Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
URI
2 ore
Sulle piste di Andermatt con una funivia da Göschenen
Il comprensorio vuole raddoppiare i visitatori. Il progetto prevede anche un collegamento diretto per il Gütsch
NEUCHÂTEL
2 ore
Scontri fra tifosi alla stazione
I fatti si sono verificati sabato sera. Protagonisti alcuni supporters di Aarau e Servette
SVIZZERA
3 ore
«Il coronavirus va preso sul serio»
Parla il professore di infettivologia: «Forse le cifre dei contagi sono molto più alte»
SVIZZERA
4 ore
Ultra 55enni raramente convocati ai colloqui d'assunzione
Non solo, gli ultra 60enni trovano raramente un impiego
ZURIGO
4 ore
Da 24mila a 39mila franchi, i deputati si aumentano il salario
L'UDC, contrario all'aumento, ha chiesto invano di sottoporre la modifica al voto popolare
SVIZZERA
4 ore
Turismo nella morsa del coronavirus
La Cina blocca la vendita di viaggi di gruppo. Preoccupato il settore elvetico. Meno il Ticino. Da noi solo l’1,4% dei pernottamenti sono cinesi
SVIZZERA
5 ore
«Coraggio civile è dire "no" quando l'ingiustizia diventa dottrina di Stato»
Simonetta Sommaruga ad Auschwitz nella Giornata della memoria. «È un impegno per un futuro degno di essere vissuto»
SVIZZERA
5 ore
Centrali nucleari: 30 eventi segnalati, uno "anomalo"
La lista dell'autorità federale di vigilanza sugli eventi del 2019 è stata resa nota quest'oggi
ZURIGO
6 ore
Casi sospetti in Svizzera, si saprà domani se è coronavirus
Dall'ospedale Triemli di Zurigo arrivano però notizie rassicuranti: «Stanno bene. Il sospetto d'infezione è molto debole»
SVIZZERA
7 ore
Philip Morris taglierà fino a 256 posti di lavoro in Svizzera
Le misure interesseranno perlopiù le sedi di Losanna e Neuchâtel
LUCERNA
8 ore
Approvato il compromesso sull'apertura dei negozi
La nuova legge prevede un'estensione degli orari ma una sola vendita serale alla settimana
LUCERNA
8 ore
Più edifici danneggiati per un'auto in fiamme
L'incendio si è verificato domenica a Ermensee
SVIZZERA
8 ore
Nuovo direttore per la Società biblica
Eva Thomi passa il testimone a Benjamin Doberstein
SVIZZERA
8 ore
Psicosi da virus: «Non voglio cinesi nel mio ristorante»
La paura per il coronavirus prende piede. Alcuni esercenti non ammettono più comitive di turisti asiatici nei loro locali
SVIZZERA
9 ore
Un referendum contro l'olio di palma
Il sindacato agricolo Uniterre e il viticoltore Willy Cretegny contestano l'accordo di libero scambio con l'Indonesia approvato dal Parlamento
SVIZZERA
9 ore
Il coronavirus mette le ali al franco
Bene rifugio per antonomasia, la nostra moneta segna un nuovo record sull'euro: era dal 2017 che la valuta europea non scendeva sotto l'1,07
FOTO
NIDVALDO
9 ore
Come l'autogru riemerge dal lago
Il mezzo pesante era finito in acqua la mattina del 15 gennaio. A 30 metri di profondità, è stato assicurato con cavi d'acciaio
SVIZZERA
10 ore
Thiam nel mirino della Finma per i pedinamenti
Direttore e Cda, se hanno violato le regole della buona gestione, potrebbero essere chiamati alle dimissioni
SVIZZERA
10 ore
Alexandra Karle a capo di Amnesty Svizzera
La 52enne vanta una lunga esperienza nel campo dei diritti umani e della comunicazione
SVIZZERA
14.01.2020 - 09:130
Aggiornamento : 10:27

Snacks e birre gratis non vanno giù all'esercito

Alcune aziende inviano dei pacchetti omaggio ai militi che ne fanno richiesta. Una consuetudine malvista: «I membri dell'esercito vengono nutriti adeguatamente»

di Redazione
20Minuten/G.D.

ZURIGO - La scuola reclute invernale è iniziata ieri. Secondo i dati forniti dell'esercito svizzero, circa 11'600 futuri soldati sono entrati in servizio nelle varie caserme. Per loro si prospettano settimane intense, con chilometri di marce e poche ore di sonno.

Per affrontare al meglio l'estenuante scuola reclute, la pagina Instagram Armysieche, che ha oltre 26'000 seguaci, pubblica regolarmente dei suggerimenti. E fra questi ce n'è uno piuttosto particolare: «Scrivi alle aziende e dì loro che sei alla scuola reclute», scrive un utente. Perché, dice: «Spesso ti inviano un pacco». Avere sempre a disposizione degli snack è molto importante, afferma l'internauta: «Dipende dal cuoco, ma normalmente non si mangia affatto bene. Quindi barrette di cereali o carne secca possono essere molto utili».

Carne secca e birra - In effetti alcune aziende inviano pacchetti di alimenti gratuiti alle reclute. Il distributore di carne Bell, secondo il suo portavoce, «di solito» manda qualcosa alle reclute che scrivono alla compagnia: «La maggior parte dei nostri pacchetti alimentari contiene carne secca e snack». Si tratta di un «bel gesto» per le reclute.

E anche Feldschlösschen lo fa: «Esiste una tradizione secondo cui le reclute possono ricevere una sorpresa se ci viene mandata una lettera», afferma la portavoce Gaby Gerber. Il birrificio invia un «piccolo pacchetto da condividere con i camerati». Tali confezioni contengono sia birra analcolica, sia birra normale e dovrebbe essere «un piccolo ringraziamento per il loro impegno in favore della Svizzera».

La birra gratuita viene fornita anche dal concorrente Heineken, che comprende i marchi Calanda, Eichhof e Haldengut: «Inviamo da quattro a cinque pacchi a settimana in estate, un po' meno in inverno», dice il portavoce Antonio Govetosa. «Inviamo un pacchetto da sei birre e omaggi come magliette e portachiavi», aggiunge.

Il produttore di bevande energetiche Red Bull non spedisce direttamente i suoi prodotti, ma spiega che le reclute possono ordinare Red Bull dalla caserma «a condizioni speciali». Anche Coop ha a cuore le reclute: «Inviamo alle reclute un buono regalo con il quale possono poi creare da soli una selezione di alimenti adatta», ha detto a 20 Minuten la portavoce Marilena Baiatu. 

L'esercito non gradisce - Ma se i pacchi delle compagnie sono ben accolti dalle reclute, l'esercito non gradisce più di tanto questa pratica: «I membri dell'esercito sono ben curati e nutriti adeguatamente», ha detto il portavoce dell'esercito Daniel Reist. «Al contrario - aggiunge - ci sono molte persone in Svizzera che avrebbero bisogno di questo tipo di aiuti».

L'esercito è inoltre particolarmente infastidito dalle confezioni di birra: «L'invio di alcool è malvisto visto che consumare alcolici in stanza è vietato», afferma Reist. La birra può essere consumata solo durante le uscite libere.

Ma i birrifici si appellano al buonsenso delle reclute: «Partiamo dal presupposto che le reclute rispettino le norme militari e si godano la nostra birra solo nel loro tempo libero», afferma il portavoce di Heineken Govetosa.

Commenti
 
Alan Spongee Galbü 1 sett fa su fb
Quindi uno non puo più sneackkare?
Valentino Meli 1 sett fa su fb
Nutriti adeguatamente? Si... dai quadri in su sicuramente.. e si sa che il budget del corso rip è limitato, quindi qualcuno dovra mangiare schifezze per permettere agli altri di mangiare bene. Invece a scuola reclute sempre mangiato da schifo, ma li penso perche proprio chi cucinava non capiva una beneamata........
Morgan Rosarno 1 sett fa su fb
aboliamo la leva obbligaotria e rendiamo obbligatorio, se proprio vogliamo educare i giovani, aiutare i più poveri!
Stefano Ghezzi 1 sett fa su fb
Morgan Rosarno si può tenere l’esercito e aiutare i più poveri senza obbligo. L’altruismo viene dal cuore.
Morgan Rosarno 1 sett fa su fb
A cosa serve l'esercito? A fare 2 nodi? O a fare 50 km di marcia? Quel tempo lo si può sfruttare molto meglio col volontariato.
Simo Hcore 1 sett fa su fb
Uno dei problemi principali della sussistenza nel militare è il fatto che anche a semplici panettieri, pasticcieri o macellai (nulla da togliere alla professione), danno il permesso di fare avanzamento come capocucina. Ragazzi senza esperienza con la testa un po montata dalla divisa che si ritrovano a gestire una cucina per centinaia di soldati, spesso seguiti da incompetenti o addirittura da nessuno. E in quella situazione puoi avere il grado che vuoi ma se non sai lavorare succede il peggio. Io ho avuto la fortuna di essere responsabile di una cucina militare e dirigere 15 soldati per farne mangiare 300 dico solo che mi è andara bene che la maggior parte di loro erano cuochi diplomati.
Jeanpierre Feinen 1 sett fa su fb
Nutriti adeguatamente un cazzo... Mi ricordo che la nostra caserma a Lucerna era in quarantena talmente ce n'erano tanti che sono stati male per il cibo ed era finito pure sul tuo, in più ero tra queste persone. Ma ti prego, una base di cucina almeno. Erano capaci a bruciarti il gelato 🤦🏻‍♂️
Simo Hcore 1 sett fa su fb
Jeanpierre Feinen tutti in vacanza in KA
Jeanpierre Feinen 1 sett fa su fb
Simo Hcore sì esatto ahaha una settimana e mezza abbiamo passato lì😂
Gioele Beltraminelli 1 sett fa su fb
Daniel Jeronimo 🙌🏼😂
Daniel Jeronimo 1 sett fa su fb
Gioele Beltraminelli ormai è fatta ahahaha
Bryan D'Amico 1 sett fa su fb
Gioele
Marco Cilliano 1 sett fa su fb
Neanche nel terzo modo mangiano lo schifo che servono ai militi
Ivan Galbusera 1 sett fa su fb
Loris, tu si che fai la bella vita. Birra e Cibo gratis 🤣
Loris Di 1 sett fa su fb
Ivan mai fatta!!! Ho gia finito 😂😂
Alessio Nesurini 1 sett fa su fb
Ah sì?!
Rosselli Manuele 1 sett fa su fb
Alessio Nesurini peccato non saperlo prima...
Alessio Nesurini 1 sett fa su fb
Rosselli Manuele eve schifi! Ho sempro dovü rangiam
Igor Petralli 1 sett fa su fb
Ma andate a cagare. Esercito di esaltati. Che fuori dalla caserma si cagano addosso. Per 6 birre. Capisco che non debbano ubriacarsi.... ma così esagerate... nutriti talmente bene che si riforniscono alle buvette per mangiare.... dai su...
Paolo Longoni 1 sett fa su fb
Se per “nutriti adeguatamente” intendono pollo alla salmonella, o per i più fortunati all’ischericchia coli, allora si, hanno ragione a protestare contro la zweifel e la calanda. https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1385252/casi-di-diarrea-e-vomito-nell-esercito-adottate-nuove-misure
David Meyerhans 1 sett fa su fb
"nutriti adeguatamente" certo se per nutriti intendi che t'imbastiscono di polenta con latte a mezzogiorno per poi farti correre e ritirarlo sù...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 19:49:09 | 91.208.130.85