Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
41 min
Dal Portogallo a Ginevra stipati in una gabbia
Una gatta e i suoi quattro cuccioli hanno viaggiato per oltre 18 ore in condizioni indecenti.
SVIZZERA/UE
5 ore
In autunno ripartono i negoziati
Dopo il flop dell'accordo quadro, Bruxelles riallaccerà i contatti con Berna alla fine dell'estate
SVIZZERA
5 ore
Hans Ziegler è colpevole
L'ex manager è stato condannato a ventiquattro mesi di prigione (con la condizionale) dal Tribunale penale federale.
BERNA
5 ore
Hanno dato fuoco a un'altra antenna 5G
Il rogo è divampato in una struttura situata a Kiesen, nei pressi di Thun.
FRIBURGO
6 ore
A processo il piromane seriale della Broye
Il 25enne è accusato di aver appiccato una decina d'incendi tra il canton Friburgo e Vaud.
SVIZZERA
7 ore
Un referendum contro il certificato sanitario
A lanciarlo, il comitato "Amici della Costituzione" e la Rete scelta vaccinale, che parlano di "aperheid sanitaria"
ARGOVIA
7 ore
Il vaccino Pfizer diventa un po' argoviese
Uno stabilimento di Novartis avvia la produzione, per decisione dell'EMA
ZURIGO
7 ore
La polizia trova 700 piantine di canapa
Le coltivazioni indoor sono state individuate nei cantoni Zurigo e San Gallo. Due persone in manette
SVIZZERA
8 ore
Il nuovo svizzero: non ci sentiamo minacciati
Abbiamo meno fiducia nel Consiglio federale, e crediamo ancora fortemente nella neutralità.
SVIZZERA
8 ore
Via libera al vaccino per gli adolescenti
Swissmedic ha omologato il preparato di Pfizer/BioNTech per i ragazzi che hanno tra i 12 e i 15 anni.
SVIZZERA
8 ore
Oltre 2 milioni di certificati Covid già emessi
Gli esperti della taskforce fanno il punto sulla situazione epidemiologica e sulla campagna vaccinale in Svizzera.
BERNA
18.12.2019 - 19:080

Il Nazionale a favore di un servizio civile meno attrattivo

Diversi però i contrari, tra i quali la sinistra e si pensa già a un possibile referendum

di Redazione
Ats ans

BERNA - "Sì" alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile. Dopo gli Stati, con 102 voti contro 92 e 1 astenuti, il Consiglio nazionale ha sostenuto oggi il progetto governativo, con il quale si intende ridurre drasticamente il numero di ammissioni. Sulla revisione della legge, che ritorna alla Camera dei cantoni per una divergenza minore, pende però un forte rischio di referendum.

Per la maggioranza della Camera del popolo, le misure proposte dall'esecutivo vanno nella giusta direzione e permetteranno di ridurre drasticamente i passaggi al servizio civile, soprattutto da parte di militari che hanno assolto la scuola reclute e di specialisti e quadri, ha spiegato Jean-Luc Addor (UDC/VS) a nome della commissione.

Secondo il consigliere federale Guy Parmelin, da quando è stato abolito l'esame di coscienza nel 2009 il numero di civilisti è costantemente aumentato. Le ammissioni sono passate da 4670 nel 2011 a 6785 nel 2017. Nel 2018 sono però scese dell'8,5% a 6205. Per il Consiglio federale, tale numero è ancora troppo elevato, anche perché di questi 6'205 "civilisti", 2'264 avevano terminato la scuola reclute e 428 erano quadri e specialisti, ha spiegato Parmelin.

«Questo cosa comporta? Comporta un serio rischio in termini di politica di sicurezza per il nostro Paese», ha spiegato il consigliere nazionale Rocco Cattaneo (PLR/TI). Dal canto suo, Ida Glanzmann (PPD/LU) ha sottolineato come non vi sia una libera scelta tra il servizio civile e quello militare nella Costituzione.

Sinistra contraria

Sostenuti dal PS, dai Verdi liberali e da taluni deputati del gruppo di Centro, i Verdi hanno difeso invano la non entrata nel merito. Gli effettivi dell'esercito non sono in pericolo, ha spiegato Fabien Fivaz (Verdi/NE). Le misure preconizzate hanno un carattere punitivo, sono contrarie al diritto internazionale o rappresentano dei cavilli inutili, gli ha fatto eco Priska Seiler Graf (PS/ZH).

«Poiché l'esercito non è più attrattivo, si vuole rendere meno interessante il servizio civile», ha rilevato dal canto suo Brigitte Crottaz (PS/VD). L'anno scorso, 1,2 milioni di giornate sono state investite nella sanità, nel sociale, l'agricoltura o la salvaguardia del patrimonio, ha aggiunto ancora Fivaz, chiedendosi a quale prezzo si vuole abbandonare questo apporto alla comunità.

Impieghi all'estero

Nella deliberazione di dettaglio, la Camera del popolo non ha seguito la sua commissione preparatoria su un punto, preferendole la versione degli Stati. Il Consiglio nazionale - con 97 voti contro 95 e 2 astenuti - non ha voluto abolire gli impieghi all'estero. La maggioranza li ha ritenuti preziosi, sottolineando che la cooperazione allo sviluppo rappresenta una priorità di politica estera della Svizzera.

Tra i due rami del Parlamento sussiste invece una divergenza: con 123 voti contro 68 e 3 astenuti, la Camera del popolo non ha voluto introdurre un'attesa di 12 mesi per i militari incorporati prima di essere liberati dall'esercito. Su questo punto i "senatori" avevano seguito il Consiglio federale.

Tutte le altre sei misure avanzate dal Consiglio federale hanno invece ricevuto il via libera della Camera del popolo senza patemi d'animo. Fra queste vi sono il numero minimo di giorni di servizio portato a quota 150 per tutti e l'applicazione pure a sottufficiali e ufficiali del fattore 1,5 (vanno svolti una volta e mezzo i giorni di servizio militare).

Referendum in vista?

Come detto, una minoranza composta da sinistra, Verdi liberali e taluni deputati di centro invece non vede alcun pericolo per gli effettivi dell'esercito e ritiene inopportuna la riforma. A suo avviso, le limitazioni delle ammissioni hanno unicamente quale scopo l'inaccettabile indebolimento del servizio civile.

Alcuni provvedimenti del Consiglio federale sarebbero inoltre di carattere punitivo, mentre altri sarebbero arbitrari o sproporzionati. Per questo la sinistra brandisce la minaccia di un referendum, in caso di accettazione definitiva della riforma.

Intanto il progetto ritorna agli Stati per appianare l'ultima divergenza che ancora divide le due Camere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 anno fa su tio
Un servizio militare solo per professionisti. Ben pagati e rispettati. Questa è la giusta soluzione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 23:07:07 | 91.208.130.87