ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
18 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
BASILEA
01.11.2017 - 15:310

Rischio scosse, riaperto il foro di perforazione

BASILEA - È terminata la riapertura del foro di perforazione dell'abbandonato progetto di centrale geotermica a Basilea. L'operazione si è resa necessaria in quanto la pressione, aumentando, aveva provocato un incremento di microsismi.

Durante il processo di riapertura della cavità, profonda 5000 metri e chiusa nel 2011, non si è prodotta alcuna scossa sensibile del terreno, ma solamente un piccolo numero di microsismi molto deboli, hanno indicato oggi in una nota il Dipartimento della sanità di Basilea Città e i Servizi industriali basilesi. Nei mesi precedenti ai lavori, il sisma di maggior rilievo aveva raggiunto una magnitudo di 1,9 nell'autunno 2016, risultando comunque impercettibile per gli esseri umani, che li avvertono dai 2,5 gradi in su.

Il buco, situato a Kleinhüningen, quartiere del nord della città renana, è stato riaperto regolarmente per brevi periodi di tempo da luglio, in modo da ridurre la pressione. Per evitare che questa torni ad alzarsi, la cavità resterà schiusa, mentre si cercherà di trovare una soluzione per metterla in sicurezza a lungo termine.

Il progetto di centrale geotermica era stato definitivamente abbandonato dall'esecutivo cantonale nel dicembre 2009, proprio a causa del rischio sismico. L'8 dicembre 2006 si era prodotto un terremoto di 3,4 gradi sulla scala Richter, con scosse di assestamento che si sono protratte fino all'anno successivo.
 
 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:13:38 | 91.208.130.85