Keystone
Il liceo tecnico di Bienne ha 45 studenti e 9 professori in quarantena.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
1 ora
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
10 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
10 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
12 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
13 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
14 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
OBVALDO
14 ore
Sottraevano nottetempo auto e moto: adolescenti nei guai
La polizia ha scoperto che i giovani hanno percorso indisturbati centinaia di chilometri
SVIZZERA
15 ore
Aggiunto il Canada alla lista dei paesi a rischio
Le restrizioni sono in vigore dalle 18 di oggi. L'UFSP lo ha comunicato mezz'ora prima
SVIZZERA
15 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
SVIZZERA
15 ore
«Nella gestione della crisi vanno coinvolti i giovani»
È quanto chiede la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale
SVIZZERA
01.03.2020 - 20:310

Le autorità rassicurano sul coronavirus: «Nessun caso grave»

L'ufficio federale della sanità invita la popolazione alla calma: «Per ora nessuna misura restrittiva»

Le scuole e i confini resteranno quindi aperti, anche se la situazione italiana preoccupa. Sommaruga: «È importante sapere che abbiamo un buon sistema sanitario».

BERNA - Nel corso del week-end come da copione sono aumentati i casi di coronavirus registrati in Svizzera, tanto che quota trenta è ormai alle porte. Tuttavia, le autorità hanno invitato alla calma, annunciando che, almeno nell'immediato, misure restrittive come la chiusura dei confini o delle scuole restano fuori discussione.

Secondo quanto comunicato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), alle 17 di oggi i contagi ufficiali erano 24, sparsi in diversi cantoni elvetici, 11 per la precisione. Vi è però da considerare che altri campioni sono solo in attesa della conferma definitiva dal laboratorio di referenza di Ginevra in merito alla positività.

Nessun paziente è grave - Per quanto noto, nessuno dei pazienti si trova in condizioni di salute che destano preoccupazione. Il virus ha raggiunto, oltre al Ticino, Argovia, Berna, Basilea Città, Basilea Campagna, Friburgo, Ginevra, Grigioni, Vaud, Vallese e Zurigo. Più di 1300 persone si sono sottoposte al test, risultando non infettate dal virus.

I casi recenti - Tra i casi più recenti quello di un uomo sulla trentina del canton Friburgo, probabilmente infettato durante un viaggio in Lombardia, e quello di un 31enne maestro d'asilo a Spreitenbach (AG), che la scorsa settimana si era recato in Nord Italia per una visita famigliare. Si prospetta una quarantena per le 70 persone - fra cui 44 bambini dell'asilo e otto colleghi - con cui è entrato in contatto.

Scuole in quarantena - Lo stesso provvedimento è scattato per due classi della Scuola tecnica superiore di Bienne (BE) e i loro insegnanti. Si tratta dell'istituto dove studia una 21enne la cui positività è stata resa pubblica ieri. Il periodo d'isolamento durerà fino al prossimo 12 marzo e interessa 45 studenti e nove professori.

UFSP predica calma - Dopo l'annullamento deciso venerdì di ogni evento con almeno 1000 persone fino al 15 marzo, Berna ha voluto rassicurare la popolazione. Ieri davanti ai media, il capo della divisione malattie trasmissibili dell'UFSP Daniel Koch ha garantito che nessuna misura clamorosa è dietro l'angolo.

Chiudere le frontiere non è un'opzione - La chiusura delle frontiere non è un'opzione perché non sarebbe efficace e impedirebbe a molti frontalieri di raggiungere il posto di lavoro negli ospedali e negli studi medici, ha affermato il funzionario. Resteranno aperte pure le scuole: i bambini, al contrario degli over 60, non sono considerati né a rischio né come i principali portatori del virus.

«La situazione italiana preoccupa» - Koch ha predicato calma per non sovraccaricare i servizi di pronto soccorso degli ospedali con casi minori. Si è invece detto preoccupato della situazione in Italia. Il prossimo passo della Confederazione sarà una campagna d'informazione che comprenderà raccomandazioni scritte ai cittadini su cosa fare per proteggersi dall'infezione e dalla trasmissione del COVID-19.

«Buon sistema sanitario» - Da parte sua, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha approfittato della allocuzione per la Giornata del malato per ringraziare il personale curante che si sta facendo carico dell'emergenza. «È importante sapere che abbiamo un buon sistema sanitario», ha detto la consigliera federale, rivolgendo poi un pensiero a tutte le persone malate da tempo.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 09:37:16 | 91.208.130.87