Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
7 ore
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
9 ore
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
10 ore
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
10 ore
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
12 ore
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
BERNA
12 ore
Cade da una parete rocciosa del Loucherhorn e muore
La polizia ritiene che si tratti di un uomo dato per disperso qualche giorno prima. L'identificazione è in corso.
TURGOVIA
13 ore
Erwin Kessler è morto
L'animalista turgoviese è deceduto giovedì sera nella sua casa di Tuttwil.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
14 ore
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
13.11.2019 - 15:570
Aggiornamento : 16:14

Pubblicità occulta, nuovi guai per Roger e Xenia

L'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori ha inoltrato un nuovo ricorso contro la precedente decisione della Commissione svizzera per la lealtà

BERNA - La Commissione svizzera per la lealtà dovrà nuovamente occuparsi dei casi di presunta pubblicità occulta sui social di Roger Federer e Xenia Tchoumi: l'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori SKS ha inoltrato un ricorso contro una precedente decisione di una delle camere dello stesso organismo.

In ottobre la prima Camera della Commissione per la lealtà, chiamata ad esprimersi su un primo reclamo della SKS, aveva scagionato l'asso del tennis e la modella ticinese dall'accusa di aver presentato su piattaforme molto influenti come Instagram e Facebook prodotti o marchi di abbigliamento senza indicare la natura pubblicitaria dei contenuti.

Federer ad esempio aveva mostrato in un video il logo del suo fornitore di abbigliamento, la Tchoumi aveva esibito gioielli d'autore. La Commissione non negava l'esistenza di una comunicazione commerciale per quanto riguarda Federer e Tchoumi. Per il «destinatario medio», tuttavia, è chiaramente riconoscibile che si tratta di pubblicità.

Gli account sui social media della Tchoumi sono di natura puramente commerciale: la modella vi presenta principalmente gioielli di marca e non è quindi necessario indicare in ogni singolo contributo che si tratta di pubblicità, rilevava la Commissione. Nel caso di atleti come Federer, avviene di frequente che si mostrino i loghi di marchi conosciuti: per il pubblico è chiaro che si tratta di messaggi puramente commerciali.

Di tutt'altro avviso la SKS, che ora ha inoltrato un ricorso contro la decisione della prima Camera della Commissione per la lealtà. Quest'ultima, secondo l'associazione dei consumatori, ha pronunciato verdetti differenti e contraddittori, visto che lo scorso luglio si era espressa diversamente nei confronti dello snowboarder elvetico Iouri Podladtchikov e della star della mountain bike Jolanda Neff, tacciandoli di pubblicità occulta sui loro profili Instagram. Podladtchikov si era fatto fotografare all'ingresso di un negozio di vestiti, mentre la Neff aveva diffuso un contenuto riguardante una società di carte di credito.

L'organo aveva in quell'occasione ricordato che una persona che riceve degli onorari o altri vantaggi deve agire in maniera trasparente e rivelare il suo rapporto con lo sponsor. Ciò - aveva precisato - non era avvenuto nei contenuti pubblicati dallo snowboarder e dalla mountainbiker.

La direttrice della SKS Sara Stalder ha stigmatizzato, nei confronti dell'agenzia Keystone-ATS, le «decisioni confuse» della Commissione per la lealtà. L'associazione si chiede come mai Federer e Tchoumi non siano colpevoli di pubblicità occulta sui social, al contrario di Iouri Podladtchikov e Jolanda Neff. Valutazioni così diverse di casi analoghi «non sono comprensibili»: la SKS invita quindi l'organo a «stabilire regole chiare».

La SKS ha inoltre aggiunto di aver inoltrato reclami alla Commissione per altri sei casi di "influencer" sui social media. Si tratta di personalità in grado di condizionare i consumatori tramite la loro comunicazione in rete e che spesso vengono utilizzati dalle aziende nell'ambito delle loro strategie di marketing.

In ogni caso, né gli influencer né le aziende rischiano una multa, in quanto il sistema svizzero non prevede questa possibilità per la Commissione. Il massimo che ci si può attendere è un ammonimento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 06:20:13 | 91.208.130.89