Keystone
Come progetto innovativo della RSI, Marchand cita Wetube
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Naturalizzarsi conviene? Sì, circa 5'000 franchi all'anno
Lo conferma uno studio del Politecnico di Zurigo, con il passaporto rossocrociato le condizioni economiche degli stranieri migliorano
Cronaca
6 ore
Anziana muore investita da un tram
Si tratta del settimo incidente mortale della circolazione nel Canton Ginevra
GINEVRA
7 ore
Funzionari ginevrini in rivolta
Un migliaio di manifestanti ha sfilato lungo le vie della città. Criticato soprattutto il calo delle prestazioni
BERNA
7 ore
Géraldine Savary è la nuova presidente della Commissione federale delle poste
L'ex consigliera agli Stati è la prima donna ad occupare questa carica
VAUD
7 ore
Passaggio di consegne per il capo dell'esercito
La cerimonia è avvenuta questo pomeriggio al Castello di Chillon, alla presenza della consigliera federale Viola Amherd
LUCERNA
10 ore
Perde la vita schiantandosi contro una casa
L'incidente è avvenuto questa mattina a Triengen. La dinamica però non è ancora chiara
SVIZZERA / REGNO UNITO
11 ore
Glencore è indagata per corruzione in Gran Bretagna
Il gruppo minerario ha fatto sapere che coopererà con gli inquirenti
ZURIGO
11 ore
Tragedia in cantiere: 15enne muore schiacciato
Il ragazzo stava lavorando quando, per motivi ancora da stabilire, è stato travolto da un carico di lastre in cemento
SAN GALLO
12 ore
Cane salvato sull'autostrada
Il povero animale correva spaventato nei pressi di Oberbüren. La polizia cantonale ha bloccato il traffico tra Gossau e Uzwil per catturarlo
BERNA
04.12.2019 - 15:120

Marchand: «Presto metà dei contenuti della SSR sarà sul web»

«Oggi viviamo in un mondo à la carte», afferma il direttore della radio-tv pubblica. «Si ragionerà in temi, piuttosto che in canali»

di Redazione
Ats

BERNA - Presto la SSR offrirà i suoi contenuti per la metà nei tradizionali programmi radiotelevisivi, per l'altra metà sul web: lo afferma il direttore generale Gilles Marchand, che respinge anche le critiche di chi accusa l'ente di rafforzare i grandi gruppi internazionali, diffondendo i suoi prodotti su piattaforme come Facebook, Instagram, Twitter o Youtube.

Il rapporto 50:50 fra fruizione reale e internet «non rappresenta un calcolo preciso o una definizione quantitativa di un obiettivo», spiega Marchand in un'intervista pubblicata oggi dal portale informativo Infosperber. «È un'aspettativa strategica: fra tre, quattro o cinque anni l'uso dell'offerta audiovisiva avrà raggiunto questo rapporto». La quota dell'offerta digitale diventerà sicuramente più ampia, quella lineare invece calerà: è però ancora troppo presto per dire in modo preciso come avverrà la contrazione.

«La divisione 50:50 è una questione del consumo reale: rappresenta semplicemente quanto avviene nel nostro nuovo mondo», spiega l'ex direttore della radiotelevisione romanda RTS. «Oggi viviamo in un mondo à la carte, in cui le persone scelgono il media, il tipo di informazione e i tempi del consumo. Non sto dicendo che questo è giusto o sbagliato. È semplicemente un dato di fatto».

Marchand sottolinea che la SSR vuole promuovere uno scambio delle idee a cavallo fra le regioni linguistiche. Come progetto innovativo firmato RSI il manager cita per esempio Wetube, lo spazio approntato a Besso per i giovani creativi digitali ticinesi.

Riguardo alla possibilità che la SSR si ritiri completamente dal mercato della pubblicità, puntando solo sul canone, Marchand ricorda che attualmente il finanziamento è duale: «Non rientra nelle mie competenze definire il modello, è una discussione politica». Oggi gli introiti pubblicitari ammontano a 170 milioni: se dovessero scomparire sarebbero necessarie compensazioni.

La SSR in Svizzera sembra molto grande, ma rispetto ai concorrenti è piccola, prosegue il dirigente con studi in sociologia. «Siamo in concorrenza con i canali tedeschi, francesi, italiani, Netflix, Amazon, Disney e altre piattaforme. E ora stiamo raggiungendo finanziariamente un punto in cui sarà difficile lottare, in questa piccola Svizzera che lavora con quattro lingue».

All'intervistatore che chiede perché la SSR, che insieme ai media privati si lamenta della concorrenza sul fronte pubblicitario operata da grandi gruppi internazionali, offre contenuti sui media sociali, Marchand risponde che l'azienda vuole e deve cercare il pubblico lì dove si trova. Ad esempio l'impresa non riceve soldi da Facebook per i contenuti: «Utilizziamo queste piattaforme per raggiungere il nostro pubblico con buoni contenuti di servizio pubblico», insiste il 58enne.

In generale la produzione dei programmi si farà comunque in modo indipendente dal canale di distribuzione. «Si ragionerà in temi, piuttosto che in canali». Un esempio in tal senso sono le elezioni federali: vi saranno sempre trasmissioni radiotelevisive, ma in più esisterà un'offerta online con cifre e grafici che renderà possibile una fruizione dell'informazione migliore e più approfondita, conclude Marchand.
 
 

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.
Commenti
 
Thor61 1 gior fa su tio
Ha uno strano concetto di pensiero! A me sembra che si vendano ancora le TV, sono tutte SMART ma poco usufruibili dal punto di vista della rete. Se poi ci aggiungiamo quello SCHIFO che chiamano "Palinsesto" si chiude il cerchio. La speranza è che arrivi presto un referendum che elimini o riduca drasticamente il canone. E li dobbiamo anche pagare questi "Geni"!!! Questi danno solo l'idea di voler trarre il massimo profitto spendendo NULLA!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 03:46:08 | 91.208.130.87