keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Martin Ackermann.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
LUCERNA
2 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
2 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
SAN GALLO
3 ore
Fiamme sul tetto dell'ospedale
I pompieri sono intervenuti poco dopo le 17.30
FOTO
GINEVRA
3 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
GINEVRA
4 ore
Obbligo di certificato Covid anche per i docenti
La misura scatta all'Università di Ginevra. Il rettore: «Poniamo fine a un'incongruenza»
BERNA
4 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
5 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
6 ore
Gli editori vogliono soldi da Google & Co.
Gli attori del settore sono pronti a collaborare per trovare una soluzione comune
ARGOVIA
6 ore
Il tir si ribalta assieme ai rottami
Incidente oggi pomeriggio a Unterlunkhofen (AG)
SVIZZERA
7 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
VAUD
8 ore
Sospettato di assassinio nel 1999, resta in detenzione provvisoria
Nel 2015 l'uomo è stato identificato dal suo DNA nell'ambito di un altro caso.
FOTO
LUCERNA
9 ore
Si schianta contro un veicolo di segnalazione
Ingenti danni, ma nessun ferito nell'incidente avvenuto ieri sera in territorio di Schenkon sull'A2.
ZURIGO
9 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
11 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
11 ore
Gli scenari del traffico merci attraverso le Alpi
Il Governo federale è incaricato di aggiornare le previsioni per i prossimi venti-trenta anni
SVIZZERA
11 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
12 ore
«Solo la matricola, niente nome»
Una mozione, approvata oggi dagli Stati, richiede maggior protezione per gli agenti di polizia.
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
12 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
GRIGIONI
12 ore
Motociclista si schianta a Bivio e si ferisce
L'incidente si è verificato ieri alle 17.30. La protagonista è una venticinquenne
ZURIGO
13 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
BERNA 
13 ore
Grandi sforzi per aumentare le vaccinazioni
Il numero di dosi somministrate ogni giorno è ancora due o tre volte inferiore rispetto a maggio e giugno.
SVIZZERA
14 ore
Pioggia di miliardi sul grigio-verde
Gli Stati hanno dato via libera al credito da destinare al programma d'armamento e all'acquisto di materiale e immobili.
SVIZZERA
12.11.2020 - 14:220
Aggiornamento : 16:24

Coronavirus in Svizzera: parola agli esperti della Confederazione

Oggi nel nostro Paese ci sono stati altri 6'924 casi di coronavirus, con 280 ricoveri e 94 decessi

«Il numero dei decessi è in aumento» avverte Virginie Masserey, dell'UFSP

BERNA - Le cifre sono ancora alte, ma negli ultimi giorni si nota una certa stabilizzazione della crescita delle infezioni da Covid-19 nel nostro paese. L'obbiettivo è ora quello di dimezzare il numero di contagi giornalieri almeno ogni 2 settimane, in modo da arrivare nel 2021 con meno di 500 casi al giorno.

Nel frattempo, l'esercito è pronto a dare una mano nei Cantoni che più ne hanno bisogno, tra cui il Ticino, e l'attenzione nei confronti delle misure igieniche deve rimanere ad un livello massimo, perché nessun obiettivo è ancora stato raggiunto e non ci si può assolutamente rilassare.

Sono solo alcune delle indicazioni emerse da Berna, dove ha oggi avuto luogo la consueta conferenza informativa sul coronavirus, in cui viene fatto il punto della situazione.

Durante la conferenza stampa di oggi sono intervenuti Martin Ackermann, presidente della Task force Covid-19 della Confederazione; Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali; Nora Kronig, capo del dipartimento internazionale presso l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP); il divisionario Yvon Langel, comandante della divisione territoriale 1 dell'esercito svizzero; Virginie Masserey, capo della sezione controllo delle infezioni dell'Ufficio federale di Sanità Pubblica e Andreas Stettbacher, incaricato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato.

La situazione in Svizzera - Le cifre sono ancora alte, secondo Virginie Masserey, dell'UFSP. «Il numero dei decessi è in aumento» ha avvertito l'esperta, che ha sottolineato che l'incidenza media in Svizzera è di 1'120 casi ogni 100'000 abitanti.

Fortunatamente, ha poi aggiunto Masserey, non è ancora stato raggiunto il limite della capacità dei test. Si spera inoltre che la tendenza, che indica una stabilizzazione, possa significare che le misure stiano funzionando: ma non ci si deve ancora lasciare andare.

Masserey ha infine spiegato che il contact tracing è attualmente al limite. Pertanto, non si dovrebbe aspettare solo il lavoro dei Cantoni, ma concentrarsi sui possibili contatti che sono avvenuti e informare le persone coinvolte.

L'esercito è pronto - Il divisionario Yvon Langel ha poi preso parola, spiegando che l'esercito si sta mobilitando per intervenire. «Abbiamo mobilitato 2'200 truppe per sostenere i servizi sanitari, tra loro anche dei volontari» ha detto Langel, ringraziando tutti coloro che sono in servizio.

Nei Cantoni che ne fanno richiesta, ci sarà una mobilitazione a sostegno di ospedali e strutture sanitarie. Attualmente si sta chiarendo in che misura le truppe possano essere schierate nell'intervento previsto nel Canton Ticino, dopo gli interventi in diversi Cantoni della Svizzera romanda. 

L'esercito sta poi ancora cercando volontari, ha spiegato il divisionario: «Due compagnie intere entreranno in servizio domenica». «L'esercito c'è quando i Cantoni ne hanno bisogno» ha concluso Langel. 

Collaborazione tra Cantoni - Rudolf Hauri ha in seguito commentato la cooperazione a livello intercantonale. «La cooperazione funziona fondamentalmente bene, anche se a volte c'è qualche problema», ha detto Hauri. C'è comunque uno sforzo continuo e congiunto per mantenere il sistema efficiente. «Ad esempio», ha spiegato l'esperto, «c'è un regolare scambio di pazienti nei reparti in terapia intensiva».

Per quanto riguarda il contact-tracing: «Il lavoro è ripartito», anche se non è ancora al 100%. L'attenzione, per ora, si concentra su determinati gruppi, ad esempio nelle scuole o nello sport. 

Hauri ha poi descritto la situazione dal punto di vista dei Cantoni, spiegando che il virus circola ancora, nonostante la stabilizzazione prospettata. «Nel settore ospedaliero non sappiamo cosa aspettarci» ha detto, «ecco perché il rispetto delle regole rimane fondamentale».  

«Siamo ancora in una situazione a rischio» - La parola è poi passata a Martin Ackermann, che ha fatto un confronto con ottobre. «Il valore R attuale è di 0,86, ed è un dato positivo». Tuttavia, è possibile che sia in realtà più alto, in quanto il numero di tamponi positivi è ancora molto elevato. Per quanto riguarda gli altri fattori, come i ricoveri in ospedale e i decessi, la crescita è in leggera diminuzione.

«È possibile che ci troviamo in una transizione in cui il numero di contagi e ricoveri è in calo, ma abbiamo bisogno di un declino ancor più netto. Siamo ancora in una situazione a rischio. Le capacità ospedaliere sono tuttora in una fase critica». 

Ciò che è fondamentale ora, per Ackermann, è alleggerire il peso sugli ospedali. Ma anche sul posto di lavoro e nelle scuole i rischi d'infezione devono diminuire.

L'obbiettivo dev'essere quello di un dimezzamento dei nuovi casi ogni due settimane, in modo tale che entro l'anno nuovo i nuovi contagi giornalieri possano tornare sotto la soglia di 500. «Voglio essere onesto», ha aggiunto l'esperto, in questo modo «non avremo raggiunto l'obiettivo, ma perlomeno avremo una prospettiva per l'anno nuovo». Per raggiungere tale numero, il valore R dovrebbe scendere al di sotto dello 0,8 o, meglio ancora, dello 0,7.

Gli esperti rispondono ora alle domande dei giornalisti

Negli ultimi giorni ci sono state sempre più accuse contro la Task Force. Come rispondete?
«La task force è interdisciplinare», ha risposto Ackermann, «abbiamo con noi anche degli economisti, perché è fondamentale considerare tutte le prospettive rilevanti. Salute, economia e libertà vanno di pari passo».

La Romandia (e il Ticino) sono più colpiti della Svizzera tedesca. Come giustificate le differenze cantonali?
«Non abbiamo spiegazioni che possano chiarire il motivo di queste differenze» ha detto Masserey, «il virus racchiude molti misteri. Un aspetto è forse la vicinanza alla Francia, ma è possibile abbiano un ruolo anche le differenze dal punto di vista culturale».

Anche i medici di famiglia e i farmacisti saranno autorizzati a vaccinare le persone?
«La responsabilità è dei Cantoni», ha spiegato Masserey, «dipende anche dal tipo di vaccino che verrà approvato in Svizzera, per esempio da come dovrà essere conservato, o trasportato. Stiamo lavorando sui diversi possibili scenari con i Cantoni». Hauri conferma questa linea: «È concepibile, ma dipende dalla logistica. Si stanno esaminando tutte le possibilità».

Come si dovrebbe festeggiare il Natale?
«Si può celebrare nella propria cerchia familiare, facendo chiaramente attenzione se ci si reca dai nonni», ha risposto Hauri. «A seconda della struttura famigliare, un'auto-quarantena può avere senso. In generale, bisognerebbe evitare di fare feste troppo grandi».

Il contact-tracing si concentra ora sui focolai d'infezione. Come funziona esattamente?
«Funziona come prima della seconda ondata» ha spiegato Hauri, «Abbiamo ripristinato le capacità del servizio in modo da rendere possibile effettuare delle analisi delle catene di contatto precise e localizzare più precisamente i focolai».

La conferenza stampa è conclusa. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lecchino 10 mesi fa su tio
Propaganda, condivisibile ma pur sempre propaganda. A marzo l'esercito è intervenuto marginalmente guidando due ambulanze e facendo marginale presenza davanti agli ospedali mentre una parte dei collaboratori Eoc era in lavoro parziale 🤔
Volpino. 10 mesi fa su tio
"L'obbiettivo dev'essere quello di un dimezzamento dei nuovi casi ogni due settimane ...". E come? Forse con il Black Friday in arrivo e i centri commerciali stracolmi oppure dimezzando le statistiche fino ad arrivare al di sotto di 500 contagi giornalieri? Mi sa che non sanno neanche loro come raggiungere tale obbiettivo miracoloso. Penso piuttosto che è ora di dimezzare lo stipendio della Taskforce ogni due settimane se continuano così.
Duca72 10 mesi fa su tio
La gente muore e voi avete ancora il coraggio di usare l’argomento per attaccare i frontalieri che partecipano solo a incrementare la ricchezza del Ticino portano competenza serietà e buona volontà’. Per non parlare di chi rischia la vita nei nostri ospedali. Vergognatevi perché io mi vergogno di essere vostro connazionale.
Swissabroad 10 mesi fa su tio
@Graz Debe. Però allora lasci fuori tutti non solo chi fa comodo a te. Medici chirurghi commesse addetti alle pulizie farmacisti, tutti ok ?
Nano10 10 mesi fa su tio
Sempre parole e nessuno che ha le P... di prendere decisioni drastiche es: domandarsi se no fosse il caso di valutare l’andirivieni quotidiano dei frontalieri e chiudere le dogane
Volpino. 10 mesi fa su tio
Ci si perde nei dettagli invece di chiudere tutto per 2 settimane.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 23:49:28 | 91.208.130.85