Keystone
SVIZZERA
07.08.2020 - 11:320

Il Tribunale federale conferma la condanna a Anni Lanz

La 74enne basilese era accusata di aver violato la legge sugli stranieri

Per il TF le condizioni di salute del richiedente d'asilo non erano abbastanza gravi da giustificare le azioni della donna

LOSANNA - Nel febbraio 2018, la ex segretaria generale dell'associazione "Solidarité sans frontières" Anni Lanz aveva tentato di portare in Svizzera un richiedente asilo afghano che era stato espulso in Italia. Erano però stati fermati dalla polizia al posto di frontiera di Gondo (VS).

Il Tribunale distrettuale di Briga prima e quello cantonale vallesano poi l'avevano condannata a una multa di 800 franchi e spese processuali di 1400 franchi per aver favorito il passaggio illegale di stranieri in territorio svizzero. La donna aveva chiesto l'assoluzione.

Nella sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale respinge la richiesta, ritenendo che Anni Lanz ha ignorato una procedura di espulsione conclusa in modo conforme ai regolamenti.

I giudici supremi con sede a Losanna sottolineano inoltre che lo stato di salute del richiedente d'asilo non era così grave da rientrare nell'ambito del divieto di trattamenti inumani e degradanti previsto dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, malgrado il tribunale di grado inferiore avesse riconosciuto che l'afghano si trovasse in una situazione molto difficile (era stato curato per disturbi psichici durante il suo soggiorno in Svizzera).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-26 21:17:23 | 91.208.130.86