ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Coty: fino a 350 impieghi a rischio a Ginevra
SVIZZERA
10 min
«Il Consiglio federale è pronto a sospendere Schengen?»
SVIZZERA
14 min
Tassi e franchigie: i sindacati accusano, casse pensioni preoccupate, banche soddisfatte
SVIZZERA
53 min
«A che punto siamo con la lotta alla mafia?»
GRIGIONI
1 ora
2 milioni di franchi per ripensare Mulegns
SVIZZERA
1 ora
Vini in crisi, i cantoni romandi chiedono una mano a Berna
BERNA
2 ore
Stop alla triturazione di pulcini vivi
SVIZZERA
2 ore
La rendita per figli alle persone in AI non diminuirà
SVIZZERA
3 ore
Bns: il franco si rafforza, i titoli delle banche salgono e gli analisti... analizzano
BASILEA CAMPAGNA
3 ore
25'000 franchi di ricompensa e il delinquente finisce in prigione
ZURIGO
3 ore
Donna morta in appartamento, arrestata una 36enne
SVIZZERA
4 ore
Pilatus, effetto sospensivo per il ritiro del personale dagli Emirati Arabi
SVIZZERA
5 ore
BKW rileva Swisspro
SVIZZERA
5 ore
Caccia, la legge incassa il favore delle Camere federali
APPENZELLO INTERNO
5 ore
Precipita per 120 metri, muore un escursionista 85enne
SVIZZERA
04.02.2015 - 17:070
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

L'ONU bacchetta la Svizzera: "Maggiori controlli"

Sono stati chiesti più controlli relativamente alle multinazionali. Berna dovrebbe inoltre proibire esplicitamente le punizioni corporali e rafforzare le misure di lotta all'obesità

BERNA - Il comitato delle Nazioni Unite sui diritti del bambino ha chiesto oggi alla Svizzera di controllare meglio le sue multinazionali nell'ambito del rispetto dei diritti umani all'estero, poiché le misure di autoregolazione volontarie previste dalla Confederazione non bastano. Berna dovrebbe inoltre proibire esplicitamente le punizioni corporali e rafforzare le misure di lotta all'obesità.

I 18 esperti del comitato, che il 21 e 22 gennaio hanno discusso del rapporto sulla Svizzera, incitano la Confederazione a "creare un quadro regolatore chiaro per le società attive sul suo territorio" che preveda l'obbligo di rispettare i diritti del fanciullo nelle loro attività all'estero.

Berna dovrebbe accelerare l'adozione di una strategia che consenta di garantire che le attività delle aziende "non abbiano effetti negativi sui diritti umani e non minaccino l'ambiente, i diritti del lavoro e altre norme, in particolare i diritti del bambino". Bisogna fare in modo che società e filiali che operano sul territorio elvetico o che sono gestite a partire dalla Svizzera siano giuridicamente responsabili di ogni violazione dei diritti umani, aggiunge il comitato dell'ONU.

Gli esperti raccomandano anche alla Svizzera di ritirare le ultime riserve sulla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, ratificata ufficialmente da Berna nel febbraio del 1997. In questo ambito, la Confederazione dovrebbe inoltre armonizzare le leggi cantonali e federali, creare un organo di coordinamento per la messa in atto della convenzione e migliorare la raccolta dati.

D'altro canto le autorità elvetiche dovrebbero intensificare gli sforzi per eliminare le discriminazioni dei bambini emarginati, in particolare dei figli di immigrati illegali, di rifugiati e di richiedenti l'asilo. Affinché il fanciullo sia rispettato ed ascoltato sulle decisioni che lo riguardano è importante una formazione adeguata a tutti i livelli dell'amministrazione e della giustizia.

Alla Svizzera il comitato di esperti dell'ONU chiede anche di controllare l'offerta di prodotti ad alto contenuto di grassi e zuccheri destinati ai bambini, di promuovere l'allattamento materno e di adottare un piano di prevenzione dei suicidi. La Confederazione è invitata a presentare il prossimo rapporto sul rispetto dei diritti del bambino entro il settembre del 2020.

 

ats

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 15:23:54 | 91.208.130.86