SVIZZERA
22.07.2019 - 17:520

Jihadista ginevrino catturato in Siria, Berna conferma l'arresto

L'uomo sarebbe stato rintracciato dopo tre mesi di fuga e arrestato lo scorso 18 giugno dalle milizie curde in un'azione coordinata nei pressi di Baghuz

BERNA - Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha confermato la cattura di un cittadino svizzero nel nord-est della Siria, senza tuttavia fornire maggiori dettagli.

Ieri la stampa domenicale ha pubblicato la notizia della cattura di un 24enne ginevrino, radicalizzato nella moschea di Petit-Sacconex (GE) e partito in Siria per combattere al fianco dell'ISIS. L'uomo sarebbe stato rintracciato dopo tre mesi di fuga e arrestato lo scorso 18 giugno dalle milizie curde in un'azione coordinata nei pressi di Baghuz.

Contattato dall'agenzia Keystone-ATS, il DFAE non ha voluto fornire dettagli sulla vicenda. Inoltre, ha ricordato che a causa della chiusura dell'ambasciata elvetica in Siria dal 2012 nessuna protezione consolare è possibile.

Secondo la stampa domenicale il 24enne è «il più pericoloso jihadista svizzero». L'uomo sarebbe rimasto ferito nel corso della sua cattura e ora si troverebbe in una prigione nel nord della Siria, dove sarebbe stato formalmente identificato da diversi servizi di sicurezza.

Baghuz, ultima roccaforte del Califfato sul suolo siriano, è stata liberata a fine marzo dalle milizie curde con l'appoggio degli Stati Uniti. Il 24enne sarebbe dunque riuscito a nascondersi per quasi tre mesi.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 13:30:20 | 91.208.130.85