Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Esteban Felix)
Sempre più persone sono disposte a vaccinarsi contro il Covid-19.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
44 min
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
BASILEA CITTÀ
50 min
Tentata rapina a Basilea, ferito un 45enne
Nessuna traccia dell'autore dell'aggressione: la vittima è stata colpita alle spalle
SVIZZERA
1 ora
Anche il PLR riapre il dossier nucleare
Il 12 febbraio l'assemblea dovrebbe preannunciarsi sul ricorrere a impianti di nuova generazione
VAUD
2 ore
Caduta mortale per un operaio
L'incidente è avvenuto nel cantiere per una piscina al centro sportivo di Malley
VALLESE
2 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
SVIZZERA
2 ore
Alleanza del Centro e Verdi Liberali in assemblea
Si parlerà delle votazioni del 13 febbraio, ma anche di Europa e AVS
NIDVALDO
3 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
3 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
SVIZZERA
4 ore
Le vittime di aggressioni sessuali criticano l'operato della polizia
Chiunque segnali una violenza di questa natura deve essere interrogata
SVIZZERA
13 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
SVIZZERA
15.01.2021 - 19:270
Aggiornamento : 20:38

Aumenta la percentuale di svizzeri disposti a farsi vaccinare

In ottobre la percentuale dei favorevoli era al 16%, ora è salita al 41%.

Il 29% degli interpellati da Sotomo per la SSR, però, ritiene che si stia procedendo troppo lentamente.

BERNA - Il vaccino contro il SARS-CoV-2 riscontra ora più favori fra la popolazione svizzera. Secondo un sondaggio di Sotomo per la SSR, la percentuale di persone disposte a farsi vaccinare il prima possibile è aumentata notevolmente rispetto all'ultimo rilevamento dell'autunno scorso.

In ottobre, il 16% degli intervistati aveva detto che sarebbe stato disposto a farsi vaccinare non appena fosse stato disponibile un vaccino. Nell'ultimo sondaggio, la quota è salita al 41%. Tra gli scettici che rifiutano l'iniezione il tasso è invece sceso solo leggermente: dal 28% al 24%.

Il vaccino è particolarmente popolare tra gli over 65 e nella Svizzera italiana. Gli uomini sono più propensi rispetto alle donne. Coloro che non vogliono farsi vaccinare affermano il più delle volte di temere gli effetti collaterali e preferiscono dare la priorità alle persone vulnerabili.

Riguardo al ritmo di vaccinazione il 29% degli interpellati lo ritiene troppo lento, il 53% lo giudica accettabile e il 19% troppo rapido.

Le misure anti-Covid - Le misure annunciate mercoledì dal Consiglio federale suscitato reazioni diverse. La chiusura dei negozi che vendono prodotti non essenziali è mal vista dal 56% degli intervistati. Si tratta della prima volta che una misura preventiva di ampia portata non è sostenuta dalla maggioranza della popolazione, sottolineano gli autori dell'indagine.

Al telelavoro obbligatorio sono invece favorevoli i tre quarti. L'ipotesi della chiusura delle scuole elementari riscontra solo il 20% dei favori. Riguardo agli ultimi anni della scuola dell'obbligo, il 43% potrebbe immaginare un ritorno alla formazione a distanza. Per l'istruzione post-obbligatoria (scuole professionali e licei), la percentuale è del 58%.

Quanto alle piste da sci la maggioranza vorrebbe che fossero aperte, mentre il 37% auspica una chiusura in tutto il Paese. Solo il 10% vuole il sistema attuale, ossia che un cantone possa decidere da solo a seconda della situazione sanitaria del suo territorio.

Sentimenti e paure - Dopo dieci mesi di epidemia, la paura dell'isolamento sociale aumenta. E nella seconda ondata è cambiata anche la percezione dell'atmosfera. La primavera scorsa la maggior parte degli interpellati parlava di contatti umani improntati all'"amicizia" e alla "solidarietà", ora vede segni di "diffidenza", "egoismo" e "aggressione". In gennaio i toni sono migliorati un po'.

Il sondaggio fornisce anche alcune cifre sull'epidemia: il 7% degli intervistati ha dichiarato di essere risultato positivo. Un altro 7% ha avuto sintomi legati alla Covid, ma non si è sottoposto a test. Questo tasso risulta però più alto fra i giovani.

Sotomo ha effettuato l'indagine online tra l'8 e l'11 gennaio. Le risposte di 43'797 partecipanti sono state ponderate e analizzate. Il margine di errore è di 1,1 punti percentuali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
"Dopo dieci mesi di epidemia, la paura dell'isolamento sociale aumenta..." Stranissimo
InLineadiMass 1 anno fa su tio
Al massimo potrebbe essere aumentta la percentuale tra gli intervistati. Una domanda fuori contesto: Come mai si può commentare solo certi articoli? Grazie.
pillola rossa 1 anno fa su tio
@InLineadiMass Decide il padrone, a dipendenza degli interessi
Meck1970 1 anno fa su tio
Benissimo
Meck1970 1 anno fa su tio
Benissimo.
Boh! 1 anno fa su tio
In una pandemia o ci si ammala, o ci si vaccina. Tutto il resto sono interessanti opinioni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 12:10:12 | 91.208.130.89