Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
10.02.2021 - 12:560

Metà degli operatori culturali romandi teme «di non farcela»

La Task Force Culture Romande lancia l'allarme: «Personale tecnico e artisti sono in grosse difficoltà finanziarie».

Particolarmente grave è la situazione dei lavoratori: «Quando i datori di lavoro sono in difficoltà e ottengono solo l'80% delle loro perdite, questo si ripercuote sui dipendenti».

LOSANNA - A un anno dall'inizio della pandemia, quasi la metà degli operatori culturali della Svizzera romanda (43%) teme di dover cambiare professione a causa delle difficoltà finanziarie. È quanto rivela un sondaggio pubblicato oggi dalla Task Force Culture Romande. Il personale tecnico (58%) si sente ancora più minacciato rispetto agli artisti (41%).

Il sondaggio è stato condotto tra 513 persone e 270 associazioni, istituzioni e imprese del settore culturale romando tra metà dicembre 2020 e fine gennaio 2021. «Si nota chiaramente la dicotomia tra l'importante sostegno finanziario della Confederazione a fondo perso e il fatto che questi aiuti non arrivano», sottolinea Anne Papilloud, segretaria generale del Syndicat Suisse Romand du Spectacle (SSRS), coautrice dell'inchiesta assieme a Stéphane Morey dell'Associazione romanda della produzione audiovisiva (Aropa).

Salariati non risparmiati - La maggior parte dei partecipanti al sondaggio sono dipendenti. Sono i lavoratori autonomi (55%) a essere più colpiti dagli effetti della crisi e ci si chiede come mai i dipendenti (34%) soffrano così tanto nonostante la diversità degli aiuti. Teoricamente - spiega Anne Papilloud - il meccanismo istituito dall'Ufficio federale della cultura, i cantoni e i comuni funziona bene. «In realtà, molte sale che avevano in programma spettacoli non sono state in grado di mantenere i contratti».

Le sale e i teatri comunali non hanno la possibilità di pagare per spettacoli che non si sono svolti e i contratti sono stati annullati. In altri casi, i datori di lavoro sono aziende indipendenti o fornitori di servizi attivi nei settori tecnici e degli eventi. «Quando i datori di lavoro sono in difficoltà e ottengono solo l'80% delle loro perdite, questo si ripercuote sui dipendenti».

Ricorso a Suisseculture sociale scarso - Pochi artisti della Svizzera francese hanno fatto ricorso a Suisseculture sociale, il fondo sociale per gli artisti sostenuto dall'Ufficio federale della cultura. Questo è probabilmente dovuto al fatto che gli standard non sono molto distanti da quelli della Conferenza svizzera delle istituzioni di assistenza sociale (CSIAS), cioè dell'assistenza sociale. Poiché i criteri sono molto bassi, tanti artisti si sono trovati in difficoltà finanziarie senza soddisfare i criteri di Suisseculture sociale.

La metà delle istituzioni e degli attori culturali hanno attinto alle riserve o ai risparmi personali. E uno su cinque ha fatto affidamento su un lavoro supplementare. Nel complesso, quasi un'impresa culturale su due (46%) e altrettanti (47%) operatori culturali considerano la loro situazione finanziaria da grave a catastrofica.

Le imprese sovvenzionate, senza sorpresa, se la cavano meglio degli indipendenti. Il 69% di questi ultimi valutano la loro situazione da grave a catastrofica, mentre solo il 37% di chi riceve sovvenzioni ha un giudizio altrettanto negativo.

Le risposte al sondaggio provengono dai sei cantoni francofoni e da Berna, ma soprattutto dai cantoni di Vaud e Ginevra, così come dai settori del teatro, della musica e dell'audiovisivo. La metà dei partecipanti sono dipendenti, un quarto sono lavoratori autonomi e quasi uno su cinque sono entrambi. Tra le imprese culturali che hanno partecipato al sondaggio, la grande maggioranza sono associazioni. La Task Force Culture Romande riunisce nove sindacati o associazioni di artisti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 02:45:50 | 91.208.130.89