Keystone (archivio)
SVIZZERA
21.09.2019 - 10:090

Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea

Secondo Mario Gattiker gli interventi volti a distribuire alle varie nazioni le persone salvate in mare direttamente dalle navi di soccorso, sono «sbagliati»

BERNA - Mario Gattiker, direttore della Segreteria di Stato della Migrazione (SEM), critica in un'intervista rilasciata ai giornali del gruppo "CH Media" l'attuale politica europea in materia di asilo.

Gli interventi volti a distribuire alle varie nazioni le persone salvate in mare direttamente dalle navi di soccorso, sono «sbagliati». «Riteniamo sbagliato assegnare ai paesi i migranti a bordo, anche se non hanno motivi di chiedere asilo, e questo vale per molte delle persone che sbarcano», afferma il 62enne Gattiker nell'intervista. Nel paese di arrivo sono invece necessarie procedure di asilo rapide e misure di rimpatrio efficienti.

Per quanto riguarda la ripartizione degli oneri, l'Europa - dalla crisi dei rifugiati in poi - non ha compiuto molti progressi, afferma Gattiker, il quale ha detto di sperare che la nuova Commissione UE, sotto la guida di Ursula von der Leyen, possa portare a una nuova dinamica e a nuovi approcci già a partire da novembre.

Secondo Gattiker una riforma del sistema di Dublino, di cui fa parte pure la Svizzera, sarebbe più efficace di soluzioni a breve termine. «Sono necessarie procedure meno burocratiche e più rapide e un meccanismo per sgravare gli Stati alle frontiere esterne» dell'UE. Gattiker invita l'Europa ad adottare una prassi uniforme in materia di asilo. «Non può accadere che alle persone provenienti dall'Afghanistan sia concesso il diritto di rimanere in un paese nel 90% dei casi e in un altro nel 40%. Tali differenze portano a migrazioni inter-europee».

Gattiker respinge inoltre l'accusa secondo cui la Svizzera in Europa non dimostra solidarietà. «Durante la crisi dei rifugiati abbiamo dimostrato di essere molto solidali, accettando, tra l'altro, 1500 persone rifugiatesi in Grecia e Italia».

Nel tentativo di mettere a punto un regolamento provvisorio sui contingenti Malta ha invitato i presidenti del Consiglio dell'UE e della Commissione europea, nonché rappresentanti di Germania, Francia e Italia, a una riunione in programma lunedì nella città maltese di Vittoriosa. Le loro proposte saranno presentate ai capi di Stato e di governo in ottobre.

Commenti
 
klich69 4 mesi fa su tio
Al meno una voce fuori dal coro, ma tanto i geni di palazzo sono ambigui come i traditori e truffatori ue.
streciadalbüter 4 mesi fa su tio
Se nopn vogliamo che l`Europa diventi una seconda africa bisogna respingerli tutti.
Thor61 4 mesi fa su tio
@streciadalbüter Probabilmente in CF aspettano il giorno in cui per 5 volte al di rivolti verso la mecca ci inginocchieremo, per fare "Qualcosa". ;o))) Saluti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-25 06:56:49 | 91.208.130.86