Archivio Keystone
SVIZZERA
04.06.2020 - 16:330

I viaggi all'estero sono a proprio rischio

La Confederazione sottolinea che non saranno più organizzati voli di rimpatrio

BERNA - Gli svizzeri che si recassero all'estero e dovessero rimanere bloccati a causa di misure legate al Covid-19 devono organizzarsi per conto proprio. La Confederazione non prevede più voli di rimpatrio. Interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha confermato una notizia in tal senso pubblicata dal Blick.

Chiunque volesse recarsi all'estero deve sapere che l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e il DFAE sconsigliano ancora i viaggi non urgenti, ad eccezione di quelli con destinazione Germania, Francia e Austria. La crisi del Covid-19 non è stata ancora superata in molte regioni e Paesi e non si può escludere una seconda ondata pandemica, ha aggiunto il portavoce.

Le operazioni di rimpatrio su vasta scala organizzate dal DFAE si sono svolte sullo sfondo di una situazione straordinaria. Tali interventi non corrispondono alla prassi normale e devono essere considerati un'ultima ratio. Chi dovesse trovarsi in difficoltà a causa della pandemia deve innanzitutto far capo ai punti di contatto e alle strutture di assistenza locali (polizia, ambulanza, strutture mediche, istituti finanziari) o alla propria assicurazione di viaggio.

La protezione consolare entra in vigore solo se le persone interessate hanno compiuto ogni ragionevole sforzo per superare la situazione d'emergenza, sia a livello organizzativo che finanziario, ha rilevato il DFAE.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 19:25:33 | 91.208.130.86