Keystone
SVIZZERA
03.02.2019 - 15:550
Aggiornamento : 16:28

Un week end di neve in tutta la Svizzera

La Svizzera centrale ha registrato la quantità maggiore di neve posatasi nella notte. Registrati alcuni disagi

COIRA - La Svizzera si è svegliata questa mattina coperta da un sottile manto di neve.

A San Gallo si sono registrati numerosi incidenti, la maggior parte dei quali senza danni. Un persona è rimasta ferita. Diversi automobilisti hanno perso il controllo dei loro veicoli, perché non hanno adattato la velocità alle condizioni stradali, informa un comunicato della polizia cantonale sangallese. Complessivamente vi sono stati 13 sinistri, uno dei quali causato da una persona che circolava con pneumatici estivi. Diverse strade hanno dovuto essere chiuse alla circolazione e hanno quindi provocato colonne. Una 31enne è rimasta leggermente ferita sull'autostrada A1, in località di Henau, dopo aver sbandato ed essere andata a finire contro il guardrail.

50 centimetri nella regione del Pilatus - La Svizzera centrale ha registrato la quantità maggiore di neve posatasi nella notte tra ieri ed oggi, ha riferito Roger Perret di MeteoNews a Keystone-ATS. Nella regione del Pilatus, a oltre 1000 metri, ne sono caduti fino a 50 centimetri. In pianura ha invece piovuto.

Questa mattina l'altopiano era coperto di una decina di centimetri di neve fresca, dagli 800 ai 1000 metri addirittura da 20 fino a 50 centimetri. Ma queste quantità non sono paragonabili con le nevicate verificatesi in gennaio, ha detto Perret.

Sul San Gottardo, in Prettigovia, in Vallese e nel canton Glarona la coltre di neve è attualmente di oltre due metri e supera la media stagionale. Nella notte, lungo le Prealpi si sono aggiunti altri 10-15 centimetri. Il sole farà però presto il suo ritorno in tutta la Svizzera.

Interruzioni circolazione treni in Engadina - Nella notte tra venerdì e sabato in Val Bregaglia e in Alta Engadina sono caduti 70 centimetri di neve, ha riferito ieri Urs Graf di Meteo Svizzera. Per motivi di sicurezza legati alle forti nevicate, la Ferrovia retica (RhB) ha dovuto chiudere la linea del Bernina per tutta la mattina.

Il pomeriggio, a causa del rischio di valanghe nella valle dell'Albula la RhB ha dovuto bloccare la circolazione dei treni tra Bergün e Filisur dalle 16 fino al termine dell'esercizio.

A12 bloccata - Disagi si sono registrati nella notte anche al traffico stradale: venerdì sera l'autostrada A12 è stata chiusa alla circolazione per diverse ore tra Châtel-St-Denis (FR) e Vevey (VD).

Forti nevicate e piogge hanno compromesso anche le condizioni di diverse strade del canton Friburgo, indicava ieri un comunicato delle forze dell'ordine cantonali. Alcuni tratti dell'autostrada hanno dovuto essere chiusi per consentire lo sgombero della neve, ma intorno alla mezzanotte la situazione è tornata alla normalità.

Ticino imbiancato - Il manto bianco ha ricoperto nel fine settimana anche in Ticino. Il cantone ne aveva bisogno visto che in dicembre e gennaio a Lugano si sono registrate solo il 10% delle abituali precipitazioni, indica SRF Meteo sul suo sito internet. In pianura la neve non è però rimasta a lungo, secondo SRF Meteo: il suolo era troppo caldo.

Secondo l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR), il pericolo di valanghe rimane elevato - grado 4 su una scala di 5 - nei Grigioni in Val Poschiavo, Bregaglia, Val Müstair e nella zona tra il passo dell'Oberalp e San Bernardino. Il pericolo di valanghe è notevole anche nel resto delle Alpi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 03:13:38 | 91.208.130.87