ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
36 min
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
VAUD
37 min
Auto esce di strada e prende fuoco, morto un 21enne
Il giovane stava viaggiando sulla strada cantonale fra La Coudre VD e L'Isle, quando per ragioni non ancora note ha perso il controllo del veicolo
SVIZZERA
50 min
Accordo di libero scambio per Trump, clima per Sommaruga
La presidente della Confederazione ha detto di voler discutere non solo di economia, ma anche di clima e buoni uffici
SVIZZERA
1 ora
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
2 ore
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
GRIGIONI
2 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
SVIZZERA
3 ore
I migranti vulnerabili non vanno in Italia, Quadri non ci sta
«Il Tribunale amministrativo federale sabota l'accordo di Dublino» secondo il consigliere nazionale leghista
SAN GALLO
3 ore
Carcere, multa e terapia stazionaria per l'ex dipendente dell'asilo
L'uomo è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali e di aver diffuso materiale pedopornografico su internet
FOTO E VIDEO
BERNA
3 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
BERNA
3 ore
Globus chiude due negozi, persi 85 posti di lavoro
La catena di grandi magazzini, per la quale Migros è alla ricerca di un acquirente, chiuderà due punti vendita nel Canton Berna
GRIGIONI
01.03.2013 - 08:410
Aggiornamento : 16.10.2014 - 22:24

Olimpiadi 2022, sì o no?

Gli argomenti pro e contro di due dei principali esperti

COIRA - Pro o contro le Olimpiadi invernali nei Grigioni? A confronto le opinioni di Tarzisius Caviezel, presidente dell’Associazione Grigioni 2022 e Stefan Grass, responsabile del Comitato critico verso le Olimpiadi dei Grigioni.

Signor Grass, lei lotta contro la candidatura grigionese alle Olimpiadi. È perché non le piace lo sport?

Grass: No, mi interessa lo sport. Ma nel caso della candidatura non si tratta di sport, ma di profitto.

Caviezel: Naturalmente, oltre agli aspetti finanziari, sono quelli sportivi a essere centrali. I Giochi sono un evento bellissimo. Farli nei Grigioni è un onore e poi siamo in grado di organizzare Olimpiadi.

 

La Svizzera vuole reinventare i Giochi olimpici invernali?

Caviezel: Non vogliamo che si tengano partite di hockey in piste di città e che le competizioni sciistiche sulle montagne. Sono due eventi separati. La forza della candidatura grigionese, è che si può fare tutto in un posto solo.

Grass: I Giochi si terrebbero a St. Moritz e a Davos, due villaggi troppo piccoli per un evento di questo tipo. Inoltre, si tratta di località conosciute che non hanno bisogno ancora più pubblicità.

 

È per caso invidioso signor Grass?

Grass: No. Le esperienze dimostrano che il trend resiste solo durante i Giochi. Le Olimpiadi non aggiungono valore ai Grigioni, solo inquinamento e rumore.

Caviezel: Che stupidata! I Giochi hanno un valore aggiunto enorme. Ne può approfittare tutto il cantone, dal turismo all’infrastruttura.

 

Però le Olimpiadi costerebbero miliardi e sarebbero un problema per l’ambiente...

Caviezel: Si tratta di argomenti campati in aria. Gli avversari pensano anche che bisogna rifare le infrastrutture. Invece, molti edifici ci sono già, per esempio grazie ai mondiali di sci del 2017 di St. Moritz.

Grass: I progetti edili non sono ancora stati presentati. In questo modo, abbiamo un progetto a scatola chiusa. I costi saranno molto elevati.

 

La Confederazione afferma che ha i costi sotto controllo e che si assume il deficit.

Grass: È vero per i costi di svolgimento. Ma i costi di infrastruttura e sicurezza non sono stati calcolati in tutta la loro ampiezza.

Caviezel: Sono invece stati pubblicati nell’estate scorsa. È tutto trasparente, non c’è rischio di deficit.

Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 18:40:42 | 91.208.130.85