Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
1 ora
Maudet respinge il bilancio: «Inopportuno nella sostanza e nella forma»
GRIGIONI
1 ora
Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)
SVIZZERA
1 ora
Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
18 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
19 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
20 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
20 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
20 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
20 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
20 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
21 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
21 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
22 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
23 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
1 gior
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
VAUD
15.06.2018 - 14:140

Veto alla sigla del partito di Stauffer

Il Tribunale federale di Losanna dà ragione alla giustizia ginevrina: il movimento "Genève en Marche" non dovrà utilizzare l'acronimo GEM finché non sarà risolto un contenzioso con un'associazione

LOSANNA - Il movimento Genève en Marche non deve più utilizzare la sua sigla (GEM) finché il contenzioso con un'associazione economica non sarà risolto. Lo ha deciso il Tribunale federale (TF), confermando una sentenza dalla giustizia ginevrina.

Il cambio di sigla viene richiesto dal Groupement des entreprises multinationales, che utilizza la stessa abbreviazione (GEM).

La decisione del TF riguarda unicamente l'effetto sospensivo attivato dal contenzioso ed è stata presa tenendo in considerazione il fatto che entrambe le realtà operano soprattutto a Ginevra, in ambito politico e che si indirizzano a un pubblico in parte simile.

In settembre Stauffer, cofondatore del "Mouvement citoyens genevois" (MCG), da cui si era dimesso nel 2016, aveva annunciato il lancio di "Genève en marche": ogni rassomiglianza con il movimento francese "La République En Marche!" di Emmanuel Macron è a suo avviso puramente fortuita.

In aprile, alle elezioni cantonali ginevrine, il partito no ha raggiunto il quorum del 7% necessario per entrare in parlamento. Il partito, creato appositamente in settembre per queste elezioni, verrà sciolto e Stauffer si ritirerà dalla vita politica.
 
 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 11:59:01 | 91.208.130.87