keystone-sda.ch / STF (Esteban Felix)
Sempre più persone sono disposte a vaccinarsi contro il Covid-19.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 min
Governo grigionese molto deluso da Berna
Le decisioni del Consiglio federale costringeranno i comprensori sciistici a chiudere le terrazze.
SVIZZERA
6 min
Meno neuroni nel cervello con l'età? La chiave è una proteina
La speranza dei ricercatori è poter aiutare coloro che soffrono di malattie degenerative come l'Alzheimer
SVIZZERA
30 min
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
TURGOVIA
49 min
Annega per salvare il suo cane
Una donna di 65 anni ha perso la vita nelle acque del fiume Thur, a Weinfelden.
SVIZZERA/CINA
59 min
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
1 ora
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
1 ora
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
SCIAFFUSA
2 ore
Ha accoltellato la nonna
Emergono nuovi dettagli sul delitto che si è consumato martedì sera nel Canton Sciaffusa
ARGOVIA
2 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
FRIBURGO
3 ore
Salvato a un passo dal precipizio
Un escursionista di 70 anni si è perso ieri pomeriggio nei boschi di Marly.
SVIZZERA
3 ore
Nessuno sconto alla ristorazione (per ora)
I provvedimenti presentati dal Governo la scorsa settimana sono stati quasi completamente confermati.
SVIZZERA
15.01.2021 - 19:270
Aggiornamento : 20:38

Aumenta la percentuale di svizzeri disposti a farsi vaccinare

In ottobre la percentuale dei favorevoli era al 16%, ora è salita al 41%.

Il 29% degli interpellati da Sotomo per la SSR, però, ritiene che si stia procedendo troppo lentamente.

BERNA - Il vaccino contro il SARS-CoV-2 riscontra ora più favori fra la popolazione svizzera. Secondo un sondaggio di Sotomo per la SSR, la percentuale di persone disposte a farsi vaccinare il prima possibile è aumentata notevolmente rispetto all'ultimo rilevamento dell'autunno scorso.

In ottobre, il 16% degli intervistati aveva detto che sarebbe stato disposto a farsi vaccinare non appena fosse stato disponibile un vaccino. Nell'ultimo sondaggio, la quota è salita al 41%. Tra gli scettici che rifiutano l'iniezione il tasso è invece sceso solo leggermente: dal 28% al 24%.

Il vaccino è particolarmente popolare tra gli over 65 e nella Svizzera italiana. Gli uomini sono più propensi rispetto alle donne. Coloro che non vogliono farsi vaccinare affermano il più delle volte di temere gli effetti collaterali e preferiscono dare la priorità alle persone vulnerabili.

Riguardo al ritmo di vaccinazione il 29% degli interpellati lo ritiene troppo lento, il 53% lo giudica accettabile e il 19% troppo rapido.

Le misure anti-Covid - Le misure annunciate mercoledì dal Consiglio federale suscitato reazioni diverse. La chiusura dei negozi che vendono prodotti non essenziali è mal vista dal 56% degli intervistati. Si tratta della prima volta che una misura preventiva di ampia portata non è sostenuta dalla maggioranza della popolazione, sottolineano gli autori dell'indagine.

Al telelavoro obbligatorio sono invece favorevoli i tre quarti. L'ipotesi della chiusura delle scuole elementari riscontra solo il 20% dei favori. Riguardo agli ultimi anni della scuola dell'obbligo, il 43% potrebbe immaginare un ritorno alla formazione a distanza. Per l'istruzione post-obbligatoria (scuole professionali e licei), la percentuale è del 58%.

Quanto alle piste da sci la maggioranza vorrebbe che fossero aperte, mentre il 37% auspica una chiusura in tutto il Paese. Solo il 10% vuole il sistema attuale, ossia che un cantone possa decidere da solo a seconda della situazione sanitaria del suo territorio.

Sentimenti e paure - Dopo dieci mesi di epidemia, la paura dell'isolamento sociale aumenta. E nella seconda ondata è cambiata anche la percezione dell'atmosfera. La primavera scorsa la maggior parte degli interpellati parlava di contatti umani improntati all'"amicizia" e alla "solidarietà", ora vede segni di "diffidenza", "egoismo" e "aggressione". In gennaio i toni sono migliorati un po'.

Il sondaggio fornisce anche alcune cifre sull'epidemia: il 7% degli intervistati ha dichiarato di essere risultato positivo. Un altro 7% ha avuto sintomi legati alla Covid, ma non si è sottoposto a test. Questo tasso risulta però più alto fra i giovani.

Sotomo ha effettuato l'indagine online tra l'8 e l'11 gennaio. Le risposte di 43'797 partecipanti sono state ponderate e analizzate. Il margine di errore è di 1,1 punti percentuali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
"Dopo dieci mesi di epidemia, la paura dell'isolamento sociale aumenta..." Stranissimo
InLineadiMass 1 mese fa su tio
Al massimo potrebbe essere aumentta la percentuale tra gli intervistati. Una domanda fuori contesto: Come mai si può commentare solo certi articoli? Grazie.
pillola rossa 1 mese fa su tio
@InLineadiMass Decide il padrone, a dipendenza degli interessi
Meck1970 1 mese fa su tio
Benissimo
Meck1970 1 mese fa su tio
Benissimo.
Boh! 1 mese fa su tio
In una pandemia o ci si ammala, o ci si vaccina. Tutto il resto sono interessanti opinioni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 18:29:45 | 91.208.130.89