tipress
Niersbach e i suoi avvocati in arrivo a Bellinzona
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
6 ore
Spinge una sconosciuta sui binari
Il macchinista del treno è riuscito ad azionare in tempo il freno d'emergenza, evitando di travolgere la 40enne.
SVITTO
7 ore
La carica gli scoppia tra le mani, gravi ustioni per un operaio
Attivo in un'azienda che testa armi e munizioni, l'uomo è stato trasportato in una clinica specializzata.
SVIZZERA
9 ore
L’annunciata terza ondata non c’è stata, e ora la Task Force è nella bufera
Accusata di fare «terrorismo sanitario», gli esperti scientifici sono sotto le critiche della politica.
BASILEA CAMPAGNA
9 ore
Assistenza al suicidio, dottoressa assolta dall'accusa di omicidio
È stato ritenuto che la paziente fosse capace di discernimento. Dimezzata la multa dell'imputata.
SVIZZERA
10 ore
Vaccino dai 12 anni, Pfizer chiede l'omologazione
Swissmedic esaminerà la domanda attraverso una procedura semplificata.
SVIZZERA
11 ore
«Parmelin sospenda subito i brevetti sui vaccini»
Il PS invita Berna «ad assumersi la sua responsabilità globale» non opponendosi più alla sospensione dei brevetti.
SVIZZERA
11 ore
Burnout professionale, al via uno studio su scala nazionale
Una persona su cinque si dice esaurita. E non esiste ancora uno standard diagnostico e terapeutico in materia.
SVIZZERA
12 ore
Pandemia: finanze comunali allo stremo
Il 40% delle città svizzere non esclude un aumento delle imposte.
SVIZZERA
12 ore
Vaccini, quasi 2000 casi di effetti indesiderati
Colpite pIù le donne che gli uomini. Le persone che sono decedute avevano gravi patologie pregresse
SVIZZERA
12 ore
Potremo di nuovo visitare Palazzo federale
Le visite per i gruppi di al massimo 15 persone saranno di nuovo consentite a partire da lunedì prossimo.
SVIZZERA
12 ore
«Nuove (caute) riaperture sono possibili»
È quanto emerge dopo i colloqui odierni tra una delegazione del Governo e i vertici dei principali partiti.
GRIGIONI
13 ore
Da oggi niente più mascherine in casa anziani
Anche chi non è stato vaccinato puo' non indossarla. Allentate le regole di visita per gli ospiti
SVIZZERA
13.03.2020 - 23:090

Processo Fifa: rischio prescrizione per il virus

L'ex presidente della Federazione di calcio tedesca Niersbach non si è presentato oggi a Bellinzona

Al Tribunale penale federale il processo per corruzione nel mondo del calcio è ostaggio del Covid-19

BELLINZONA - È stato rinviato il processo sullo scandalo finanziario legato ai Mondiali di calcio giocati in Germania nel 2006, in corso al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona. Dopo che Wolfgang Niersbach, uno degli imputati, si è autoimposto la quarantena a causa del coronavirus, la prescrizione sembra ormai dietro l'angolo.

Nella scuola frequentata dal figliastro 14enne di Niersbach, ex presidente della Federazione di calcio tedesca (DFB), ci sarebbe un caso sospetto di contagio da Covid-19, informa oggi il tribunale. Non è ancora stata fissata una data per il rinvio.

Si avvicina quindi sempre più il rischio di prescrizione dei reati. Per evitare ciò, una prima sentenza deve infatti essere pronunciata entro il 27 aprile.

Processo condizionato dal virus - L'epidemia aveva già messo a rischio il processo a carico di quattro alti funzionari del mondo del pallone sin da lunedì, quando era stato subito rinviato a mercoledì. Per ragioni d'età gli imputati rientrano nella categoria a rischio, ma il TPF non lo aveva ritenuto un motivo valido per non presentarsi in aula.

L'ex segretario generale della FIFA Urs Linsi era già arrivato a inizio settimana a Bellinzona, mentre mercoledì era comparso pure Niersbach. Gli altri due funzionari non si sono invece visti. Si tratta dell'ex segretario generale della DFB, Horst Rudolf Schmidt, e di un altro ex presidente dell'associazione, Theo Zwanziger. Quest'ultimo aveva indicato di non voler recarsi in Ticino proprio a causa del virus, mentre Schmidt ha invocato motivi di salute e la sua idoneità a partecipare al dibattimento non è stata chiarita.

Zwanziger, Schmidt e lo svizzero Linsi sono accusati di truffa, Niersbach di complicità nella truffa. Del caso si sta occupando anche la giustizia in Germania. I tre tedeschi facevano parte del comitato per la Coppa del Mondo del 2006, in cui vi era anche l'ex stella del calcio Franz Beckenbauer. La posizione del leggendario difensore, allenatore e dirigente è stata disgiunta per essere condotta separatamente, a causa del suo stato di salute.

Vicenda complessa - La vicenda giudiziaria è piuttosto complessa. In sostanza, gli organizzatori dei Mondiali avrebbero pagato alla FIFA 6,7 milioni per un fantomatico evento culturale che non ha mai avuto luogo. Linsi è coinvolto in quanto, da segretario generale della massima organizzazione del pallone, era il loro primo interlocutore.

Stando alle indagini, Beckenbauer avrebbe contratto dall'uomo d'affari francese Robert Louis-Dreyfus un prestito di 10 milioni di franchi, una cifra impiegata a favore di un'impresa di Mohammed Bin Hammam, allora membro del comitato esecutivo e della commissione finanziaria della FIFA. Lo scopo del versamento era verosimilmente convincere il dirigente del Qatar a concedere una sovvenzione di 250 milioni di franchi per l'organizzazione del torneo.

Reale destinazione dei soldi camuffata - Siccome la DFB non ha voluto mettere a disposizione i 10 milioni, Beckenbauer ha sborsato la somma personalmente, servendosi del prestito. Nell'aprile 2005 il debito è stato estinto trasferendo 6,7 milioni di euro (che al cambio dell'epoca corrispondevano ai soldi dovuti) da un conto del comitato organizzatore alla FIFA e a Dreyfus.

Gli imputati sapevano che la commissione presidenziale, che andava coinvolta per un pagamento di questa entità, non avrebbe approvato l'estinzione del prestito con fondi della DFB. Per ottenere il rimborso ingannando i membri di vigilanza del comitato, lo avrebbero quindi presentato come un cofinanziamento della federazione tedesca di calcio per una serata di gala.

L'idea sarebbe stata di Zwanziger e Schmidt, mentre Linsi avrebbe incassato i soldi su un conto della FIFA, prima di girarli a Dreyfus per liquidare il prestito. Niersbach dal canto suo era al corrente dell'operazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 anno fa su tio
Bell esempio della giustizia..............
seo56 1 anno fa su tio
Pazzesco e non si poteva farlo in videoconferenza rispettando tutti i diritti della difesa?
saetta 1 anno fa su tio
Questo ha trovato il modo per farla franca :-((
Nordica 1 anno fa su tio
Sentirlo via videoconferenza?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-08 03:22:26 | 91.208.130.87