20 minutes
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
3 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
4 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
4 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
5 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
6 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
7 ore
Frontalieri, «no» ad una moratoria di 2 anni sulle assunzioni
La misura contrasta con l'Accordo di libera circolazione e il Consiglio federale invita a respingere quanto chiesto dalla mozione di Roger Golay
SVIZZERA
8 ore
Japan Tobacco: accordo tra direzione e personale sugli impieghi a Ginevra
Il produttore di sigarette ha reso noto di aver siglato un'intesa su un nuovo piano sociale per i 268 collaboratori in esubero previsti
SVIZZERA
8 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Si accorge tardi del bimbo sulle strisce, bus provoca 4 feriti
L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Bottmingen. Due persone sono state portate in ospedale
GINEVRA
9 ore
Il futuro dell'aeroporto di Ginevra passa dalle urne
Domenica carica di votazioni nel cantone, chiamato a decidere su un'iniziativa e un controprogetto relativi alla gestione e allo sviluppo dello scalo
SVIZZERA
10 ore
Leuthard nel Cda del produttore di treni Stadler
L'ex Consigliera federale sarà eletta all'assemblea generale del 30 aprile prossimo: «Grazie alle sue competenze in materia di traffico e la sua esperienza politica rappresenta una risorsa importante»
GINEVRA
15.10.2018 - 21:340

La moglie partorisce d'urgenza, multato il marito

Il neo papà ha lasciato l'auto nella zona "Kiss & Ride". La Fondazione dei parcheggi si rifiuta di annullare la multa

GINEVRA - «Quando sono arrivati con mia moglie all’ospedale, ci hanno fatto andare d’urgenza in sala parto, dato che il travaglio era già in uno stadio avanzato. Mio figlio è nato un’ora più tardi» spiega Pedro. Una volta effettuate tutte le formalità post nascita, il neo papà è sceso per posteggiare meglio l’auto, lasciata frettolosamente nell’accesso “Kiss & Ride” del reparto maternità dell'ospedale di Ginevra. Ma una volta raggiunta la propria auto, l’uomo ha trovato una multa da 120 franchi. Nello specifico, è stata appoggiata sul parabrezza alle 10.27, l’ora esatta in cui la futura mamma veniva registrata in ospedale il 25 luglio.

«Se avessi potuto, avrei parcheggiato nei posteggi autorizzati. Ma non mi è stato possibile. Durante il parto, in un momento tranquillo, ho chiesto all’ostetrica se potevo scendere per cambiare posto all’auto. Ma mi ha risposto che il bebè sarebbe potuto arrivare da un momento all’altro» racconta il papà. Pedro riconosce che la sua auto non avrebbe dovuto restare troppo a lungo in quel parcheggio, ma «non potevo mica perdermi la nascita di mio figlio!».

Su consiglio dell’accoglienza del reparto maternità, ha dunque scritto alla Fondazione dei posteggi tre settimane dopo i fatti, per chiedere l’annullamento della multa. Nella lettera Pedro spiega l’urgenza della situazione e propone all’istituzione di contattare l’ospedale affinché possano confermare i fatti. Una settimana più tardi arriva la doccia fredda: «I motivi e le circostanze invocate non giustificano l’annullamento della multa» risponde la Fondazione.

La coppia, sotto shock, lascia passare un mese. Questa volta è la mamma a prendere l’iniziativa, scrivendo alla Fondazione e allegando le prove della maternità. Ma la risposta è identica a quella precedente. Pretendendo una nuova risposta personalizzata, la terza risposta recita: «Il termine per pagare la vostra multa è scaduto. [...] Riceverete prossimamente una risposta dal Servizio delle Contravvenzioni.

Contattata, la Fondazione dei parcheggi ha preso posizione sul caso specifico: «Scegliendo di non tornare subito a spostare il proprio veicolo, il neo papà ha, come dimostrano le foto scattate dai nostri agenti, completamente bloccato l’accesso al parcheggio “Kiss & Ride” a lungo, obbligando i potenziali utenti a far manovra in piena strada per lasciare una persona che non può muoversi (...). I nostri agenti devono vigilare affinché la sicurezza di tutti gli utenti sia garantita».

Siccome la coppia non ha pagato la multa entro la scadenza, dovranno fare opposizione quando arriverà l’ordinanza penale che sarà inviata dal Servizio delle Contravvenzioni. Pedro e sua moglie non riescono ancora a capire come possa esserci stata una totale mancanza di «comprensione, empatia e umanità» della Fondazione dei parcheggi.

Commenti
 
bobà 1 anno fa su tio
CI risiamo: articolo tendenzioso di cui si sente solo una campana anche se, pure io, di primo acchito trovo la multa inopportuna. Chiedo alla redazione di postare la foto dell'auto posteggiata in malo-modo. Solo così si potrà giudicare
Biagio 1 anno fa su tio
Beh, sarebbe simpatico farla pagare al figlio visto che aveva fretta di nascere. Ad ogni modo, con una cosi' grande gioia ci si mette pure a scrivere per la multa di 120 franchi. Mah, ognuno ha le sue priorità.
dan007 1 anno fa su tio
La severità delle sanzioni non è applicata a dovere molti di cultura straniera di oarcheggiano in doppia fila nelle strade per far scendere e salire persone e alla rotonda della stazione molto bloccano la rotonda per lo stesso motivo per non imboccare il posteggio che in più e gratis i primi 10 minuti nessun poliziotto interviene eppure bloccano traffico che in quel punto e una catastrofe nelle ore di punta
matteo2006 1 anno fa su tio
Foto di come ha parcheggiato l'auto? Sono stanco di leggere articoli di gente che si lamenta perchè viene sanzionata per aver commesso delle infrazioni. Pagate 120.-, e dopo lamentatevi se proprio vi sentite di farlo visto che in ogni modo il vostro comportamento è stato sbagliato. Una volta registrata la moglie poteva tornare di corsa a spostare l'auto o almeno posteggiarla meglio "completamente bloccato l’accesso al parcheggio “Kiss & Ride”" non dopo oltre un ora.
miba 1 anno fa su tio
Certo che in questo paese i funzionari pirla non finiscono mai
sedelin 1 anno fa su tio
avanti così che fra non molto ci sarà l'emigrazione verso lidi più cool.
F/A-18 1 anno fa su tio
@sedelin L'emigrazione è già iniziata.
Danny50 1 anno fa su tio
Soliti funzionari fuchi
Dragon76 1 anno fa su tio
Dovevanp chiamarlo "Kiss and pay"
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:20:30 | 91.208.130.86