Archivio Depositphotos
SVIZZERA
11.02.2020 - 12:430

Manifestare col megafono? Non può essere vietato

Il Tribunale federale ha esaminato un episodio avvenuto nel 2018 a Vevey: la limitazione imposta dalle autorità è definito «anticostituzionale»

LOSANNA - Vietare l'uso a intervalli regolari di un megafono durante una manifestazione rappresenta una limitazione sproporzionata alla libertà di riunione garantita dalla Costituzione. Lo ha stabilito il Tribunale federale (TF), che ha accolto il ricorso di un'associazione animalista.

Il caso in esame concerne una protesta dell'ottobre 2018 a Vevey (VD). L'organizzazione Pour l'Égalité Animale (PEA), collettivo antispecista attivo dal 2014 in Romandia, aveva chiesto il diritto di manifestare un sabato dalle 14 alle 16 davanti al locale museo dell'alimentazione, con interventi di circa cinque minuti al megafono ogni quarto d'ora. L'autorità aveva dato il via libera alla riunione ma aveva negato l'uso del mezzo tecnico per ampliare la portata della voce, in ossequio al principio di salvaguardia della quiete pubblica. Un approccio giudicato corretto anche dal tribunale cantonale vodese.

Di altro avviso si è mostrato il TF, che ha volutamente statuito sul caso, sebbene nel frattempo non fosse più d'attualità, rilevando l'esistenza di una questione di principio. Nella sentenza pubblicata oggi i giudici di Losanna confermano che l'uso del suolo pubblico può essere limitato e che l'autorità ha la facoltà di emanare condizioni che i dimostranti devono rispettare. Nel caso in questione però l'uso del megafono era ragionevole e compatibile con l'imperativo della quiete pubblica, tenuto conto che l'azione sarebbe durata solo due ore in un pomeriggio di sabato. Il divieto è quindi stato ritenuto sproporzionato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 18:52:03 | 91.208.130.86