Foto lettore 20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
4 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
8 ore
Scontro sulle piste, grave un 64enne
L'altra persona coinvolta si è allontanata dal luogo dell'incidente. La Polizia cerca testimoni
GRIGIONI
8 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
ZURIGO
10 ore
Il Parlamento più femminile è zurighese
Il Gran Consiglio conta il 40,5% di donne. Nel nostro Paese solo il Consiglio nazionale fa meglio
BERNA
11 ore
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
12 ore
«L'iniziativa UDC è un attacco a tutti i lavoratori»
A dirlo sono i sindacati, secondo cui le condizioni di lavoro peggiorerebbero e la Svizzera verrebbe isolata
SVIZZERA
13 ore
Emmi sta alzando i prezzi
«La decisione è stata difficile da prendere» assicura il Ceo Urs Riedener.
SVIZZERA
14 ore
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
15 ore
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
ZURIGO
15 ore
Dopo la panne, Swisscom gli offre 1'000 franchi di danni
I recenti guasti si sono conclusi con un indennizzo per un imprenditore. L'operatore: «Solo un gesto di cortesia»
ZURIGO
23.01.2020 - 20:050
Aggiornamento : 21:52

«La neve industriale è comune vicino agli inceneritori»

A tu per tu con una meteorologa sul fenomeno che stamani ha interessato la regione di Zurigo: fiocchi di neve, che però non erano di vera neve

di Redazione
ihr/JC/Pa.St.

ZURIGO - Questa mattina le strade di Zurigo erano bianche. Chi è uscito di casa prima dell'alba ha potuto ammirare dei “fiocchi” cadere dal cielo. Ma non stava effettivamente nevicando: si trattava di cosiddetta neve industriale. Un fenomeno affascinante e sorprendente che MeteoSvizzera ha definito come “fake”. Ne abbiamo parlato con Melania Flubacher di MeteoSvizzera.

Come nasce la neve “fake”?
«Affinché si formi, sono necessarie varie condizioni: temperature sotto allo zero, una copertura di nebbia alla giusta altezza, una temperatura più alta sopra alla nebbia e impianti industriali con ciminiere che scaricano aerosol nell'aria. Nelle aree urbane, dove sono presenti impianti industriali e smog, queste particelle entrano in contatto con l’umidità della nebbia e si congelano. Ne escono “fiocchi di neve” che cadono dalla coltre di nebbia perché più pesanti».

Che aspetto ha la neve industriale?
«I fiocchi di neve industriale solitamente non sono grandi e belli come quelli naturali, perché il loro percorso fino a terra è più breve rispetto a quello della neve che cade dal cielo». 

La neve industriale è dannosa?
«Questi fiocchi di neve possono contenere più particelle di polvere rispetto alla neve. Ma, nonostante il suo nome, la neve industriale non è né velenosa né in alcun modo dannosa per la salute».

Si possono fare le palle di neve? 
«Sì, dovrebbe essere possibile realizzare palle di neve con le mani calde. La neve industriale non dura meno di quella naturale. Se la temperatura è sotto allo zero, non si scioglie».

Esiste un luogo in cui la neve industriale è più frequente?
«In Svizzera c’è un luogo in cui è comune: presso la nostra stazione di Gerlafingen (Soletta). Ma in linea di massima non è un fenomeno comune, perché le condizioni meteorologiche ideali per la sua formazione devono essere presenti per giorni».

È vero che la vicinanza con inceneritori di rifiuti la favorisce?
«Sì. Contrariamente a quanto suggerirebbe il nome, non è un fenomeno puramente urbano. Si verifica principalmente nelle regioni in cui sono presenti inceneritori di rifiuti, che liberano nell’aria un numero sufficiente di particelle. Tuttavia il fenomeno sta diventando più comune anche nelle città, perché ci sono altri fattori che contribuiscono alla formazione dei fiocchi di neve».

Lo conferma Daniel Eberhard, portavoce dell'impianto di riciclaggio e smaltimento rifiuti a Zurigo: «Poiché il termovalorizzatore di Hagenholz dispone di un sistema di depurazione dei gas di combustione, che filtra efficacemente le sostanze inquinanti, il fenomeno è dovuto in particolare al vapore acqueo che viene emesso». Vapore acqueo che esce a una temperatura di sessanta gradi e poi si raffredda a contatto con l'aria esterna.

Commenti
 
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
È stata greta
Stefania Domina 1 mese fa su fb
Sarà, ma a me fa pensare a Silent Hill...🐾
Stefano Botta 1 mese fa su fb
ma la "Industrieschnee" la scoprite adesso?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 01:50:41 | 91.208.130.89