Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
37 min
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
38 min
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
1 ora
Covid Pass per accedere a Palazzo federale
Si tratta di una «misura proporzionata», secondo il Consiglio federale
SVIZZERA
1 ora
Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare
Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.
SVIZZERA
2 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
2 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
3 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
4 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
SVIZZERA
4 ore
Attacchi da snowboard a rischio di caduta
L'Ufficio prevenzione infortuni richiama un prodotto della K2
SVIZZERA
28.06.2020 - 09:150
Aggiornamento : 10:44

Grandi aziende svizzere? Mancano le donne

Le donne sono sottorappresentate ai vertici delle principali aziende elvetiche

A livello europeo, la Svizzera è all'ultimo posto

ZURIGO - Malgrado un leggero miglioramento della situazione, le donne continuano a essere sottorappresentate ai vertici delle grandi aziende svizzere. Ai piani alti dei gruppi quotati alla borsa di Zurigo sono pochissime.

Mentre nel 2016 la quota di donne nei consigli di amministrazione delle società incluse nell'indice dei titoli guida SMI era del 21%, quest'anno la percentuale è salita al 28%, secondo uno studio pubblicato oggi dalla società di consulenza e reclutamento Russell Reynolds. L'unico gruppo ad aver affidato la presidenza del cda a una donna è però soltanto Swatch, con Nayla Hayek.

Nell'anno in corso invece, solo l'11,5% delle aziende dello SMI e appena il 7,8% di quelle del listino allargato SMIM contano donne nella loro direzione. Nessuna delle 20 aziende dello SMI è guidata da una donna e solo il produttore di cemento Lafargeholcim ne ha una come direttrice finanziaria, Géraldine Picaud.

Nella classifica delle compagnie più virtuose in questo senso, spicca l'assicuratore Zurich, che presenta una quota del 27% nel comitato direttivo, seguito Credit Suisse (25%), Novartis (23%) e Lafargeholcim (20%). In fondo alla classifica ci sono aziende come Swisscom, Swiss Life, Sika e SGS, che non hanno donne nella loro direzione.

La situazione è solo leggermente migliore se si prendono in considerazione le circa 50 società quotate nell'indice allargato SMIM. Solo il gruppo chimico Ems Chemie ha una donna come CEO, Magdalena Martullo-Blocher, mentre lo specialista di veicoli stradali Bucher ne ha una, Manuela Suter, come direttrice finanziaria, proseguono gli autori dello studio.

Ems-Chemie possiede una quota femminile del 33% nel comitato direttivo, ed è seguita dal gruppo industriale Oerlikon (25%) e da Bucher (22%). Il produttore di valvole sottovuoto VAT, la società immobiliare Swiss Prime Site e il produttore di ascensori e scale mobili Schindler, invece, non ne hanno nemmeno una.

Svizzera in fondo alla classifica - Nonostante il miglioramento complessivo della situazione, la Svizzera è ancora in ritardo rispetto agli altri Paesi europei. Le più virtuose in termini di diversità di genere nel management sono le aziende norvegesi con una quota femminile del 27%, seguite da quelle di Svezia (24%) e Regno Unito (23%).

La Svizzera, con la sua quota dell'11,5% nel comitato direttivo, è in fondo alla classifica, dietro all'Italia (12%) e alla Germania (14%). La Francia ha una quota del 20%.

Comunque, «in Svizzera, la posizione dei quadri dirigenti sta diventando sempre più femminile. Se il tasso di crescita di quest'anno sarà mantenuto, i consigli di amministrazione delle 50 maggiori società avranno una quota femminile del 30% tra circa due anni», ha rilevato Matthias Oberholzer di Russell Reynolds.

Le imprese svizzere dovrebbero quindi poter rispettare rigorosamente la legislazione che, per le società quotate in borsa con almeno 250 dipendenti, prevede quote del 30% di donne nei consigli di amministrazione e del 20% fra i dirigenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Prendete quelle fermate a Chiasso ;-)))
Don Quijote 1 anno fa su tio
Visto che l'andamento dell'economia Svizzera è invidiabile, perché seguire la strategia dei fanalini di coda? A me non piace la discriminazione ma odio l'illogicità delle persone come questa motivazione sterile dell'articolo
roma 1 anno fa su tio
...fastidi grassi.
seo56 1 anno fa su tio
Ci sarà un motivo!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 16:42:05 | 91.208.130.85