Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
7 ore
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
SCIAFFUSA
8 ore
Sola sull'autobus a 4 anni, la polizia la riporta a casa
La bambina ha abbandonato la propria scuola dell'infanzia senza attendere l'arrivo del papà.
SVIZZERA
9 ore
Accordo quadro, esclusa l'interruzione dei negoziati
Il Consiglio Nazionale chiede che un compromesso sia raggiunto a tutti i costi.
SVIZZERA
11 ore
«L'esclusione dei ricercatori elvetici dai programmi UE va evitata»
Il comitato di swissuniversities chiede al Governo federale d'instaurare relazioni durature con Bruxelles
GRIGIONI
12 ore
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
SVIZZERA
12 ore
Mobility pricing: i partiti sostengono i progetti pilota
Per il modello proposto dal Governo federale c'è però il malcontento di UDC e TCS
BERNA
12 ore
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
BERNA 
13 ore
Casse malattia: nel 2020 calo dei reclami
Complessivamente sono stati inoltrati 4457 dossier, rispetto ai 4968 del 2019.
SAN GALLO
13 ore
Bandiere arcobaleno distrutte, l'ira della comunità LGBTQ+
Sconosciuti al momento gli autori del gesto
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera altri 2650 casi nel weekend
Sono 8 i decessi confermati in laboratorio. I dati dell'UFSP
GRIGIONI
14 ore
Abbonamenti sciistici offerti ai politici, al via l'inchiesta
Le possibili imputazioni sarebbero concessione e accettazione di vantaggi. Si tratterebbe di un segreto ormai arcinoto.
FOTO
ZURIGO
14 ore
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel settimo distretto della Città di Zurigo.
SVIZZERA
15 ore
Tratta di essere umani da record in Svizzera
I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.
SVIZZERA
15 ore
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
16 ore
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
24.03.2020 - 10:580

Orologi avanti di sessanta minuti, ritorna l'ora legale

Come ogni ultima domenica di marzo ritorna l'ora estiva.

L'ora di sonno che perderemo il 29 marzo la recupereremo il 25 ottobre. Un'abitudine consolidata che potrebbe andare perduta in un prossimo futuro.

BERNA - Tra pochi giorni tornerà ufficialmente l'ora estiva. Alle 2.00 di notte di domenica 29 marzo le lancette degli orologi andranno infatti spostate alle 3.00. Sessanta minuti di sonno in meno che recupereremo il 25 ottobre, quando le lancette compieranno il percorso inverso. 

L'ora legale - come ricordato dall'istituto federale di metrologia (METAS) - inizia sempre l'ultima domenica di marzo e si esaurisce l'ultima domenica di ottobre. Ma presto questa abitudine - ormai consolidata nel tempo - potrebbe bloccarsi per sempre. Le nazioni europee potrebbero infatti abrogarla in un prossimo futuro. «Attualmente l'abolizione dell'ora legale è un argomento politico nei Paesi confinanti», precisa il METAS. «La Svizzera dovrà valutare se un eventuale adeguamento sia nei suoi interessi». In caso di adozione di un sistema orario differente il nostro Paese diverrebbe «un'isola temporale» con tutte le conseguenze che ne deriverebbero nei rapporti commerciali, nel settore dei trasporti, nel turismo e nelle comunicazioni.

Introdotta nel 1981 - Nel nostro l'introduzione dell'ora legale era avvenuta nel 1981 per armonizzare gli orologi elvetici con quelli dei Paesi vicini. In Europa, l'ora estiva era entrata in vigore qualche anno prima nell'ambito di un dibattito sul risparmio energetico. Ma non tutti erano d'accordo. 

Ma prima bocciata - Emblematica in tal senso la votazione avvenuta nel maggio del 1978 quando l'introduzione dell'ora solare era stata bocciata con il 52%. Governo e parlamento si affrettarono però a promulgare una seconda legge, che entrò in vigore il primo gennaio 1981, per evitare i problemi creati dalle differenze di orario con i paesi circostanti, ormai già tutti allineati.

«Tanto a Berna fanno quello che vogliono» - Contro queste disposizioni, considerate un diktat dall'estero, venne lanciato un secondo referendum capitanato dall'allora giovane consigliere nazionale Christoph Blocher, che non riuscì a raccogliere le firme necessarie. Pure insufficiente fu il sostegno a un'iniziativa popolare per la reintroduzione dell'ora solare. Da allora il tema viene comunque costantemente citato come esempio da chi ritiene che votare non serve a nulla, «tanto a Berna fanno quello che vogliono».

Tema che affascina - Il tema dell'ora legale affascina la popolazione mondiale ormai da generazioni. Le origini del dibattito vengono fatte risalire alla fine del 1700, più precisamente al 1784, quando l'inventore del parafulmine Benjamin Franklin pubblicò la sua proposta sul quotidiano francese "Journal de Paris". Le riflessioni di Franklin si basavano sulla volontà di risparmiare energia ma non trovarono seguito. Oltre un secolo dopo, nel 1907, l'idea venne ripresa dall'inglese William Willet, che elaborò un nuovo approccio. La proposta trovò seguaci: nel 1916 la Camera dei comuni di Londra diede il via libera al British Summer Time che implicava lo spostamento delle lancette un'ora in avanti durante l'estate. Diversi paesi imitarono la Gran Bretagna in quanto in tempo di guerra (il primo conflitto mondiale era scoppiato nel 1914) il risparmio energetico era una priorità.

Bocciato durante la Prima Guerra mondiale... - Anche la Germania passò al nuovo sistema (per abbandonarlo poi di nuovo con la Repubblica di Weimar). In Svizzera il Consiglio federale esitò, ma il 24 marzo 1917 rinunciò ad adottare la novità. I risparmi erano giudicati insufficienti: secondo il Governo le statistiche concernenti le quantità di carbone economizzate non erano abbastanza probanti.

Attuato (per poco) durante la Seconda - Si temevano inoltre gli squilibri provocati al ritmo di vita di uomini e animali. «I giorni di lavoro della nostra popolazione agricola sono già abbastanza lunghi», affermavano quelli che allora erano chiamati i "sette saggi". Il tema tornò d'attualità durante la Seconda Guerra mondiale. L'esecutivo federale decise di applicare il sistema nel 1941 e nel 1942, nell'intento di economizzare energia. Ma visto che non si osservarono gli effetti voluti si tornò alla tradizione.

Armonia continentale - Intanto gli altri Paesi stavano sperimentando. Nella Germania prostrata dalla guerra, tra il 1947 e il 1949, si instaurò addirittura una "Hochsommerzeit" (alta ora estiva). Nel periodo compreso tra l'11 maggio e il 29 giugno le lancette venivano spostate in avanti di un'ulteriore ora. Da notare inoltre che nella zona occupata dall'URSS vigeva l'ora di Mosca: i cambiamenti di orario nello spazio di pochi chilometri potevano quindi essere notevoli. Dopo lo choc petrolifero del 1973 sempre più nazioni europee aderirono alla nuova usanza. Come detto la Svizzera ci arrivò nel 1981, un anno prima la Germania e l'Austria, ma prima di allora il sistema era già in vigore in Italia (dal 1966) e Francia (1976). Il cambiamento d'ora estivo è stato introdotto in tutti i paesi dell'Unione europea all'inizio degli anni Ottanta. Dal 1996, la durata del cambiamento è stata armonizzata a livello continentale: dall'ultima domenica di marzo all'ultima di ottobre.

Un'armonia che potrebbe spezzarsi presto. Ma non siamo ancora là. Quindi domenica ricordatevi di spostare le lancette.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
Grosso problema per l'UE, ci vogliono anni per abolire o la solare. in un bar si risolverebbe la questione in 2 minuti. ma si sa i funzionari ed i politici europei hanno mille e mille cose da fare: dalla lunghezza delle banane, alla grossezza dei citrioli. ultimo studio sulle rape, fortunatamente il materiale ce l'hanno sopra il collo! (e non scrivetemi che in questo momento ci sono altre priorità. a Bruxelles non stanno proprio facendo nulla, dimostrando al mondo l'inutilità dell'UE!)
Mag 1 anno fa su tio
Ma non era stata abolita questa scempiaggine retrograda? (Si lo so che non è stata ancora abolita ... )
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 03:44:11 | 91.208.130.89