Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
2 ore
Blocher rivuole quei 2,7 milioni di vitalizio a cui aveva rinunciato nel 2007
E Berna ha già approvato la richiesta dell'ex-consigliere federale
SVIZZERA
2 ore
Tutto quello che devi sapere prima di metterti in viaggio
Annullare un viaggio. Finire in quarantena. Rimborsi. Paura di ammalarsi. È meglio sapere tutto prima di partire
GINEVRA
3 ore
In 300 a protestare rombando contro le piste ciclabili
A mobilitare i manifestanti, arrabbiati per il traffico in città, l'ex-consigliere di Stato Luc Barthassat
SVIZZERA
3 ore
Si torna a Palazzo federale, ma con il plexiglas
Confermati i provvedimenti stabiliti un mese fa
APPENZELLO INTERNO
4 ore
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
4 ore
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
4 ore
Il numero AVS si può utilizzare maggiormente
Non ci sarebbero problemi in termini di protezione dei dati
SVIZZERA
5 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
SVIZZERA
21.02.2020 - 10:240

Scandalo AutoPostale: «Nessun conflitto d'interessi»

Il Consiglio federale condanna le irregolarità, ma è contrario a istituire una commissione permanente di vigilanza

BERNA - Nessun conflitto d'interessi fra gli obiettivi che la Posta doveva rispettare. È in questo modo che risponde il Consiglio federale al rapporto in cui si criticava la mancata reazione da parte della Confederazione nella vicenda dello scandalo AutoPostale. Il rapporto sulla vicenda è stato stilato dalla Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-S).

Conflitto d 'interessi - Secondo la Posta, viene ricordato in un comunicato odierno del governo, il conflitto di obiettivi consisteva nel fatto che, da un lato, nel settore del traffico regionale viaggiatori era vietato realizzare utili, mentre dall'altro, la strategia dell'esecutivo richiedeva di mantenere o incrementare il valore dell'azienda. Nella relazione della commissione, risalente a novembre, si biasimava la passività del Dipartimento dei trasporti (DATEC) e dell'Amministrazione federale delle finanze nonostante sapessero già almeno dal 2011 dell'esistenza di questo contrasto.

La risposta di Berna - Per il Consiglio federale però, la regola è chiara. Gli obiettivi strategici non possono prevalere sul rispetto delle prescrizioni di legge - in questo caso quella sul trasporto dei viaggiatori - che la Posta ha l'obbligo di seguire. Inoltre, la raccomandazione riguardo il valore della società si riferiva alla Posta nel suo insieme e non ai singoli settori, come ad esempio AutoPostale.

Indicazioni più precise - Lo scandalo ha travolto il gigante giallo nel 2018. È emerso che La Posta nascondeva tramite manipolazioni contabili i profitti proibiti realizzati nel traffico regionale di passeggeri sovvenzionato. Grazie alla frode, AutoPostale ha ottenuto illecitamente sussidi per milioni e milioni di franchi. Il governo afferma comunque di essere disposto ad attuare una raccomandazione formulata dalla CdG-S. Indicherà dunque esplicitamente negli obiettivi per il periodo 2021-24 che, per quanto riguarda le linee esercitate da AutoPostale nel settore TRV beneficiarie di indennità, la redditività deve essere pari a zero.

Niente delegazione di vigilanza - Al termine della procedura penale amministrativa che sta svolgendo l'Ufficio federale di polizia (fedpol), il Consiglio federale redigerà un rapporto in cui farà il punto sull'intero dossier. L'esecutivo è però contrario alla richiesta della commissione di istituire una delegazione permanente del governo incaricata della conduzione e della vigilanza sulle aziende parastatali.

«Le strutture hanno funzionato» - Il Consiglio federale inoltre condanna «inequivocabilmente» le irregolarità sistematicamente commesse per anni da AutoPostale, sottolineando che la Posta deve avere un comportamento esemplare nella gestione del denaro pubblico. Tuttavia, precisa che, in linea di massima, le strutture previste nel governo d'impresa hanno funzionato e che l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha scoperto la truffa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 4 mesi fa su tio
Autopostale no ha infatti nessun conflitto di interessi: i suoi dirigenti con la Leuthard in testa sì! o cominciamo a non più citare nomi in modo che ci dimentichi presto?
Thor61 4 mesi fa su tio
@Zico Molto probabile che il giochetto sia ancora in funzione!!!
roma 4 mesi fa su tio
Tüt a posct...(puah ah ah ah ah)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 23:10:57 | 91.208.130.89