Archivio Keystone
Attualità
29.01.2020 - 11:010

Allevamento intensivo: in arrivo un controprogetto

Il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare

di Redazione
ATS

BERNA - La richiesta di inserire nella Costituzione standard di produzione biologica privati e di estenderli alle importazioni è eccessiva. Per questo il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare sull'allevamento intensivo, dichiarata riuscita lo scorso ottobre. L'esecutivo intende però elaborare un controprogetto indiretto.

L'iniziativa - la cui denominazione ufficiale è "No all'allevamento intensivo in Svizzera" - mira a proteggere la dignità degli animali negli allevamenti agricoli, indica in una nota odierna il governo. I promotori hanno depositato in autunno il testo alla Cancelleria federale: le firme considerate valide sono state 106'125.

Con l'iniziativa, la Confederazione è chiamata a stabilire criteri per il ricovero, l'accesso a spazi esterni, il numero di animali detenuti e la macellazione che corrispondano almeno a quelli delle direttive Bio Suisse del 2018. La nuova disposizione costituzionale dovrebbe inoltre valere anche per i prodotti importati.

Il Consiglio federale afferma di essere sostanzialmente d'accordo con l'obiettivo del testo, ma vuole bocciarlo poiché ritiene che vada troppo oltre per quanto riguarda gli standard di produzione biologica privati. La loro estensione alle importazioni sarebbe per di più incompatibile con gli accordi commerciali e molto difficile da attuare, fa notare il governo.

Tuttavia, l'esecutivo vuole migliorare le condizioni di detenzione negli allevamenti e pertanto presenterà un controprogetto, in cui saranno inclusi i criteri per il benessere degli animali da reddito. Per il Consiglio federale comunque la Costituzione e la legislazione attualmente garantiscono già un'elevata protezione. Inoltre, Berna versa contributi a sostegno di sistemi di stabulazione rispettosi degli animali e dell'uscita regolare all'aperto, viene puntualizzato nel comunicato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lilly Formina 1 anno fa su tio
Come sempre il Consiglio federale esterna la propria ambiguità lodando un obiettivo che poi in concreto propone di combattere. E' chiaro che un'iniziativa che miri a proteggere una qualsivoglia dignità, in questo caso quella degli animali, a livello istituzionale sarà sempre ostacolata fintanto che ci ostineremo a riconoscere un esecutivo che è sempre disposto a sacrificare la propria, di dignità, pur di compiacere coloro che solo riconosce come padroni. Che, alla faccia del popolo "sovrano", sono tutti rappresentanti dell'economia privata: questa volta gli industriali della carne e dei lager per animali, domani i soliti banchieri, poi le industrie farmaceutiche,... lobby qua, lobby là, trallallà.
pulp 1 anno fa su tio
@Lilly Formina A parlare di lobby, anche quelle LGBT o quelle ambientaliste non scherzano. E se non ti piace l'economia privata, beh sappi che perlomeno da lavoro a migliaia di persone che non camperebbero con le fregnacce animaliste.
sedelin 1 anno fa su tio
@Lilly Formina brava, ottime e veritiere considerazioni!
sedelin 1 anno fa su tio
sì all'iniziativa :-)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 16:15:45 | 91.208.130.87