Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
WEF a Singapore? Parlamentari borghesi preoccupati
In una lettera al Consiglio federale si chiede di fare tutto il possibile per mantenere l'appuntamento in Svizzera
SVIZZERA
3 ore
«Nessuna limitazione per le stazioni sciistiche»
Un gruppo di parlamentari di destra chiede di non limitare le capacità dei comprensori a livello federale.
URI
5 ore
È arrivato l'inverno, chiusi i passi
Alle 17 chiude quello dell'Oberalp (2044 metri), che collega Andermatt (UR) a Sedrun (GR)
SVIZZERA
5 ore
Il Dakota precipitato nel 1946 riapparirà presto
I ricercatori sono andati alla ricerca degli strati di ghiaccio che presentano residui di radioattività
SVIZZERA
6 ore
Nuove tendenze dell'auto: una venduta su tre è un'ibrida o un'elettrica
In Svizzera non era mai successo prima, il 62% degli svizzeri non esclude di comprarne una prima o poi
GINEVRA
6 ore
Uber, batosta ginevrina
Respinto il ricorso contro una decisione del Canton Ginevra. Gli autisti sono «da considerare dipendenti»
SVIZZERA
7 ore
Epfl: le studentesse denunciano aggressioni e sessismo
Una ventina di denunce raccolte dal movimento Polyquity. Il Politecnico federale: «Le prendiamo sul serio»
SVIZZERA
8 ore
Definitivamente affossata la Legge sulle pigioni commerciali
Il Consiglio degli Stati ha deciso per la non entrata in materia dopo che il Nazionale aveva già bocciato la Legge.
SVIZZERA
8 ore
5G: Swisscom preme per accelerare i tempi
Il responsabile finanze: «Siamo fiduciosi che nel primo trimestre del 2021 il Datec darà istruzioni ai Cantoni».
SVIZZERA / ITALIA
8 ore
Traffico di rifiuti diretti in Libia, bloccati a Napoli tre autocarri
All'interno dei mezzi che provenivano dalla Svizzera sono state rinvenute oltre 46 tonnellate di vestiti e scarpe.
SVIZZERA
9 ore
Plastica e inquinamento: Nestlé ancora sul podio
Meno dell'1% degli articoli della multinazionale elvetica è riutilizzabile.
SVIZZERA
9 ore
“Come stai vivendo la pandemia?” Agli svizzeri piace condividere
Sono più di 460 i contributi caricati su corona-memory.ch. «Una testimonianza per la storia della Svizzera»
SVIZZERA
9 ore
Covid, in Svizzera altri 4'786 casi con il 17,8% dei test positivi
Nelle ultime ventiquattro ore nel nostro paese sono stati registrati 115 nuovi decessi legati al coronavirus
SVIZZERA
9 ore
«Il Governo intende accelerare i tempi sul vaccino?»
Dopo l'approvazione della Gran Bretagna, Lorenzo Quadri chiede lumi al Consiglio federale su come voglia procedere.
SVIZZERA
10 ore
Il Consiglio nazionale dà luce verde al consuntivo 2019
Nello stesso tempo i deputati hanno approvato anche un supplemento al bilancio di quest'anno per le spese Covid-19.
SVIZZERA
11 ore
Siamo quelli che spendono di più per la salute
È quanto emerge da un confronto europeo. In Svizzera i costi ammontano all'11,9% del PIL
SVIZZERA / STATI UNITI
11 ore
«Questi test avranno un ruolo chiave»
Il colosso farmaceutico ha ricevuto l'autorizzazione d'emergenza dalla FDA americana
SVIZZERA
11 ore
Il Covid spinge la voglia di una casa propria
Salgono i prezzi per l'acquisto. Flessione mensile invece per gli affitti, ma non in Ticino (+1,4%)
BERNA
12 ore
Il Nazionale alle prese con il preventivo 2021
Oggetto di dibattito potrebbe essere il sostegno alle misure cantonali per i casi di rigore legati al Covid.
SVIZZERA
14 ore
Natale col coronavirus? A casa e in una cerchia ristretta
È quanto prevede la maggior parte degli svizzeri, come emerge da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
20.11.2020 - 14:150
Aggiornamento : 16:44

Così dovremo festeggiare il Natale senza Covid

L'Ufficio federale della sanità ci dice come mangiare la fondue a Natale. E lancia la nuova campagna: «Tampone subito»

BERNA - Come ogni venerdì si è svolta a Berna, la conferenza stampa in cui si è fatto il punto della situazione della pandemia a livello nazionale. La prima a prendere la parola è stata Virginie Masserey, responsabile della Sezione malattie infettive dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Dopo aver illustrato i dati dei contagi di oggi (4'946 persone risultate positive al virus) ha sottolineato che nonostante stiamo assistendo a una leggera diminuzione, la situazione resta grave. «Siamo cautamente ottimisti», ha detto Virginie Masserey. Per quanto riguarda invece i decessi, tuttavia, non ci sono ancora segnali di discesa o quantomeno di stabilizzazione: sono 111 le persone morte a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore.

La situazione negli ospedali si attenua leggermente

Poiché la quantità dei tamponi in Svizzera è in calo, l'UFSP ha avviato una nuova campagna, il cui obiettivo è quello di effettuare 36'000 test al giorno. È comunque estremamente importante sottoporsi immediatamente al tampone se si hanno sintomi, è stato ribadito pIù volte. I sintomi principali riconosciuti includono: febbre, dolore agli arti, perdita del gusto, tosse, dolore ai polmoni. Test, è stato ricordato, che è gratuito. Insomma, visto che si è registrata una diminuzione delle persone che si fanno esaminare, per evitare che i contagi riprendano vigore, Masserey consiglia di farsi esaminare in caso di dubbio e, se positivi, di chiudersi in casa. Anche se il test è negativo è meglio rimanere prudenti, ha sottolineato. A proposito dei test, secondo la specialista ce ne sono a sufficienza.

Quando finisce la pandemia?

Poi ha preso la parola Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea Città, membro del consiglio dell'Associazione dei medici cantonali. «Non ci sarà un'uscita immediata dalla pandemia. Con le nostre misure stiamo cercando di respingere la pandemia passo dopo passo. Siamo consapevoli che i prossimi mesi saranno decisivi. Se supereremo questi mesi, c'è una buona speranza che nel prossimo anno usciremo gradualmente dalla fase pandemica».

Cosa posso fare per migliorare il mio comportamento?

È sempre Thomas Steffen a parlare: «È necessario ad esempio attenersi ai seguenti consigli natalizi: ridurre i contatti sociali per due settimane prima di Natale. In questo modo si può controllare meglio il punto critico a Natale. E inoltre si possono invitare quasi tranquillamente anche i genitori e i nonni. Tuttavia ricordatevi che resta un rischio residuo. Acquistate subito i regali di Natale per evitare il trambusto natalizio. Festeggiate in un piccolo gruppo. Ricordatevi di mantenere una distanza sufficiente quando sarete a pranzo o a cena. Anche dopo Natale sarebbe meglio ridurre i contatti».

Fai il test se si presentano i sintomi

Anche Thomas Steffen ha insistito sull’urgenza di fare il tampone appena si presentano i sintomi. «Fatelo anche se avete un po’ di tosse».

Rispetto alla situazione internazionale, la Svizzera sta andando bene

Ronald Indergand, capo degli affari economici della Segreteria di Stato dell'economia (Seco), si è soffermato sulla situazione economica. «La prima metà dell'anno è stata storicamente la peggiore da quando sono stati registrati i dati sul PIL. In estate, tuttavia, la Seco ha visto una ripresa. Se ci paragoniamo a livello internazionale, la Svizzera sta andando piuttosto bene economicamente. Tuttavia, la ripresa è in fase di stallo da settembre perché il numero di casi è nuovamente aumentato da allora. È tuttavia positivo che non ci sia stato un nuovo crollo come in primavera».

Sono iniziate le domande

I test sono gratuiti ovunque o solo nei centri di prova?
Virginie Masserey: «I test sono gratuiti ovunque. Tutto viene pagato dallo Stato. Non ci sono costi per le assicurazioni sanitarie».

Cosa significano per la Svizzera le critiche dell'OMS al medicinale Remdesivir?
Virginie Masserey: «Le nuove informazioni fornite dall'OMS sono ancora controverse. Se necessario, le linee guida verranno adattate in futuro».

Come gestirà la Svizzera le vaccinazioni, quando saranno disponibili?
Virginie Masserey: «Non posso ancora rispondere a questa domanda. Tutto è attualmente in fase di controllo e negoziazione».

È probabile che ci sia un allentamento delle restrizioni per quanto riguarda le prove canore dei cori?
Thomas Steffen: «Tutto può essere probabile, ma se reagiamo troppo rapidamente a una misura restrittiva presa precedentemente e torniamo sui nostri passi, finiamo inevitabilmente per aumentare le possibilità di una terza ondata. Non siamo ancora pronti nemmeno per esaminare una possibilità di questo genere. Sono dell'opinione che per i quanto riguarda le misure di allentamento bisogna procedere con grande coordinazione».

Rispetto alle altre nazioni, le nostre misure lassiste hanno dato una spinta all'economia?
Ronald Indergand: «Non lo direi così chiaramente, ma possiamo dire tranquillamente che finora non c'è stata alcuna ulteriore crisi economica».

Anche la Svizzera dovrebbe effettuare test di massa, come sta attualmente facendo l'Alto Adige?
Virginie Masserey: «Guardiamo sempre a tutte le opzioni, compresi i test di massa come in Alto Adige. Al momento usiamo i nostri test solo per le persone con sintomi, o nel migliore dei casi i loro parenti.  Non possiamo fare test per qualsiasi altro sintomo, ma soltanto per i sintomi tipici del coronavirus. E questi sono, lo ripeto, febbre, dolore agli arti, perdita del gusto, tosse, dolore ai polmoni. Se hai questi sintomi, è assolutamente necessario un test. In nessun caso bisogna aspettare».

Possiamo dunque mangiare la fondue alla vigilia di Natale? Dobbiamo forse indossare la mascherina quando non mangiamo?
Thomas Steffen: «Consiglio vivamente di usare due set per fondue se a tavola siedono due famiglie. Dieci persone per una pentola, non va bene. Per quanto riguarda le mascherine protettive non è un male indossarle anche a tavola, ma è meglio se ci concentriamo sul rispetto delle regole di distanziamento».

Che ruolo gioca l'immunità di massa?
Virginie Masserey: «Non vediamo alcuna prova che l'immunità di massa stia avendo un ruolo nel calo dei contagi».

Quanto sono attendibili i test rapidi?
Virginie Masserey: «Le convalide mostrano che i test rapidi di cui disponiamo stanno funzionando bene. La performance è un po meno sensibile rispetto ai test PCR. Possiamo dire che i test rapidi funzionano meglio quando si hanno sintomi».

Muoiono più persone nelle case anziani o negli ospedali?
Virginie Masserey: «La situazione è cambiata nelle ultime settimane. Al momento, circa la metà delle vittime della pandemia muore negli ospedali e metà nelle case di cura, come nella prima ondata».

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 21:01:18 | 91.208.130.89