Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GIURA
2 ore
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
FOTO
GRIGIONI
4 ore
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
5 ore
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
6 ore
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
7 ore
«I migranti devono essere più informati sulla propria salute»
È quanto prevede il piano d'azione adottato oggi da PS Migranti
SVIZZERA
9 ore
A Zurigo si manifesta contro «la bugia del coronavirus»
Sono circa 500 le persone che si sono riunite per protestare contro il Covid-19 e le misure che ne sono conseguite
BERNA
10 ore
Sbaglia la curva, si schianta. Grave un centauro 53enne
L'uomo è stato trasportato d'urgenza in ospedale tramite un elicottero della Rega.
SVIZZERA
11 ore
Un secondo lockdown? «Uno scenario terrificante»
Succede in Israele, e nel Regno Unito, cosa deve fare la Svizzera per evitare un secondo confinamento?
SVIZZERA
12 ore
In fiamme sul passo del Julier
Il conducente si è fermato quando ha notato del fumo uscire dal motore dell'auto
SVIZZERA
13 ore
Non ci sarà più uno svizzero a capo dell'OSCE
L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa non sarà più guidata da Thomas Greminger
GRIGIONI
13 ore
Ladro ruba la colletta del funerale di un bimbo di 5 anni
L’appello dei genitori: «Se hai un cuore riporta quei soldi, servivano per curare i bambini malati»
SVIZZERA
29.04.2020 - 07:130
Aggiornamento : 10:36

Gli svizzeri pianificano le vacanze all'estero

In molti non hanno ancora perso la speranza. Ma non è garantito che quest'estate si potrà viaggiare.

Erik Jakob della Seco: «Rimandare i viaggi all'estero per il 2021 era un consiglio personale»

Fonte 20 Minuten/Raphael Knecht
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Le vacanze all'estero? Andrebbero pianificate appena per il 2021. È quanto ha raccomandato lunedì Erik Jakob della Seco, in quanto la situazione coronavirus è ancora in evoluzione e non è pertanto chiaro se quest'estate sarà già possibile muoversi liberamente oltre frontiera.

Ma molti svizzeri non hanno ancora perso la speranza. E come rivelano i risultati di un sondaggio del portale Ebookers, messi a disposizione di 20 Minuten, oltre la metà (si parla del 52%) intende comunque passare le vacanze estive all'estero.

Viaggi a corto raggio - Si constata comunque una preferenza per le destinazioni a corto raggio: il 35% afferma di voler rinunciare a viaggi oltre oceano. Da qui una maggiore popolarità delle mete europee. E un terzo degli interpellati dichiara inoltre di voler viaggiare di più entro i confini nazionali.

A causa dell'attuale incertezza, un terzo di coloro che intendono partire ancora nel corso del 2020, dice comunque di aspettare prima di prenotare. E il 21% pensa di spostare il viaggio.

Settore poco ottimista - Secondo gli autori del sondaggio, è verosimile che attualmente da parte dei viaggiatori ci sia più ottimismo. Il rilevamento rappresentativo, che ha visto la partecipazione di 1'001 persone, è infatti stato condotto alla fine del mese di marzo. E non è noto quanto il lockdown abbia influito sulle risposte.

Il settore turistico, comunque, non percepisce ancora la voglia di viaggiare. Markus Berger, portavoce di Svizzera Turismo, afferma: «Le destinazioni elvetiche e gli hotel hanno appena superato la fase delle cancellazioni, ma le prime prenotazioni arrivano al momento solo per campeggi e appartamenti».

La crisi genera incertezza - Berger ritiene inoltre che il perdurare della crisi abbia generato ulteriore incertezza non giustificata nei viaggiatori. Spetta ora a Svizzera Turismo contrastare la conseguente esitazione.

Per quanto riguarda le vacanze estive 2020, bisogna anche basarsi sui piani della Confederazione. «Varranno ancora le norme d'igiene e sulla distanza sociale», Berger ne è convinto. Sarà pertanto necessario lavarsi più spesso le mani, mantenere le distanze e in determinate situazioni indossare una mascherina.

Lo ha detto anche Jakob della Seco: attualmente i concetti di protezione sono particolarmente importanti per permettere le vacanze in Svizzera. Tuttavia, per il settore turistico elvetico la Seco prevede un calo del fatturato pari al 35%.

La normalità si fa attendere - A causa delle raccomandazioni della Seco e delle incertezze per le vacanze all'interno della Svizzera, per quelle oltre frontiera la normalità si farà verosimilmente attendere. Walter Kunz, responsabile della Federazione svizzera di viaggi, non vuole ancora fare delle previsioni su quando sarà possibile viaggiare all'estero.

Le attuali restrizioni non dipendono soltanto dalla Confederazione, ma anche dai singoli paesi che i turisti elvetici vorrebbero visitare. Tuttavia: «Ci potrebbe essere un effetto domino: nel momento in cui un primo paese aprirà i confini, altri paesi potrebbero seguire l'esempio» conclude Kunz.

«Un consiglio personale» - Erik Jakob, dicendo che secondo lui sarebbe meglio rimandare al 2021 le vacanze all'estero, ha acceso gli animi del settore turistico e in particolare dei tour operator. Tanto da scusarsi con loro in una lettera pubblicata su Travel Inside: «La mia era una raccomandazione personale. Vista la situazione, è estremamente difficile fare dichiarazioni definitive sulla ripresa del turismo internazionale, perché ci sono troppi fattori coinvolti».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 00:05:47 | 91.208.130.89