aprile 2020 e il tempo stringe
VAUD
20.06.2019 - 12:020

Recluta morì per arresto cardiaco, confermata la prescrizione

Il Tribunale federale ha respinto un reclamo dei genitori nei confronti di due medici militari che avevano dichiarato il giovane valido per il servizio nonostante i problemi di cuore

LOSANNA - Niente da fare per i genitori di una recluta morta nel 2012 a Bière, nel canton Vaud. Il Tribunale federale (TF) ha respinto un loro reclamo e confermato che l'azione penale nei confronti di due medici militari è prescritta. Entrambi avevano dichiarato il giovane valido per il servizio, malgrado un problema cardiaco.

Dopo una prima archiviazione, annullata dal TF nel 2017, lo scorso gennaio il Ministero pubblico vodese ha nuovamente archiviato il procedimento per omicidio colposo nei confronti dei medici. I due sono comunque stati condannati a pagare 16'000 franchi ciascuno quale risarcimento ai genitori della vittima.

In marzo il Tribunale cantonale vodese ha respinto il ricorso dei genitori contro l'archiviazione, considerando che il caso è prescritto dall'11 febbraio 2018, sette anni dopo gli esami medici svolti al momento del reclutamento della vittima.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF conferma il punto di vista della giustizia vodese. Per la Corte losannese la prima decisione di archiviazione, dell'agosto 2017, non è da considerare come un giudizio di prima istanza. Non poteva quindi interrompere definitivamente la prescrizione, come preteso dai ricorrenti.

Il TF ha pure respinto la richiesta dei genitori, che volevano un risarcimento di circa 52'000 franchi. I giudici non vedono perché i querelanti dovrebbero sostenere maggiori spese rispetto alla difesa, dato che non devono occuparsi dell'istruttoria. A loro avviso la giustizia vodese ha fatto bene a proporne 32'000, pari alla retribuzione più elevata dell'avvocato di uno dei due imputati.

Il 19enne aveva avuto un arresto cardiaco la notte fra il 6 e il 7 luglio del 2012 nella caserma di Bière, quattro giorni dopo aver iniziato la scuola reclute. Trasportato in elicottero all'Ospedale universitario di Losanna (CHUV), era morto dopo una settimana. Sin dall'inizio dell'addestramento, il 3 luglio, aveva avuto disturbi e malessere.

Dall'inchiesta era emerso che, durante il reclutamento, il 10 febbraio del 2011, il medico incaricato della visita, aveva constatato anomalie nell'elettrocardiogramma del giovane. Aveva in seguito sottoposto il caso al medico capo del centro di reclutamento.

Visto che il ragazzo non aveva riscontrato problemi in precedenza, il medico capo aveva ritenuto che i risultati delle analisi rientrassero nella norma. Il giovane era quindi stato dichiarato abile al servizio. L'autopsia aveva in seguito evidenziato un grave disturbo del ritmo cardiaco. Per la giustizia vodese il medico incaricato della visita avrebbe dovuto avvertire la recluta del problema.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 07:59:44 | 91.208.130.87