ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
3 ore
Un furgone blindato assaltato anche a Berna: «Bottino da 4.5 milioni»
Il furto è avvenuto nel mese di luglio, ma è stato divulgato solo adesso. Il Tribunale Federale ha risposto picche alla richiesta di scarcerazione dell'autista, arrestato per complicità nel colpo
BERNA
5 ore
Ridurre alla fame la popolazione civile diventa un crimine di guerra
La novità, introdotta su iniziativa svizzera, è stata adottata dall'Assemblea degli Stati membri della CPI
SVIZZERA
8 ore
Depakin a donne incinte, 34 casi di malformazione dal 1990
L'ultima notifica risale allo scorso anno e riguarda una gravidanza nel 2014
SVIZZERA
9 ore
Sanità2030, tre parole chiave: digitale, lavoro e ambiente
Tra le sfide prioritarie restano anche quelle legate all'alta qualità dell'assistenza sanitaria e l'evoluzione demografica
SVIZZERA
9 ore
Caricatura sugli zingari, il Tribunale conferma: «È discriminazione»
I giudici hanno convalidato la condanna affibbiata ai due co-presidenti dei Giovani UDC Nils Fiechter e Adrian Spahr per una vignetta razzista pubblicata sui social
SVIZZERA
10 ore
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
11 ore
Perché due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
11 ore
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
BERNA
11 ore
Terrorismo e lotta alle mafie: nuova strategia per il periodo 2020-2023
La risposta deve essere «globale, multidimensionale e poggiare sulla cooperazione e lo scambio di informazioni»
BERNA
16.09.2013 - 15:540
Aggiornamento : 04.11.2014 - 05:41

Ps vuole misure d'accompagnamento per dumping, affitti e formazione

BERNA - Libera circolazione sì, ma solo a condizione che vengano adottate nuove misure di accompagnamento per combattere il dumping salariale, l'esplosione degli affitti e la sostituzione della manodopera residente. È quanto chiede il documento approvato dal Comitato direttivo del Partito socialista e presentato oggi in una conferenza stampa a Berna. Se queste rivendicazioni non saranno accolte, il PS ha ribadito che non sosterrà l'estensione della libera circolazione alla Croazia.

Senza la sinistra, la votazione sull'estensione - prevista nel 2015 - non potrà essere vinta, ha detto il presidente Christian Levrat davanti ai media. "Non si tratta di un ricatto", ma "contrariamente ai partiti di centro-destra, noi non consideriamo che la libera circolazione in sé porti a un miglioramento della qualità di vita per tutti".

Il testo presentato oggi, che sarà sottoposto all'assemblea dei delegati il 26 ottobre, propone una serie di correttivi, in primo luogo l'introduzione di salari minimi per evitare che i lavoratori residenti vengano sostituti da stranieri pagati meno. Nelle regioni di frontiera, come il Ticino, i socialisti chiedono l'adozione di misure specifiche per garantire controlli più severi e di aumentare le competenze delle commissioni tripartite.

La Confederazione deve anche mettere a disposizione maggiori fondi per la costruzione di alloggi ad affitti corretti e proteggere maggiormente gli inquilini da aumenti di pigione ingiustificati. Bisogna inoltre incrementare i posti di formazione nei settori dove vi è attualmente una penuria. Ricorrere costantemente a specialisti formati all'estero non è né solidale, né sostenibile, afferma il PS.

Senza nuove misure di accompagnamento nei settori del lavoro, dell'alloggio e della formazione, il PS non sosterrà la campagna per l'estensione della libera circolazione. Il partito non può dire già oggi quali saranno le raccomandazioni di voto ma "è evidente che se il Consiglio federale non si muoverà, mi opporrò all'estensione a titolo personale", ha annunciato il presidente socialista.

Malgrado la forte crescita economica degli ultimi anni infatti, il livello di vita di molte persone non è aumentato. Il problema del dumping salariale è ancora ben presente, soprattutto nei settori non coperti da una convenzione collettiva di lavoro (CCL) e nelle regioni di frontiera come Ticino, Ginevra e e Arco giurassiano. I lavoratori stranieri vengono troppo spesso preferiti alla manodopera residente. Diversi studi hanno provato ad esempio che gli immigrati di vecchia data vengono sostituiti dai nuovi arrivati. Ma questo fenomeno si riscontra, ad esempio, anche fra i medici: il numerus clausus nelle facoltà impedisce a studenti svizzeri di seguire la formazione che desiderano, per per ovviare alla penuria si ricorre a medici stranieri.

La promozione economica aggressiva tramite sgravi fiscali per attirare nuove imprese ha causato una crescita dell'immigrazione. Questa pressione, oltre ad aver fatto lievitare gli affitti in alcune regioni, ha penalizzato le piccole e medie imprese, ha causato danni al territorio e un sovraccarico delle infrastrutture di trasporto. Senza contare che, mentre il carico fiscale delle imprese è stato alleggerito, le PMI, i salariati e i consumatori sono sempre più tassati.



ATS
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 00:07:00 | 91.208.130.89