TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
SVIZZERA
1 ora
Un passo in avanti nel ridare movimento ai paralitici
L'impianto di due elettrodi effettuato sulle scimmie ha permesso il ripristino del movimento della mano.
SVIZZERA
5 ore
Queste attrezzature subacquee potrebbero perdere ossigeno
Si tratta di tre articoli venduti da Decathlon. I clienti possono riportarli direttamente in negozio
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
7 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
BASILEA
7 ore
Basilea vende 300 opere d'arte
Il Cantone ha accumulato un'enorme collezione in 90 anni. E ha deciso di metterla sul mercato
SVIZZERA
8 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
8 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
SVIZZERA
8 ore
Altri 915 milioni per far fronte alla pandemia nel 2022
Il Governo federale ha adottato il messaggio per la proroga di alcune disposizioni della legge Covid-19
BERNA
9 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
10 ore
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
10 ore
No alle molestie, anche in ambito culturale
La notizia giunge dopo gli scandali emersi nella danza a inizio giugno.
SVIZZERA
10 ore
Lungo autostrade e ferrovia c'è energia da sfruttare
Con l'installazione d'impianti fotovoltaici sui ripari fonici, si potrebbero ricavare 101 GWh all'anno
SVIZZERA
11 ore
Gli infermieri non vogliono cambiare mestiere
Ma chiedono delle condizioni di lavoro migliori. Lo dice uno studio
GIURA
11 ore
Giura, il lupo è tornato
La presenza del predatore è stata confermata dalle autorità cantonali.
BERNA
11 ore
Per cambiare sesso bastano 75 franchi
Una modifica di legge permette di sveltire il cambio nello stato civile.
SVIZZERA
11 ore
Un anno in più di Covid Pass dopo la terza dose
Durante la conferenza stampa di ieri gli esperti avevano erroneamente detto che il pass non sarebbe stato prolungato.
SVIZZERA
12 ore
Arriva Emmo, il pupazzo contro la violenza sui bambini
L'idea è di Protezione dell'infanzia Svizzera, ed è pensata come uno strumento contro la violenza sui piccoli.
SVIZZERA
22 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
SVIZZERA
07.02.2020 - 12:040

Sono 166'327 gli svizzeri che non pagano la cassa malati

È il numero più alto raggiunto finora. Il totale delle fatture aperte ha raggiunto i 453 milioni di franchi

BERNA - 166'327 persone. «Una bomba ad orologeria politico-sociale» per Heinz Brand, presidente di Santésuisse. Si tratta delle persone che in Svizzera non pagano i premi malattia. Le cifre sono state pubblicate oggi dal Tages-Anzeiger, fornite dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), e fanno riferimento al 2018. 

Ma oltre i numeri c'è di più. «Dietro le nude cifre - continua Brand, anche ex consigliere nazionale democentrista dei Grigioni - si cela molto dolore e problemi per numerose famiglie e pensionati». E propone «immediate misure per contenere i costi, anche se dovessero essere dolorose».

Un record - Stando al quotidiano il numero di morosi è il più alto raggiunto finora. Nel 2012 erano di poco superiore agli 80mila. Nel 2018, il totale delle fatture aperte aveva raggiunto almeno i 453 milioni di franchi, una somma più che raddoppiata negli ultimi otto anni.

Liste nere anche in Ticino - E la montagna di fatture non pagate è in crescita anche in quei cantoni che hanno introdotto le liste nere dei cattivi pagatori. Dal 2012, i Cantoni sono autorizzati a stilare una lista di assicurati in mora col pagamento dei premi malattia. Su notifica del cantone, l'assicuratore sospende l'assunzione dei costi delle prestazioni fornite a questi assicurati, salvo nei casi di urgenza medica. Diversi cantoni svizzero-tedeschi, nonché il Ticino e i Grigioni, le hanno introdotte. I Grigioni (come Soletta) vi hanno nel frattempo rinunciato perché tali liste si sono dimostrate inefficaci.

Morto per Aids - In parlamento è pendente una mozione che chiede l'abolizione pura e semplice di simili liste. Ad attirare l'attenzione della politica è stata la morte, a fine 2017, di un uomo sulla cinquantina a causa dell'Aids all'ospedale cantonale di Coira. La sua cassa malati si era rifiutata di rimborsare le terapie che avrebbero potuto evitare l'insorgere della malattia, prima, e rallentarne il decorso, poi.

Niente lista nera per i bimbi - Non tutti però, come scrive il giornale, sono d'accordo con la presunta inefficacia delle liste. A Turgovia, il provvedimento consente alle autorità di sensibilizzare l'assicurato in ritardo coi pagamenti - persona che sovente ha anche altri debiti - sulle conseguenze del mancato pagamento dei premi e di cercare assieme una soluzione. Il numero di morosi sarebbe in calo da alcuni anni. Ad ogni modo, qualcosa si sta muovendo. A parte i Cantoni che stanno riflettendo all'abolizione delle liste, lo scorso novembre il Consiglio federale ha invitato il Parlamento ad approvare una mozione di Angelo Barrile (PS/ZH) affinché i bambini non vengano penalizzati se i loro genitori non pagano i premi. Secondo il governo la lista nera dei bambini è in violazione della Convenzione sui diritti del fanciullo. Per l'UNESCO, quello di aver accesso al miglior trattamento medico possibile è uno dei diritti fondamentali del bambino. Tutti i piccoli che vivono in Svizzera devono avere pari accesso alle cure mediche, indipendentemente dalla loro origine e dallo status socio-economico dei loro genitori, secondo l'esecutivo.

Due iniziative contro i premi - A prescindere dall'abolizione o meno di queste liste di proscrizione, il Consiglio federale ha promosso un programma destinato a contenere i costi sanitari. A livello di partiti, il PPD ha lanciato un'iniziativa popolare in questa direzione: i premi non dovrebbero aumentare più dei salari. Il Partito socialista ha appena inoltrato le firme di un'iniziativa che chiede di limitare al 10% del reddito disponibile l'aggravio causato dai premi malattia. Ciò che rimane andrebbe preso a carico dai poteri pubblici.

Il quotidiano fa notare che il numero di coloro che ricevono un sostegno mediante una riduzione del premio è in flessione da anni in quasi tutti i Cantoni. Nel 2018, le persone che godevano di un aiuto rappresentavano il 26% della popolazione a fronte di oltre il 33% nel 2002.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
mi auguro che fra non molto almeno 1'000'000 di cittadini NON paghino un centesimo per 1 anno. poi vedremo che si farà presto a smantellare le casse malati private!
Meck1970 1 anno fa su tio
Pazzesco.... e i politici non fanno niente. E si continua ad aumentare tutto. POLITICI .... SVEGLIA !!!! Non solo sorrisi e bla bla bla davanti alle telecamere...... Non bisogna essere dei scienziati per capire che si sta spennando il popolo. CASSA MALATI.... TASSE DI OGNI GENERE..... AFFITTI .... CORRENTE .... Tutto fuori di testa. I ricchi diventano sempre più ricchi....
Meck1970 1 anno fa su tio
Pazzesco.... e i politici non fanno niente. E si continua ad aumentare tutto. POLITICI .... SVEGLIA !!!! Non solo sorrisi e bla bla bla davanti alle telecamere.
moma 1 anno fa su tio
La colpa è degli altri quindi.
volabas 1 anno fa su tio
Se sia arriva a queste situazioni é perché ci sono degli squilibri nel sistema, forse il primo passo, sarebbe avere gente onesta in questi ambiti, ma forse è davvero chiedere troppo come primo passo.
Bacaude 1 anno fa su tio
X LASUA qui sotto
Bacaude 1 anno fa su tio
WOW! Non sapevo che i criminali stranieri sedessero tutti nei consigli d'amministrazione delle casse malati...
LAMIA 1 anno fa su tio
Espulso criminale straniero MA CINTINUERA A PERCEPIRE L AI.!!!! Siamo proprio scemi e meritiamo i governanti che abbiamo. Mai caduti così in basso!
LAMIA 1 anno fa su tio
Speriamo che almeno questi sapendo chi li ha messi in quel calvario vadano a votare a maggio perché altrimenti per noi svizzeri sarà la fine.
Yoebar 1 anno fa su tio
Per tirar su il morale a tutti, gli asilanti hanno le cure pagate dalla confederazione, e pagano pure il rifacimento dei denti, cavoli, quanto siamo poveri......
Bacaude 1 anno fa su tio
Ma no dai, la sanità privata esiste per non far esplodere i costi e per alzare il livello delle prestazioni mediche...
Rhodium 1 anno fa su tio
La sanità è un bene di lusso, costa di più la Cassa Malati che le rate di un auto! E purtroppo, più si va avanti e più quel debito da quasi mezzo miliardo non farà altro che aumentare se non si cambiano le cose.
Bayron 1 anno fa su tio
... e si vuol far pagare in base al reddito???? Sarebbe la disfatta per la classe media.
GI 1 anno fa su tio
forse meglio riferirsi a "soggetti".....senza nulla togliere a coloro che in quanto "non svizzeri" osservano con scrupolo i termini degli impegni (obbligatori e non)....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 21:55:49 | 91.208.130.85