Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 min
Campagna delle vaccinazioni in difficoltà
Delle 3'000 dosi di vaccino pattuite, il 18 gennaio l'Ufficio dell'igiene pubblica ne ha ricevute solo 1'000
SVITTO
19 min
Muore schiantandosi con l'auto contro il lampione
La vittima è un 73enne, deceduto sul posto
TURCHIA/SVIZZERA
40 min
Arrestato un foreign fighter, risiederebbe in Svizzera
È accusato di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale, arruolamento, apologia del terrorismo
SVIZZERA
52 min
Richemont, le vendite aumentano nel terzo trimestre
Il comparto gioielleria è lievitato del 14%, le vendite su Internet del 17%
SVIZZERA
8 ore
In caso di problemi, le responsabilità sono tutt'altro che evidenti
In Norvegia ci si interroga sul decesso di 23 anziani associati alla vaccinazione anti-Covid.
GRIGIONI
11 ore
«La situazione va presa sul serio»
A seguito dei focolai di variante inglese in due hotel, in un videomessaggio parla il sindaco di St.Moritz
Attualità
12 ore
La variante inglese è arrivata nell'esercito
Una novantina di militari sono stati messi in quarantena. Altri 170 sono in attesa dell'esito del test
GINEVRA
13 ore
I doganieri li fermano due volte, allora passano in bus
Due persone hanno rifiutato, in due valichi diversi, di pagare i dazi per importare la carne che trasportavano.
SVIZZERA
13 ore
Dal mondo economico piovono critiche sul Consiglio federale
Sotto la lente di Economiesuisse c'è il lockdown parziale che colpisce duramente un'economia già indebolita.
GRIGIONI
14 ore
A St.Moritz test di massa per oltre 3'200 persone
L'operazione è scattata oggi a seguito dei focolai di variante sudafricana del virus in due alberghi
SVIZZERA
14 ore
I pendolari si sono ridotti a un quarto
Il telelavoro mostra i suoi effetti sui trasporti pubblici. Le Ffs: calo dell'80 per cento
SVIZZERA
25.11.2020 - 14:530

Coronavirus, adottata l'ordinanza sui casi di rigore

La decisione regola le condizioni alle quali le aziende hanno diritto ad aiuti

BERNA - Dopo una procedura di consultazione lampo condotta nella prima parte di novembre, il Consiglio federale ha adottato oggi l'ordinanza Covid-19 che disciplina i dettagli sui casi di rigore di Confederazione e Cantoni. All'avamprogetto sono state apportate alcune modifiche, ad esempio riguardo al fatturato minimo che un'impresa deve aver conseguito per poter richiedere i contributi.

L'ordinanza, sottolinea il governo in un comunicato, regola in particolare la modalità con cui le risorse della Confederazione saranno ripartite fra i Cantoni e le condizioni alle quali le aziende hanno diritto ad aiuti per i casi di rigore.

A causa dell'urgenza della situazione, dal 4 al 13 novembre il Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha indetto una breve procedura di consultazione relativa all'ordinanza, durante la quale sono pervenuti oltre 100 pareri. L'entrata in vigore è pure prevista in tempi strettissimi, ovvero per il 1. dicembre.

Il progetto iniziale è stato modificato tenendo conto dei risultati della consultazione e del parere di entrambe le Commissioni dell'economia e dei tributi (CET). Come detto, uno dei cambiamenti concerne il giro d'affari minimo che un'impresa deve avere realizzato prima della pandemia per poter accedere ai contributi. Tale cifra è stata portata da 50'000 a 100'000 franchi: così facendo si intende evitare che le scarse risorse amministrative dei Cantoni siano utilizzate per evadere le richieste presentate dalle piccole società.

Inoltre, alcuni requisiti necessari per ricevere un aiuto sono stati ritoccati o aboliti. L'esecutivo rinuncia in particolare a quello secondo cui un eventuale credito per le fideiussioni solidali Covid-19 debba essere utilizzato integralmente. Anche i Cantoni potranno erogare a un'impresa contemporaneamente mutui e contributi a fondo perduto. L'avamprogetto invece non prevedeva la possibilità di cumulare i sostegni.

Conformemente alla legge in materia, un caso di rigore è dato quando il fatturato annuale è inferiore al 60% di quello media pluriennale. L'avamprogetto di ordinanza prevedeva che le indennità per lavoro ridotto e di perdita di guadagno per coronavirus venissero sommate al fatturato 2020, visto che questo modo di procedere permette a molti di compensare una parte degli utili mancati. Spetterà ai Cantoni il compito di stabilire precisamente la definizione di "cifra d'affari".

Le imprese che appartengono in parte ai Cantoni o ai Comuni devono poter continuare a richiedere aiuti per i casi di rigore soltanto se la partecipazione in mano allo Stato è inferiore al 10%. L'ordinanza contiene però ora un'eccezione: hanno diritto al sostegno finanziario le società il cui capitale è detenuto per oltre il tasso del 10% da Comuni con una popolazione uguale o inferiore a 12'000 abitanti. Rientrano in questa categoria ad esempio le sciovie e le seggiovie delle località alpine.

Infine, il divieto di distribuire dividendi e tantième per cinque anni in caso di ottenimento di contributi non rimborsabili deve ora decadere se i fondi vengono restituiti. L'ordinanza prevede poi semplificazioni nella procedura concordataria come misura a sostegno delle imprese nei casi di rigore.

Berna conta di mettere sul tavolo contributi per un massimo di 200 milioni di franchi in favore delle aziende colpite dalla crisi scaturita dall'epidemia. Se si considera anche l'apporto dei Cantoni, per i casi di rigore sono a disposizione 400 milioni. In consultazione il pacchetto è stato ritenuto generalmente troppo modesto, con la maggioranza dei partecipanti che spingeva per un importo tra i 600 milioni e il miliardo.

Da ricordare come l'impostazione degli aiuti sia di competenza dei Cantoni, che possono prevedere contributi in diverse salse: a fondo perso oppure sotto forma di fideiussioni, garanzie e mutui. In questi ultimi tre casi è prevista una durata non oltre i 10 anni e possono ammontare fino al 25% del giro d'affari medio degli anni 2018-19 di un'impresa, ma al massimo a 10 milioni.

I contributi a fondo perso possono dal canto loro spingersi fino al 10% del fatturato medio 2018-19 e non oltre i 500'000 franchi per ogni singola azienda.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-20 08:42:23 | 91.208.130.87