Keystone
FRANCIA/SVIZZERA
06.02.2018 - 19:190
Aggiornamento 21:29

Tariq Ramadan resta in carcere

La decisione è stata presa a porte chiuse dal giudice delle misure coercitive

PARIGI - Tariq Ramadan resta in carcere: l'islamologo svizzero accusato di stupro e posto in stato di arrestato venerdì a Parigi rimane in detenzione preventiva, conformemente alle richieste della procura, hanno indicato fonti giudiziarie. La decisione è stata presa a porte chiuse dal giudice delle misure coercitive.

Intellettuale controverso, Ramadan è nel mirino delle denunce presentate da due donne - entrambe musulmane - per fatti risalenti al 2009 e al 2012. Il 55enne nipote del fondatore del movimento fondamentalista dei "Fratelli musulmani" nega gli addebiti. È accusato di stupro e di stupro nei confronti di una persona vulnerabile.

Tags
ramadan
ramadan resta
tariq ramadan
carcere
tariq ramadan resta
stupro
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-20 00:43:32 | 91.208.130.86