Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
32 min
Covid-19: «Il lockdown svizzero è giunto in ritardo»
L'ex consigliera federale Doris Leuthard si esprime sull'operato della Confederazione.
GINEVRA
1 ora
Maudet si rifiuta di recarsi alla riunione del comitato che potrebbe decidere di espellerlo
«Il mio diritto a essere ascoltato è un'illusione» ha dichiarato in una newsletter
BERNA
1 ora
Incendio in una mansarda, 35enne perde la vita
Feriti anche due bambini, trasportati in ospedale dalla Rega
SVIZZERA
1 ora
Anche oggi si sfiorano i 100 casi
Da inizio settimana sono 581 in totale i tamponi che hanno evidenziato un contagio.
GINEVRA
2 ore
Alla cybersicurezza ci pensano gli studenti del Poli
In cima al podio del Centro per la politica di sicurezza c'è l'ETHZ
SOLETTA
4 ore
Tamponamento in autostrada, muore un 82enne
Gravemente ferita la donna seduta sul sedile del passeggero
ARGOVIA
4 ore
Un 26enne perde la vita sul lavoro
Il giovane si trovava a bordo del veicolo di servizio, finito nel Reno
ZUGO
5 ore
83 licenziati su 85 dipendenti
Crypto International potrebbe essere accusata di licenziamento collettivo.
SVIZZERA
5 ore
«Viaggiatori indisciplinati, ecco perché l'obbligo»
Berset: «Possiamo combattere il virus con successo solo se lo facciamo insieme. Se non siamo uniti, vincerà»
ZURIGO
16 ore
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
17 ore
Blocher rivuole quei 2,7 milioni di vitalizio a cui aveva rinunciato nel 2007
E Berna ha già approvato la richiesta dell'ex-consigliere federale
SVIZZERA
17 ore
Tutto quello che devi sapere prima di metterti in viaggio
Annullare un viaggio. Finire in quarantena. Rimborsi. Paura di ammalarsi. È meglio sapere tutto prima di partire
GINEVRA
18 ore
In 300 a protestare rombando contro le piste ciclabili
A mobilitare i manifestanti, arrabbiati per il traffico in città, l'ex-consigliere di Stato Luc Barthassat
SVIZZERA
19 ore
Si torna a Palazzo federale, ma con il plexiglas
Confermati i provvedimenti stabiliti un mese fa
APPENZELLO INTERNO
19 ore
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
19 ore
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
19 ore
Il numero AVS si può utilizzare maggiormente
Non ci sarebbero problemi in termini di protezione dei dati
SVIZZERA
21 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
NEUCHÂTEL
21 ore
Windsurfer 76enne perde la vita sul lago di Neuchâtel
L'uomo si trovava al largo di Hauterive. I soccorritori non sono riusciti a rianimarlo.
SVIZZERA
28.06.2020 - 09:150
Aggiornamento : 10:44

Grandi aziende svizzere? Mancano le donne

Le donne sono sottorappresentate ai vertici delle principali aziende elvetiche

A livello europeo, la Svizzera è all'ultimo posto

ZURIGO - Malgrado un leggero miglioramento della situazione, le donne continuano a essere sottorappresentate ai vertici delle grandi aziende svizzere. Ai piani alti dei gruppi quotati alla borsa di Zurigo sono pochissime.

Mentre nel 2016 la quota di donne nei consigli di amministrazione delle società incluse nell'indice dei titoli guida SMI era del 21%, quest'anno la percentuale è salita al 28%, secondo uno studio pubblicato oggi dalla società di consulenza e reclutamento Russell Reynolds. L'unico gruppo ad aver affidato la presidenza del cda a una donna è però soltanto Swatch, con Nayla Hayek.

Nell'anno in corso invece, solo l'11,5% delle aziende dello SMI e appena il 7,8% di quelle del listino allargato SMIM contano donne nella loro direzione. Nessuna delle 20 aziende dello SMI è guidata da una donna e solo il produttore di cemento Lafargeholcim ne ha una come direttrice finanziaria, Géraldine Picaud.

Nella classifica delle compagnie più virtuose in questo senso, spicca l'assicuratore Zurich, che presenta una quota del 27% nel comitato direttivo, seguito Credit Suisse (25%), Novartis (23%) e Lafargeholcim (20%). In fondo alla classifica ci sono aziende come Swisscom, Swiss Life, Sika e SGS, che non hanno donne nella loro direzione.

La situazione è solo leggermente migliore se si prendono in considerazione le circa 50 società quotate nell'indice allargato SMIM. Solo il gruppo chimico Ems Chemie ha una donna come CEO, Magdalena Martullo-Blocher, mentre lo specialista di veicoli stradali Bucher ne ha una, Manuela Suter, come direttrice finanziaria, proseguono gli autori dello studio.

Ems-Chemie possiede una quota femminile del 33% nel comitato direttivo, ed è seguita dal gruppo industriale Oerlikon (25%) e da Bucher (22%). Il produttore di valvole sottovuoto VAT, la società immobiliare Swiss Prime Site e il produttore di ascensori e scale mobili Schindler, invece, non ne hanno nemmeno una.

Svizzera in fondo alla classifica - Nonostante il miglioramento complessivo della situazione, la Svizzera è ancora in ritardo rispetto agli altri Paesi europei. Le più virtuose in termini di diversità di genere nel management sono le aziende norvegesi con una quota femminile del 27%, seguite da quelle di Svezia (24%) e Regno Unito (23%).

La Svizzera, con la sua quota dell'11,5% nel comitato direttivo, è in fondo alla classifica, dietro all'Italia (12%) e alla Germania (14%). La Francia ha una quota del 20%.

Comunque, «in Svizzera, la posizione dei quadri dirigenti sta diventando sempre più femminile. Se il tasso di crescita di quest'anno sarà mantenuto, i consigli di amministrazione delle 50 maggiori società avranno una quota femminile del 30% tra circa due anni», ha rilevato Matthias Oberholzer di Russell Reynolds.

Le imprese svizzere dovrebbero quindi poter rispettare rigorosamente la legislazione che, per le società quotate in borsa con almeno 250 dipendenti, prevede quote del 30% di donne nei consigli di amministrazione e del 20% fra i dirigenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 4 gior fa su tio
Prendete quelle fermate a Chiasso ;-)))
Don Quijote 4 gior fa su tio
Visto che l'andamento dell'economia Svizzera è invidiabile, perché seguire la strategia dei fanalini di coda? A me non piace la discriminazione ma odio l'illogicità delle persone come questa motivazione sterile dell'articolo
Luca Mer 5 gior fa su fb
E gli omosessuali? E i transessuali? E i neri? E i disabili? E i sieropositivi? E i giornalisti qualunquisti?
roma 5 gior fa su tio
...fastidi grassi.
Emanuele Ganser 6 gior fa su fb
Bello sforzo paragonarsi ad alcuni paesi nordici, dove vigono norme che prevedono quote rosa rigidissime, che consentono allo Stato di punire con la dissoluzione le società che non le rispettano. Ma vogliamo questo? Vogliamo obbligare le aziende a porre ai loro vertici donne non all’altezza della loro posizione per essere più “virtuose” in termine di diversità di genere? I quadri delle società devono essere PERSONE qualificate. Non “uomini” o “donne”. Forse le aziende svizzere, ultime in questa classifica del “virtuosismo di genere”, sono ai primi posti di altre classiche ben più prestigiose (quali quelli che portano la Svizzera ai primi posti nel mondo in fatto di innovazione e competitività) proprio perché non (ancora) limitate nelle loro scelte di gestione primarie, quali il capitale umano da posizionare ai loro vertici.
LR4You 6 gior fa su fb
Emanuele Ganser Putroppo non tutti capiscono. Anche se sono giovanissimo noto che in Svizzera esiste la meritocrazia. Anche per me non esiste uomo o donna. Esiste: capace ed incapace‘
Alexia Di Paolo 6 gior fa su fb
Emanuele Ganser trovo da una parte giusto il tuo discorso... va avanti chi merita ma... nn credo che in tutta la Svizzera nn ci sia qualche donna all’altezza di certe cariche e magari a ricoprire ruoli di persone che son li perché hanno le giuste conoscenze... del resto si sa che di solito si va avanti per conoscenza!
Emanuele Ganser 6 gior fa su fb
Alexia Di Paolo questo poco ma sicuro, ma ciò che si dovrebbe spingere è il merito quale unico criterio. Che non tutte le attuali posizioni quadro siano date a persone degne è riprovevole, ma il criterio del sesso è sbagliato tanto quello delle conoscenze! Se già si vuole migliorare il sistema, che si punti nella giusta direzione! Non abbiamo certo bisogno di nuovi criteri insensati per attribuire certe cariche...
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
solo x le conoscenze, parenti e amici..x una persona qui no e in la manga dil patronato NO ce campo x lavorare??? é già non fa el rufiano o la rufiana lecca, lecca!!!!
seo56 6 gior fa su tio
Ci sarà un motivo!!
LR4You 6 gior fa su fb
Nel 2020 non do molto valore a queste classifiche. Il mio paese la Schweiz. è un paese che riconosce la meritocrazia❤️🇨🇭
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
🤣🤣👎👎, siii e cuale democrazia?? è valore x noi donne???
LR4You 6 gior fa su fb
Susana Mondaca l'articolo di Ticinonline si basa sulle grandi aziende. E' sono sicuro al cento per cento che la selezione dei grandi istituti bancari, assicurativi e....non avviene in base al sesso della candidata o del candidato.
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
è quindi, no ce parità, escusa... noi abbiamo bisogno di un lavoro x mantener anque la famiglia ??se ci mandano indesocupazione.. Non ce ponte qui tenga solo muri??😁😁
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
AVANTI SAVOIA 🤩🤩👎👎
Daniela Sofia Battaglia 6 gior fa su fb
Mancano proprio gli svizzeri a lavorarci 😏
Mark Mark 6 gior fa su fb
Daniela Sofia Battaglia infatti
Massimiliano Verdaglia 6 gior fa su fb
Se fosse solo quello il problema 🤣🤣🤣🤣
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
fate ridere,prima li mandano in disoccupazione?? Poi qui mancano "!! fate esquifo grande e 🤘🤘😡😡
Laura Bernasconi 6 gior fa su fb
E meno male !!!
Franz Moratti 6 gior fa su fb
Che novità... non abbiamo nemmeno una legge che tuteli le donne che lavorano e desiderano una famiglia
Fa Bio 6 gior fa su fb
Franz Moratti e se vuoi farlo, preparati a dare via tutto il salario alle krippe o kinderhort, questo è quello che succede nella Svizzera tedesca
Susana Mondaca 6 gior fa su fb
ha proprio, ragione done, discriminata??? Nisuna tutela e questo è la democrazia...😡😡
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-04 14:27:18 | 91.208.130.86