Keystone
VAUD
15.06.2018 - 14:140

Veto alla sigla del partito di Stauffer

Il Tribunale federale di Losanna dà ragione alla giustizia ginevrina: il movimento "Genève en Marche" non dovrà utilizzare l'acronimo GEM finché non sarà risolto un contenzioso con un'associazione

LOSANNA - Il movimento Genève en Marche non deve più utilizzare la sua sigla (GEM) finché il contenzioso con un'associazione economica non sarà risolto. Lo ha deciso il Tribunale federale (TF), confermando una sentenza dalla giustizia ginevrina.

Il cambio di sigla viene richiesto dal Groupement des entreprises multinationales, che utilizza la stessa abbreviazione (GEM).

La decisione del TF riguarda unicamente l'effetto sospensivo attivato dal contenzioso ed è stata presa tenendo in considerazione il fatto che entrambe le realtà operano soprattutto a Ginevra, in ambito politico e che si indirizzano a un pubblico in parte simile.

In settembre Stauffer, cofondatore del "Mouvement citoyens genevois" (MCG), da cui si era dimesso nel 2016, aveva annunciato il lancio di "Genève en marche": ogni rassomiglianza con il movimento francese "La République En Marche!" di Emmanuel Macron è a suo avviso puramente fortuita.

In aprile, alle elezioni cantonali ginevrine, il partito no ha raggiunto il quorum del 7% necessario per entrare in parlamento. Il partito, creato appositamente in settembre per queste elezioni, verrà sciolto e Stauffer si ritirerà dalla vita politica.
 
 

Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 17:39:21 | 91.208.130.87