Keystone
SVIZZERA
05.04.2021 - 08:000
Aggiornamento : 10:23

«A causa delle mutazioni la Confederazione dovrebbe ordinare più vaccini»

Due dosi potrebbero non essere sufficienti, e in futuro potrebbero volerci dei richiami

È quanto sostiene l'ex vice direttore dell'UFSP Andreas Faller.

BERNA - Andreas Faller, ex vice direttore dell'Ufficio federale di sanità pubblica, attraverso il domenicale SonntagsZeitung ha esortato i suoi ex colleghi ad aumentare l'approvvigionamento dei vaccini. 

«Le nuove varianti ci terranno occupati per molto tempo. È quindi importante che la Svizzera affronti i prossimi mesi ben preparata» ha dichiarato Faller. «La quantità dei vaccini che il governo ha prenotato finora è insufficiente. Non bisogna pensare solo alla situazione attuale, ma anche alle future ondate o pandemie». 

Faller rilancia ancora l'idea di una produzione propria in Svizzera con Lonza. «Le capacità di produzione svizzere in collaborazione con l'industria garantirebbero la sicurezza dell'approvvigionamento di vaccini per la nostra popolazione a lungo termine, anche in caso di pandemie future». 

Le case farmaceutiche si preparano - La comunità scientifica invece non vuole farsi trovare impreparata, e sta già lavorando a nuovi vaccini che proteggono anche dalle varianti, e ai vaccini "di richiamo" per estendere la protezione. Quelli di Moderna dovrebbero essere disponibile entro la fine dell'anno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 5 mesi fa su tio
Una plandemia non si contiene con vaccini imperfetti. In questo caso il virus ringrazia e si potenzia. Così vengono immessi sul mercato farmaci che contengono gli effetti collaterali e, ovviamente, dei richiami cadenzati che assicurano ai produttori un indotto al di fuori delle leggi di mercato. L'unico modo per indebolire il virus è prendersi cura dei soggetti a rischio prima che contraggano la malattia e curare i malati con le giuste cure.
Luca 68 5 mesi fa su tio
se i vaccini coprono poco più di sei mesi è evidente che ci vorranno i richiami,
F/A-19 5 mesi fa su tio
La confederazione ha talmente a cuore la nostra salute che per le festività di Pasqua ha fermato le vaccinazioni, complimenti. Hanno intenzione di farsi anche qualche ponte?
pillola rossa 5 mesi fa su tio
I numeri di oggi: nuovi casi, ospedalizzati, dimessi, morti, risorti
Ro 5 mesi fa su tio
Ma d’altronde se si fermano le vaccinazioni per la Pasqua ..... . Sono sempre stato con il consiglio federale ma ora assolutamente NO ! Se ci si mette anche Berna a essere irresponsabile siamo in guai grossi. Stessa situazione anche in Europa a parte la Gran Bretagna. Parei che non si voglia uscire da questa grave situazione. Che succede ? Mancano i vacccini ? Su questo non ci piove, d’altronde i brevetti sono più importanti che la vita della gente. Ecco dove siamo giunti. Da esserne orgogliosi, eh sì !, Astrazeneca = trombosi anche se rari, ma se tocca a te ? Che il problema sia poi con le aperture a macchia di leopardo ? Probabile. Solo che andando avanti con questa situazione si porto ai limiti la pazienza della popolazione. Non bloccando le vaccinazioni la gente rimarrebbe un po’ più tranquilla anche psicologicamente ma pare non ci si renda conto ai piani alti. Mah ! Giusto o sbagliato che sia.
Thomseb 5 mesi fa su tio
E vai!!!
gmogi 5 mesi fa su tio
Se l’UE ve lo permette....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 12:57:11 | 91.208.130.85