Keystone
La casa sulla Bösingenstrasse dove nel 2015 furono trovati i cadaveri delle due vittime
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
18 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
BERNA
05.03.2019 - 22:570

Due omicidi lo stesso giorno a distanza di 5 anni

Emergono nuovi dettagli sui delitti avvenuti nel 2010 e 2015. Sulle scene del crimine è stato trovato lo stesso DNA

BERNA - Il 15 dicembre 2010 una psicologa di 56 anni era stato uccisa a Zurigo. Esattamente cinque anni dopo i corpi di un 74enne e di sua moglie 64enne erano stati trovati a Laupen, nel Canton Berna.

Le indagini avevano poi permesso di trovare il DNA della stessa persona su entrambe le scene del crimine. Gli inquirenti offrirono anche una ricompensa di 20mila franchi a chiunque potesse fornire elementi utili. Ma la sua identità rimane ancora un mistero. 

Analisi del DNA - La polizia ha controllato e paragonato il DNA di un centinaio di persone, selezionate in base «agli approfondimenti e informazioni derivanti dalle indagini», fa sapere oggi il portavoce della polizia Christoph Gnägi.

Dati gli scarsi risultati, la polizia oggi ha chiesto nuovamente ad eventuali testimoni di farsi avanti: «Ogni suggerimento può essere decisivo». Ecco perché ha voluto rendere pubblici alcuni dettagli mai emersi finora: la vittima di Zurigo, una svizzera di origini cilene, aveva vissuto nella regione di Berna negli anni ‘90. L’assassino era forse un paziente della vittima?

Da qui potrebbe emergere un collegamento con il duplice omicidio di Laupen, avvenuto sempre nel Canton Berna. Ma starà alla polizia determinare un’eventuale connessione.

3 anni fa Delitto di Laupen, la polizia conferma: "Si tratta di un duplice omicidio"
3 anni fa Svizzera scossa da un nuovo delitto. Due cadaveri trovati a Laupen
3 anni fa Duplice omicidio di Laupen. "Avevano affari loschi"
3 anni fa Duplice omicidio di Laupen, le indagini proseguono
3 anni fa Omicidio di Laupen, identificato un cadavere
3 anni fa Laupen: taglia sulla testa dell’assassino
2 anni fa L’assassino della coppia di Laupen colpì anche a Zurigo
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:14:09 | 91.208.130.86