Tipress
APPENZELLO ESTERNO
07.02.2018 - 15:030

Uccise un compatriota dopo una rissa tra i figli, condannato

Confermata in appello la sentenza a 9 anni di carcere per un 52enne kosovaro. I fatti risalgono al 2015

HEIDEN - Il tribunale d'appello di Appenzello Esterno ha confermato una condanna a nove anni di reclusione per un kosovaro di 52 anni: l'uomo uccise un compatriota durante una discussione all'indomani di una rissa a cui avevano partecipato i rispettivi figli.

La sera di sabato 21 marzo 2015 a Heiden (AR) era avvenuta una zuffa cui avevano partecipato diversi giovani. Il giorno dopo era previsto un colloquio chiarificatore sullo spiazzo antistante la scuola. Fra i presenti vi era anche il figlio dell'imputato, che aveva preso parte alla scazzottata della vigilia: accortosi che altri ragazzi si erano presentati con il padre, aveva telefonato al proprio domicilio, parlando con il genitore.

L'uomo prese un coltello da cucina e si mise in marcia verso la scuola. Una volta arrivato sul posto partirono subito le prime ingiurie e la situazione precipitò: il kosovaro estrasse il coltello e si avventò sul padre di un antagonista del figlio, che subì un colpo mortale.

Nell'agosto 2016 l'accoltellatore è stato condannato a nove anni per omicidio intenzionale. Il kosovaro aveva impugnato la sentenza, chiedendo una pena più mite: sosteneva di aver agito per legittima difesa poiché rischiava di essere strangolato. I magistrati d'appello hanno però confermato il giudizio di primo grado.

Tags
compatriota
figli
appello
rissa
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-23 18:49:45 | 91.208.130.86