Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
1 min
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta 1 franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
VALLESE
45 min
Il lupo trovato morto era stato investito da un'auto
L'animale non presentava ferite da proiettile e nemmeno indizi di avvelenamento. È quanto risulta dall'inchiesta
BASILEA
1 ora
Bus contro un muro, 9 feriti
La neve ieri pomeriggio a Basilea ha causato un grave incidente
SVIZZERA
12 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
13 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
14 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
15 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
17 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
18 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
19 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
ZURIGO
19 ore
Un nuovo centro per i test covid all'aeroporto di Zurigo
È stato inaugurato oggi ed è in grado di effettuare 15mila tamponi alla settimana.
SVIZZERA
19 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
SVIZZERA
20 ore
«Nessuna quarantena per i viaggi d'affari»
Swismem si dice scettico sull'efficacia delle quarantene: «Non fermeranno la diffusione del virus».
ARGOVIA
20 ore
Anche Argovia gioca d'anticipo: «Su la mascherina nei luoghi pubblici»
Salgono così a 14 i cantoni che hanno anticipato alcune delle misure proposte dal Consiglio federale.
SVIZZERA
20 ore
«La stampa va sostenuta»
Il Consiglio federale invita il popolo ad approvare il tema in votazione il prossimo 13 febbraio.
SVIZZERA
09.04.2020 - 11:120

Non tutti gli ospedali vogliono il lavoro ridotto

La situazione cambia da istituto a istituto: in alcuni grandi centri ospedalieri la misura non è stata attuata.

L'Ufficio federale della sanità pubblica da parte sua non vuole pronunciarsi sulla misura.

BERNA - Le autorità federali hanno vietato le operazioni chirurgiche non essenziali e la popolazione evita di recarsi negli ospedali per paura del coronavirus. Di conseguenza talvolta è all'esame la disoccupazione tecnica di una parte del personale. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non vuole pronunciarsi sulla misura.

«Sono state fatte richieste, ma non sappiamo se ne abbiamo diritto in quanto ospedali sovvenzionati. Stiamo chiarendo la questione», ha spiegato ieri a Keystone-ATS Patricia Albisetti, segretaria generale della Federazione degli ospedali vodesi (FHV) che raggruppa 12 ospedali regionali, in particolare quelli di Rennaz, Nyon e Yverdon-les-Bains.

Tutti gli istituti sono interessati, ma in modo più o meno evidente. Da un giorno all'altro le operazioni elettive - ossia programmate e non urgenti - sono state annullate e l'ambulatorio è quasi fermo. «Questo mette in crisi un ospedale», ha constatato Albisetti.

Il Consiglio di Stato vodese ha scritto alla fine della settimana scorsa al Consiglio federale per chiedergli di precisare il campo di applicazione dell'indennità per lavoro ridotto (ILR), ha detto il consigliere di Stato Philippe Leuba. «Somme considerevoli sono in gioco per gli ospedali, tra cui il CHUV, ma anche per gli asili nidi, i trasporti pubblici e l'ufficio del turismo. Vogliamo essere sicuri che la Segreteria di Stato dell'economia convalidi», ha aggiunto.

Diminuzione della metà - L'Ospedale del Giura (H-JU) è attualmente in contatto con il servizio giurassiano dell'economia e dell'impiego in prospettiva di depositare una richiesta formale di lavoro ridotto, ha indicato il portavoce dell'ente Olivier Guerdat. Ma per il momento non vi è entrata in materia.

A Ginevra le cliniche private hanno messo a disposizione le loro infrastrutture per le urgenze che non sono legate al coronavirus. Gli Ospedali universitari di Ginevra (HUG) trasferiscono così a loro una trentina di pazienti al giorno. Il numero di questi casi tuttavia non è sufficiente per colmare la riduzione di attività. Rispetto al normale quest'ultima è diminuita di circa la metà. Anche le cliniche private hanno chiesto il lavoro ridotto per una parte del loro personale che opera nei servizi non urgenti.

Nei cantoni svizzero tedeschi la situazione è la stessa per gli ospedali di Lucerna, Zugo, Uri come anche di Svitto. Anche gli ospedali privati basilesi hanno chiesto di beneficiare del lavoro ridotto, come il centro di Bethesda. Il numero di posti interessati dalla misura sarà noto nei prossimi giorni, ha fatto sapere l'ospedale. Questo dipenderà in particolare dal numero di dipendenti che potrà essere prestato ad altri istituti di cura sanitaria.

«Se non c'è altra possibilità» - Finora gli ospedali universitari di Ginevra (HUG) e l'ospedale di Friburgo non hanno ancora presentato domanda di lavoro ridotto. L'istituto ginevrino che si occupa di tutte le persone che sono state ricoverate dopo essere state infettate dal coronavirus non è rimasto senza lavoro dall'inizio della pandemia. Ha dovuto persino liberare risorse umane in alcuni reparti per trasferirle nelle unità che si occupano di pazienti con Covid-19, ha detto un portavoce, Nicolas de Saussure. Gli HUG beneficiano anche di risorse infermieristiche di alcune cliniche private.

Il lavoro ridotto non è (ancora) stato introdotto all'ospedale di Zurigo, sottolinea una portavoce. Stessa constatazione per gli ospedali di Berna. I nosocomi bernesi non devono preoccuparsi del futuro e secondo il consigliere di Stato, direttore della sanità, Pierre-Alain Schnegg, dovrebbero poter compensare la perdita di guadagno dovuta alla crisi del coronavirus.

Lo stesso vale per l'ospedale universitario di Basilea e cantonale di Basilea Campagna. «Se la situazione persiste dovremo prenderlo in considerazione, ma solo se non c'è altra scelta», scrive il servizio stampa di quest'ultimo. Attualmente il personale può ancora essere impiegato in parte in altri reparti o per svolgere altri compiti.

«Rimanere prudenti» - La situazione non è quindi la stessa in tutti i centri ospedalieri, ma la domanda si pone comunque. Occorrerebbe ormai riprendere alcune operazioni pianificate? «Ci si trova ancora in una fase critica. Occorre essere prudenti», ritiene Albisetti. Ma la FHV auspica che la questione venga esaminata. E che gli ospedali possano assicurare assistenza ai malati cronici riorganizzandosi nel rispetto delle direttive dell'UFSP.

Swiss Medical Network, che si era visto costretto a mettere in disoccupazione tecnica una parte del suo personale, aveva già chiesto qualche giorno fa alla Confederazione di «considerare un allentamento del divieto totale delle cure non urgenti, che permetterebbe di evitare un ulteriore accumulo, ma anche il peggioramento dei casi».

Per l'UFSP è importante mantenere l'ordinanza Covid-19 del Consiglio federale che vieta a ospedali, cliniche, studi medici o dentistici di effettuare interventi o trattamenti non urgenti. Ciò al fine di «garantire una sufficiente capacità ospedaliera in caso di afflusso di pazienti infetti», dato che il picco di malati non è ancora stato raggiunto.

L'idea è anche quella di evitare raggruppamenti di persone non essenziali in questi istituti per frenare la diffusione del virus, aggiunge l'UFSP.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 10:45:09 | 91.208.130.87