Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Insulta la poliziotta e le spegne una sigaretta sul volto
ZURIGO
6 ore
Elettrodomestici: boom di climatizzatori
SVIZZERA
7 ore
«La campagna del PPD è come un'azione di mobbing»
SVIZZERA
7 ore
«Siamo i lobbisti del popolo, difendiamo il nostro futuro»
BERNA
7 ore
Migros richiama la sedia pieghevole "Foldy"
GRIGIONI
8 ore
Terribile scontro fra auto, morta una 49enne
SVIZZERA
8 ore
Zio Paperone torna negli Usa: gli svizzeri non sono i più ricchi
BERNA
10 ore
"Sì" al contrassegno autostradale elettronico?
SVIZZERA
10 ore
La pianificazione ospedaliera è a livello cantonale
SVIZZERA
10 ore
La Svizzera può contare su 140'304 militari
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera c'è una sovraproporzione di robot industriali
SAN GALLO
11 ore
Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est
BASILEA CITTÀ
11 ore
Allo zoo di Basilea è nato un piccolo gorilla
ZURIGO
11 ore
UBS, cause in vista da parte dei creditori delle obbligazioni Folli Follie
ZURIGO
11 ore
L'autorità avverte Swiss: «C'è il rischio di incendio ai motori»
VAUD
19.08.2019 - 17:000

Non vedenti, un elettrodo per stimolare il nervo ottico

Tra gli sviluppatori anche il Politecnico federale di Losanna. La sperimentazione sui conigli è stata testata con successo

LOSANNA - Uno speciale elettrodo promette di restituire la vista ai non vedenti: inserito all'interno del nervo ottico, è in grado di stimolarlo inviando informazioni visive direttamente al cervello, senza passare per l'occhio. Sviluppato tra Svizzera e Italia, dal Politecnico federale di Losanna (EPFL) e dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, è stato testato con successo sui conigli: i risultati, pubblicati sulla rivista Nature Biomedical Engineering, potrebbero portare presto a una sperimentazione sull'uomo.

«Da un punto di vista puramente tecnologico, potremmo iniziare i test clinici anche domani», spiega Diego Ghezzi dell'EPFL. Attualmente l'elettrodo OpticSeline sperimentato sui conigli è formato da un fascio di 12 sottilissimi elettrodi, ma nella versione destinata all'uomo ne potrebbe contenere anche fino a 60: un numero ancora troppo limitato per restituire completamente la vista, ma sufficiente a fornire un valido aiuto nello svolgimento delle attività di tutti i giorni.

«Crediamo che la stimolazione intraneurale possa essere una valida soluzione per molti dispositivi neuroprostetici mirati al recupero della funzione sensoriale e motoria», sottolinea Silvestro Micera, che alla Scuola Sant'Anna impiega già questa tecnologia nelle mani artificiali destinate ai pazienti amputati.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 22:31:14 | 91.208.130.86