GINEVRA
07.11.2016 - 17:080

Falso allarme bomba all'aeroporto, la fattura è salata

La polizia ginevrina ha addebitato i 50.000 franchi del costo dell'intervento al cittadino indiano che aveva lanciato il falso allarme

GINEVRA - La polizia ginevrina ha fatturato 50'000 franchi all'autore del falso allarme bomba che in settembre aveva ritardato il decollo di un aereo della compagnia Aeroflot diretto da Ginevra a Mosca. L'importo rappresenta il costo dell'intervento.

Annunciata da Le Matin oggi, la notizia è confermata dal portavoce della polizia di Ginevra Jean-Claude Cantiello. L'autore del falso allarme bomba è un cittadino indiano di 39 anni residente a Montreux (VD), giunto in ritardo all'aeroporto di Ginevra-Cointrin.

Sperando di poter ancora salire sul velivolo, l'uomo si era rivolto a uno sportello, dichiarando che una bomba si trovava a bordo dell'aereo. I 115 passeggeri erano stati costretti a scendere e a identificare i loro bagagli. L'apparecchio era poi stato perquisito dagli artificieri della polizia.

Riconosciuto colpevole di pubblica intimidazione, il cittadino indiano è già stato condannato dal Ministero pubblico di Ginevra a sei mesi di carcere da espiare.

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 12:10:02 | 91.208.130.89