Depositphotos (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra
BERNA
1 ora
Con la parrucca bionda e una pistola assalta una Migros
FRIBURGO
2 ore
Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti
SVIZZERA
3 ore
Cassis e Maurer a New York
SVIZZERA
3 ore
Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE
GINEVRA
5 ore
Maudet respinge il bilancio: «Inopportuno nella sostanza e nella forma»
GRIGIONI
5 ore
Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)
SVIZZERA
5 ore
Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
22 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
23 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
1 gior
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
1 gior
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
1 gior
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
1 gior
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
1 gior
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
SVIZZERA
10.09.2019 - 14:480

La bicicletta fa sempre meno colpo sui giovanissimi

Bambini e adolescenti svizzeri si muovono soprattutto a piedi e con i mezzi pubblici. E quando crescono non hanno fretta di prendere la patente

BERNA - Più spostamenti con i mezzi pubblici e a piedi, meno in bicicletta. Rispetto a vent'anni fa, le abitudini di bambini e adolescenti svizzeri in materia di mobilità sono cambiate. Sempre più popolari anche monopattini, kickboard e dispositivi simili.

Nel corso degli ultimi due decenni, la preferenza delle giovani generazioni si è trasferita verso il trasporto pubblico e la pedonalità, mette in evidenza uno studio sul periodo 1994-2015 condotto dagli Uffici federali della sanità pubblica (UFSP), dello sport (UFSPO) e delle strade (USTRA). Nella fascia di età 16-20 anni si è registrato anche un significativo aumento delle distanze percorse, si legge in un comunicato odierno.

Per quanto riguarda il tragitto casa-scuola, si osservano notevoli variazioni da una regione linguistica all'altra. In Svizzera tedesca, scolari e studenti si spostano prevalentemente a piedi, in bici o coi mezzi.

In Ticino e in Romandia invece, la quota di velocipedi è notevolmente inferiore, anche a causa della scarsa disponibilità di cicloparcheggi, per altro meno attrezzati - ad esempio in termini di riparto da furti e intemperie - rispetto al resto del Paese.

Meno frequente di quanto si immagini il fenomeno dei "genitori-taxi", che solo in casi isolati si aggira su valori a due cifre percentuali. È comunque più diffuso nei cantoni italofoni e francofoni e nei comuni ad alto redditto. Il numero di giovani che si fanno scarrozzare da genitori e conoscenti aumenta per contro nel tempo libero, quando devono recarsi ad attività sportive e culturali.

In confronto a vent'anni fa, sono anche più numerosi i bambini e adolescenti in possesso di un abbonamento ai mezzi pubblici. Motorini, moto e auto sono meno utilizzati e vi è una tendenza a conseguire più tardi la patente di guida.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 16:01:00 | 91.208.130.89