Immobili
Veicoli

SVIZZERAEcco cosa succederà se la Svizzera boicotta petrolio e gas russo

05.04.22 - 20:47
Un folto gruppo di politici e celebrità chiede alla Confederazione di rinunciare alle fonti energetiche russe.
REUTERS/Alexey Malgavko
Fonte 20Minuten/Fabian Pöschl
Ecco cosa succederà se la Svizzera boicotta petrolio e gas russo
Un folto gruppo di politici e celebrità chiede alla Confederazione di rinunciare alle fonti energetiche russe.
L'appello arriva dopo lo shock globale della tragedia di Bucha.

BERNA - Centinaia di cadaveri per strada. Fosse comuni. E una città rasa al suolo. Il mondo è rimasto a bocca aperta davanti alle immagini del massacro di Bucha, diffusesi durante la giornata di domenica. Ora un centinaio di politici, accademici ed esponenti dell’arte e della cultura rossocrociati chiedono che la Svizzera smetta di acquistare petrolio e gas russo. 

L'energia della Russia finanzia la guerra, scrivono nell'appello inoltrato al Consiglio federale. A condividere il messaggio su Twitter, il regista Samir Jamar al Din e il consigliere nazionale socialista Fabian Molina. Ma quali sarebbero le conseguenze di un boicottaggio di questo tipo per la Svizzera? Gli esperti rispondono. 

Stiamo finanziando la guerra russa con soldi per petrolio e gas?
No. Il complesso militare russo è in gran parte indipendente dalle relazioni economiche con l'Occidente, afferma l'economista militare Marcus Matthias Keupp. Le armi che la Russia sta attualmente utilizzando in Ucraina sono già state fabbricate in passato. Carburante e rifornimenti sarebbero inoltre prodotti in Russia.

Un boicottaggio abbrevierebbe la guerra?
Difficilmente. Se l'Occidente non acquista petrolio e gas russo, Paesi come la Cina o l'India ne comprerebbero una parte, afferma Matthias Geissbühler, responsabile degli investimenti di Raiffeisen Svizzera. Inoltre, secondo l'economista militare Keupp, se ciò non fosse più possibile, la Russia potrebbe compensare ciò con i soldi del fondo di previdenza sociale. Questo funzionerebbe però solo per un breve periodo senza causare disordini tra la gente, afferma l'economista Petra Huth di Huth Consulting. «La popolazione russa sta già soffrendo. Una tale redistribuzione aumenterebbe ancora di più il fabbisogno», afferma Huth. Ma non c'è da aspettarsi una rivoluzione, afferma l'economista Anna Stünzi.

Possiamo fare a meno del petrolio e del gas russi?
Una deroga sarebbe possibile, afferma l'esperto di Raiffeisen Geissbühler. Probabilmente ci sarà presto un sostituto del petrolio russo, ad esempio dalla Norvegia o dall'Arabia Saudita. Ma le sostituzioni potrebbero non essere disponibili in Europa prima di tre anni, quando verranno costruiti i rigassificatori (impianti industriali che permettono di riportare il gas dallo stato liquido, usato per il trasporto via mare, a quello gassoso, per il consumo finale ndr.). 

Le conseguenze sarebbero evidenti, continua Geissbühler. Il gas non serve infatti solo per il riscaldamento, ma anche nell'industria. Alcune aziende chimiche dovrebbero probabilmente interrompere temporaneamente la produzione. Ciò avrebbe conseguenze per l'intera filiera. Molti prodotti chimici sono prodotti primari per l'industria automobilistica, per i prodotti di consumo e per gli imballaggi in plastica. «Quasi tutti i prodotti contengono prodotti petrolchimici, se non ce ne sono i prodotti diventano rari e costosi», afferma Geissbühler.

Cosa potremmo fare allora contro la guerra?
L'economista militare Keupp suggerisce di inondare i mercati di petrolio e gas. Ad esempio, il petrolio dall'Iran potrebbe aiutare a ridurre i prezzi con un eccesso di offerta. Se il prezzo del petrolio scendesse sotto i 75 dollari, danneggerebbe la Russia, sottolinea Keupp. Dal canto suo, Geissbühler trova l'idea interessante ma irrealistica. Il più importante produttore di petrolio dell'Arabia Saudita non ha alcun interesse ad inondare i mercati e ad abbassare i prezzi del petrolio, perché la sua stessa economia crollerebbe. Anche paesi come l'Angola o la Nigeria non avrebbero l'opportunità di aumentare rapidamente la produzione.

La Svizzera potrebbe continuare ad acquistare petrolio e gas se l'UE decidesse di boicottarli?
No. Se l'UE dovesse tagliare fuori il petrolio e il gas russo, anche la Svizzera non ne otterrebbe più, spiega infine Geissbühler.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA