Keystone (archivio)
Entro l'estate 2020, l'intelligenza artificiale sarà implicata nel trattamento dei casi di circa 250 malati.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
12 min
Prezzi stracciati e semplicità: ecco perché Wish ci conquista
BERNA
9 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
14 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
15 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
15 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
15 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
16 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
16 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
16 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
18 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
18 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
19 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
19 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
20 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
20 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
GINEVRA
11.09.2019 - 10:470

Tumori, ricerche lampo all'HUG grazie all'intelligenza artificiale

L'interfaccia Watson for Genomics, sviluppata da IBM, permette di ridurre un lavoro di 160 ore in soli 15 minuti

GINEVRA - Quindici minuti invece di quasi 160 ore. È questo l'enorme risparmio di tempo permesso dall'introduzione dell'intelligenza artificiale all'Ospedale universitario di Ginevra (HUG). Un potente motore di ricerca scandaglia rapidamente tutte le pubblicazioni scientifiche sui tumori.

L'interfaccia in questione si chiama Watson for Genomics ed è sviluppata da IBM, gigante statunitense del settore informatico. Il suo utilizzo in un ospedale pubblico è una prima europea, si legge in una nota odierna dell'HUG.

Testata dall'estate 2018, questa tecnica di analisi è operativa presso la struttura ginevrina dallo scorso giugno. Otto pazienti hanno finora beneficiato di tale strumento.

Prima, spiega all'agenzia Keystone-ATS Rodolphe Meyer, vicedirettore dei Sistemi d'informazione dell'HUG, l'oncologo poteva metterci anche 160 ore a consultare la letteratura scientifica esistente su un tumore. Watson for Genomics svolge questo compito in un misero quarto d'ora.

Per riuscirci, il motore di ricerca ha bisogno dei dati genetici del tumore. Essi vengono inviati, in forma anonima e con l'accordo del paziente, a IBM. Queste informazioni vengono poi cancellate alla fine della ricerca bibliografica.

«L'obiettivo non è sostituire lo specialista, ma garantirgli una maggiore efficienza», assicura Meyer. Entro l'estate 2020, l'intelligenza artificiale sarà implicata nel trattamento dei casi di circa 250 malati.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 07:42:16 | 91.208.130.89