keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Martin Ackermann.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
17 min
Bimba morta in valigia: carcere per la madre non per il padre
Non è stato possibile accertare le cause del decesso e nemmeno l'ora.
BERNA
53 min
Niente più fuochi d'artificio nel centro storico della città
Mancano le distanze di sicurezza e il fatto che negli ultimi anni non sia successo nulla ha «del miracoloso»
SVIZZERA
59 min
Il traguardo di eBill sotto la lente, storia di un successo annunciato
Il servizio di SIX (che probabilmente usate anche voi) sfora quota 2 milioni di utenti, ma la pandemia c'entra pochino
LUCERNA
1 ora
Tre feriti e danni ingenti a causa di due incidenti
A Inwil si è verificato un tamponamento fra due veicoli, a Kriens un furgone ha preso fuoco.
GRIGIONI
1 ora
Pericolo valanghe, chiusura giornaliera per la strada del Maloja
Fino a nuovo avviso, un tratto di 3,7 km fra Sils e Piano di Lago sarà sbarrato dalle 11 alle 18.
BERNA
2 ore
Pil, calo più forte dal 1975
Economia gravemente toccata dalla pandemia, anche se meno del previsto.
BERNA
2 ore
Il Covid accresce la pressione su AVS e AI
Secondo il direttore dell'UFAS occorre urgentemente una riforma del sistema delle istituzioni sociali.
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
In vacanza al mare soltanto se vaccinati?
Dal novembre 2021 le strutture dell'operatore tedesco Alltours saranno accessibili solo a persone immunizzate
SAN GALLO
11 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
12 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
15 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
16 ore
Philipp Hildebrand non sarà segretario generale dell'OCSE
Ha deciso di ritirare la sua candidatura, che non faceva l'unanimità.
SVIZZERA
16 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
17 ore
Il poeta si è spento
Il vodese Philippe Jaccottet è deceduto all'età 95 anni. È considerato uno dei più grandi autori europei
SVIZZERA
17 ore
Il settore degli eventi chiede uno “scudo protettivo”
Contro l'incertezza Expo Event e 15 associazioni si rivolgono al Consiglio federale
SVIZZERA
18 ore
«I giovani non hanno bisogno di altri aiuti»
La disoccupazione degli under 30 è sotto controllo, secondo il Consiglio federale
SVIZZERA / CANTONE
18 ore
Alcuni cantoni dicono no: le terrazze restano aperte
Berset ha sottolineato più volte che l'apertura delle terrazze sulle piste viola il diritto federale.
SVIZZERA
19 ore
Bambini “esauriti”, 700 chiamate di aiuto al giorno
L'allarme lanciato da Pro Juventute: aumentano i conflitti con i genitori e tra fratelli, ma pure la violenza domestica
SVIZZERA / PAESI BASSI
19 ore
Scontro tra aerei della Patrouille Suisse, accusato il pilota
L’uditore della giustizia militare ha promosso l’accusa dinanzi al tribunale militare
ZUGO
19 ore
Un tesoro è spuntato nei boschi
Tra Zugo e Walchwil sono state trovate 23 monete antiche: il contenuto di una borsa persa oltre duemila anni fa
FRIBURGO
20 ore
Fermati tre venditori di smartphone falsi
Il tentativo di truffa è avvenuto a Bulle, nel Canton Friburgo. La polizia ha sequestrato telefoni e denaro
BERNA
20 ore
Epidemie: rafforzare la digitalizzazione e la collaborazione con l'economia
Lo chiede il consigliere nazionale Marcel Dobler in una mozione in cui si criticano gli attuali limiti digitali
GRIGIONI
20 ore
Muore in un incidente sulle piste da sci
Perde la vita una 57enne, vittima durante una discesa all'impianto sciistico di Obersaxen Mundaun
BERNA
20 ore
Cosa fare per tornare al ristorante alla fine di marzo
Nella migliore delle ipotesi se ne parla per il 22 marzo.
SVIZZERA
12.11.2020 - 14:220
Aggiornamento : 16:24

Coronavirus in Svizzera: parola agli esperti della Confederazione

Oggi nel nostro Paese ci sono stati altri 6'924 casi di coronavirus, con 280 ricoveri e 94 decessi

«Il numero dei decessi è in aumento» avverte Virginie Masserey, dell'UFSP

BERNA - Le cifre sono ancora alte, ma negli ultimi giorni si nota una certa stabilizzazione della crescita delle infezioni da Covid-19 nel nostro paese. L'obbiettivo è ora quello di dimezzare il numero di contagi giornalieri almeno ogni 2 settimane, in modo da arrivare nel 2021 con meno di 500 casi al giorno.

Nel frattempo, l'esercito è pronto a dare una mano nei Cantoni che più ne hanno bisogno, tra cui il Ticino, e l'attenzione nei confronti delle misure igieniche deve rimanere ad un livello massimo, perché nessun obiettivo è ancora stato raggiunto e non ci si può assolutamente rilassare.

Sono solo alcune delle indicazioni emerse da Berna, dove ha oggi avuto luogo la consueta conferenza informativa sul coronavirus, in cui viene fatto il punto della situazione.

Durante la conferenza stampa di oggi sono intervenuti Martin Ackermann, presidente della Task force Covid-19 della Confederazione; Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali; Nora Kronig, capo del dipartimento internazionale presso l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP); il divisionario Yvon Langel, comandante della divisione territoriale 1 dell'esercito svizzero; Virginie Masserey, capo della sezione controllo delle infezioni dell'Ufficio federale di Sanità Pubblica e Andreas Stettbacher, incaricato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato.

La situazione in Svizzera - Le cifre sono ancora alte, secondo Virginie Masserey, dell'UFSP. «Il numero dei decessi è in aumento» ha avvertito l'esperta, che ha sottolineato che l'incidenza media in Svizzera è di 1'120 casi ogni 100'000 abitanti.

Fortunatamente, ha poi aggiunto Masserey, non è ancora stato raggiunto il limite della capacità dei test. Si spera inoltre che la tendenza, che indica una stabilizzazione, possa significare che le misure stiano funzionando: ma non ci si deve ancora lasciare andare.

Masserey ha infine spiegato che il contact tracing è attualmente al limite. Pertanto, non si dovrebbe aspettare solo il lavoro dei Cantoni, ma concentrarsi sui possibili contatti che sono avvenuti e informare le persone coinvolte.

L'esercito è pronto - Il divisionario Yvon Langel ha poi preso parola, spiegando che l'esercito si sta mobilitando per intervenire. «Abbiamo mobilitato 2'200 truppe per sostenere i servizi sanitari, tra loro anche dei volontari» ha detto Langel, ringraziando tutti coloro che sono in servizio.

Nei Cantoni che ne fanno richiesta, ci sarà una mobilitazione a sostegno di ospedali e strutture sanitarie. Attualmente si sta chiarendo in che misura le truppe possano essere schierate nell'intervento previsto nel Canton Ticino, dopo gli interventi in diversi Cantoni della Svizzera romanda. 

L'esercito sta poi ancora cercando volontari, ha spiegato il divisionario: «Due compagnie intere entreranno in servizio domenica». «L'esercito c'è quando i Cantoni ne hanno bisogno» ha concluso Langel. 

Collaborazione tra Cantoni - Rudolf Hauri ha in seguito commentato la cooperazione a livello intercantonale. «La cooperazione funziona fondamentalmente bene, anche se a volte c'è qualche problema», ha detto Hauri. C'è comunque uno sforzo continuo e congiunto per mantenere il sistema efficiente. «Ad esempio», ha spiegato l'esperto, «c'è un regolare scambio di pazienti nei reparti in terapia intensiva».

Per quanto riguarda il contact-tracing: «Il lavoro è ripartito», anche se non è ancora al 100%. L'attenzione, per ora, si concentra su determinati gruppi, ad esempio nelle scuole o nello sport. 

Hauri ha poi descritto la situazione dal punto di vista dei Cantoni, spiegando che il virus circola ancora, nonostante la stabilizzazione prospettata. «Nel settore ospedaliero non sappiamo cosa aspettarci» ha detto, «ecco perché il rispetto delle regole rimane fondamentale».  

«Siamo ancora in una situazione a rischio» - La parola è poi passata a Martin Ackermann, che ha fatto un confronto con ottobre. «Il valore R attuale è di 0,86, ed è un dato positivo». Tuttavia, è possibile che sia in realtà più alto, in quanto il numero di tamponi positivi è ancora molto elevato. Per quanto riguarda gli altri fattori, come i ricoveri in ospedale e i decessi, la crescita è in leggera diminuzione.

«È possibile che ci troviamo in una transizione in cui il numero di contagi e ricoveri è in calo, ma abbiamo bisogno di un declino ancor più netto. Siamo ancora in una situazione a rischio. Le capacità ospedaliere sono tuttora in una fase critica». 

Ciò che è fondamentale ora, per Ackermann, è alleggerire il peso sugli ospedali. Ma anche sul posto di lavoro e nelle scuole i rischi d'infezione devono diminuire.

L'obbiettivo dev'essere quello di un dimezzamento dei nuovi casi ogni due settimane, in modo tale che entro l'anno nuovo i nuovi contagi giornalieri possano tornare sotto la soglia di 500. «Voglio essere onesto», ha aggiunto l'esperto, in questo modo «non avremo raggiunto l'obiettivo, ma perlomeno avremo una prospettiva per l'anno nuovo». Per raggiungere tale numero, il valore R dovrebbe scendere al di sotto dello 0,8 o, meglio ancora, dello 0,7.

Gli esperti rispondono ora alle domande dei giornalisti

Negli ultimi giorni ci sono state sempre più accuse contro la Task Force. Come rispondete?
«La task force è interdisciplinare», ha risposto Ackermann, «abbiamo con noi anche degli economisti, perché è fondamentale considerare tutte le prospettive rilevanti. Salute, economia e libertà vanno di pari passo».

La Romandia (e il Ticino) sono più colpiti della Svizzera tedesca. Come giustificate le differenze cantonali?
«Non abbiamo spiegazioni che possano chiarire il motivo di queste differenze» ha detto Masserey, «il virus racchiude molti misteri. Un aspetto è forse la vicinanza alla Francia, ma è possibile abbiano un ruolo anche le differenze dal punto di vista culturale».

Anche i medici di famiglia e i farmacisti saranno autorizzati a vaccinare le persone?
«La responsabilità è dei Cantoni», ha spiegato Masserey, «dipende anche dal tipo di vaccino che verrà approvato in Svizzera, per esempio da come dovrà essere conservato, o trasportato. Stiamo lavorando sui diversi possibili scenari con i Cantoni». Hauri conferma questa linea: «È concepibile, ma dipende dalla logistica. Si stanno esaminando tutte le possibilità».

Come si dovrebbe festeggiare il Natale?
«Si può celebrare nella propria cerchia familiare, facendo chiaramente attenzione se ci si reca dai nonni», ha risposto Hauri. «A seconda della struttura famigliare, un'auto-quarantena può avere senso. In generale, bisognerebbe evitare di fare feste troppo grandi».

Il contact-tracing si concentra ora sui focolai d'infezione. Come funziona esattamente?
«Funziona come prima della seconda ondata» ha spiegato Hauri, «Abbiamo ripristinato le capacità del servizio in modo da rendere possibile effettuare delle analisi delle catene di contatto precise e localizzare più precisamente i focolai».

La conferenza stampa è conclusa. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lecchino 3 mesi fa su tio
Propaganda, condivisibile ma pur sempre propaganda. A marzo l'esercito è intervenuto marginalmente guidando due ambulanze e facendo marginale presenza davanti agli ospedali mentre una parte dei collaboratori Eoc era in lavoro parziale 🤔
Volpino. 3 mesi fa su tio
"L'obbiettivo dev'essere quello di un dimezzamento dei nuovi casi ogni due settimane ...". E come? Forse con il Black Friday in arrivo e i centri commerciali stracolmi oppure dimezzando le statistiche fino ad arrivare al di sotto di 500 contagi giornalieri? Mi sa che non sanno neanche loro come raggiungere tale obbiettivo miracoloso. Penso piuttosto che è ora di dimezzare lo stipendio della Taskforce ogni due settimane se continuano così.
Duca72 3 mesi fa su tio
La gente muore e voi avete ancora il coraggio di usare l’argomento per attaccare i frontalieri che partecipano solo a incrementare la ricchezza del Ticino portano competenza serietà e buona volontà’. Per non parlare di chi rischia la vita nei nostri ospedali. Vergognatevi perché io mi vergogno di essere vostro connazionale.
Swissabroad 3 mesi fa su tio
@Graz Debe. Però allora lasci fuori tutti non solo chi fa comodo a te. Medici chirurghi commesse addetti alle pulizie farmacisti, tutti ok ?
Nano10 3 mesi fa su tio
Sempre parole e nessuno che ha le P... di prendere decisioni drastiche es: domandarsi se no fosse il caso di valutare l’andirivieni quotidiano dei frontalieri e chiudere le dogane
Volpino. 3 mesi fa su tio
Ci si perde nei dettagli invece di chiudere tutto per 2 settimane.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 11:21:00 | 91.208.130.89