Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
2 ore
Crollo al Léman Centre: «Tutta la merce che era a terra è da buttare»
Fortunatamente la struttura ha ceduto alla pioggia alle 22, quando non c'era nessuno
SVIZZERA
6 ore
Il Canton Berna smentisce tutto: «Nessun giovane morto»
«Si tratta di un'informazione sbagliata» hanno comunicato le autorità bernesi all'UFSP.
SVIZZERA / BELGIO
7 ore
Per il Belgio i cantoni a rischio ora sono nove
Della lista non fanno però più parte i Grigioni.
SVIZZERA
7 ore
Sostegno ai media: «Il pacchetto va migliorato»
Secondo la Commissione parlamentare, le misure «non devono frenare la trasformazione digitale»
SVIZZERA
9 ore
Incetta di banconote da 1'000 franchi a causa della pandemia
Boom di pagamenti elettronici e contactless, ma anche di prelievi di contanti
ZUGO
9 ore
Padre e figlio scomparsi: «Sono in Iraq e stanno bene»
La polizia cantonale di Zugo è stata contattata dal 36enne che era sparito nel nulla lo scorso 27 giugno.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
10 ore
Liberato lo svizzero arrestato a Minsk
Il 21enne vallesano era in prigione da domenica dopo aver partecipato alle proteste contro i brogli.
SVIZZERA
10 ore
«Era un giovane che godeva di buona salute»
Stefan Kuster ha parlato del primo giovane svizzero morto a causa del covid, notizia in seguito smentita.
FOTO
SVIZZERA
10 ore
Alberi caduti e strade inondate: un nubifragio si è abbattuto su Ginevra
Più di cento militi del servizio d'incendio e soccorso sono stati mobilitati nella serata di ieri.
SVIZZERA
11 ore
Un giovane adulto muore col coronavirus
In Svizzera si registra il primo decesso di una persona under 30.
SVIZZERA
12 ore
Ousman Sonko resta in carcere
Il Tribunale federale ha negato per l'ennesima volta la scarcerazione dell'ex ministro degli interni gambiano.
SVIZZERA
12 ore
Terzo giorno sopra ai 200 casi
Sono 15'928 gli svizzeri in quarantena poiché di rientro da uno dei Paesi a rischio
SVIZZERA
28.04.2020 - 12:030
Aggiornamento : 15:14

Verso la riapertura: «Mancano misure di protezione e controlli»

Il sindacato UNIA chiede alla Conderazione «inflessibilità» sul rispetto dei provvedimenti da adottare nelle aziende

BERNA - Centinaia di migliaia di dipendenti torneranno al lavoro nelle prossime settimane, ma in molti settori economici, come il commercio al dettaglio, manca ancora una strategia di protezione. Anche sul fronte dei controlli la situazione è critica. Il sindacato Unia chiede quindi al Consiglio federale di fare chiarezza e di essere inflessibile sul rispetto delle misure per evitare i contagi.

L'Associazione Swiss Retail (commercio al dettaglio) si rifiuta di adottare misure di protezione vincolanti e nella maggior parte dei negozi i dipendenti non sono stati ancora consultati, contrariamente a quanto previsto per legge. Anche in altri settori le parti sociali non sono state coinvolte e sono state adottate misure inadeguate, scrive Unia in un comunicato. «Se il Consiglio federale subordina l'ulteriore apertura al rigoroso rispetto delle misure di protezione, come ha annunciato, deve ora ordinare la sospensione dell'attività oppure esigere concetti di protezione vincolanti e concordati».

Trenta ispettori per 30'000 attività - Dall'inizio della crisi, Unia ha inoltrato alle autorità di controllo oltre 4'000 rapporti scritti in cui i dipendenti denunciano il mancato rispetto delle misure di protezione sul posto di lavoro. Il problema è che mancano controllori: i circa 30 ispettori Suva devono verificare la situazione in oltre 30'000 cantieri e imprese industriali in tutta la Svizzera. Secondo i suoi propri dati, la Suva ispeziona meno del 10% delle aziende di sua competenza. E anche i cantoni non dispongono di risorse sufficienti.

Il sindacato ribadisce quindi che le misure di protezione della Seco devono essere considerate uno standard minimo vincolante per tutti i settori e che ogni singolo settore deve elaborare una strategia con le parti sociali prima della riapertura. Le disposizioni dovranno poi essere monitorate e i dipendenti devono essere coinvolti nell'attuazione visto che conoscono le condizioni sul posto.

I Cantoni, dal canto loro, devono mettere a disposizione i mezzi necessari per effettuare i controlli e coinvolgere altri ispettori per aumentare le verifiche in modo rapido. Le autorità inoltre devono valutare regolarmente l'efficacia delle disposizioni ed effettuare i necessari adeguamenti.

Salari e condizioni di lavoro - Unia chiede pure migliori salari e condizioni di lavoro per i dipendenti che nelle ultime settimane hanno continuato a lavorare in condizioni difficili, come nel settore del commercio al dettaglio e dell'assistenza.

Critiche alla situazione nella logistica - Il sindacato ha citato ad esempio la situazione del settore della logistica e dei trasporti. Secondo una sua inchiesta online, alla quale hanno partecipato un migliaio di salariati, la messa in atto delle misure di protezione lascia a desiderare.

Per il 43% la distanza sociale minima di due metri fra impiegati non è rispettata con regolarità. Un terzo si è inoltre lamentato del fatto che gli utensili di lavoro non vengano sempre disinfettati, mentre per il 28% non sono stati presi provvedimenti per ridurre i contatti diretti con i clienti.

Per di più, prosegue Unia, l'attitudine di fronte a casi sospetti di infezione è "talvolta inquietante". Il 36% dei partecipanti al sondaggio ha reso noto che per chi è entrato in contatto con una persona malata di Covid-19 non è garantita la possibilità di restare dieci giorni in quarantena presso il proprio domicilio, ricevendo lo stipendio per intero. Nel 19% dei casi non è nemmeno assicurato che un lavoratore con sintomi come tosse o febbre sia rimandato a casa.

Unia dichiara di segnalare sistematicamente alle autorità cantonali le varie violazioni di aziende della logistica e dei trasporti. Ma, nella maggior parte dei casi, la qualità dei controlli ufficiali è "mediocre". Stando al sindacato, tali ispezioni sono sovente annunciate in anticipo, raramente comportano sanzioni e proteggono unilateralmente le imprese, tanto che nessuna è stata fatta chiudere.

Oltre a chiedere molti più controlli, Unia domanda, come misura immediata, di versare un supplemento di 50 franchi al giorno ai salariati, una sorta di indennità di rischio. Questo perché chi lavora nella logistica e nei trasporti fornisce attualmente un contributo essenziale al funzionamento della società.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:12:50 | 91.208.130.87