Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Tre decessi e 19 nuovi casi di coronavirus
Dall'inizio dell'emergenza, le vittime della malattia sono ora 1'660. Le persone contagiate 30'893
SVIZZERA
1 ora
Il WEF vuole essere protagonista della ripartenza
Il nuovo format dell'incontro di Davos permetterà a tutti i cittadini d'interagire con i protagonisti
SVIZZERA
1 ora
La pandemia? Non giustifica il rilascio di un detenuto
Si tratta di un uomo che era in carcerazione preventiva: aveva chiesto di poter uscire a causa del rischio sanitario
GLARONA
3 ore
In manette per spaccio di eroina
L'arresto risale allo scorso 20 aprile. Ora la polizia ha trovato un deposito con cento grammi di droga
GRIGIONI
3 ore
Dito tranciato mentre è al lavoro
Grave un operaio 31enne che si apprestava a rimuovere un'impurità da un rullo rotante
TURGOVIA
3 ore
Abitazione distrutta dalle fiamme
L'incendio è scoppiato la scorsa notte a Tägerwilen. Nessuno è rimasto ferito
SVIZZERA
3 ore
Moria di api durante l'inverno
Una colonia su otto non è sopravvissuta alla stagione fredda
SVIZZERA
4 ore
App coronavirus, ci sono le basi legali
Dovrà essere disattivata non solo quando non più necessaria, ma anche se dovesse risultare inefficace
SVIZZERA
5 ore
Soffre anche la Svizzera: PIL elvetico in forte calo
Dal lato del settore alberghiero e della ristorazione si registra un terribile -23,4%
SVIZZERA
5 ore
Swiss si lecca le ferite e guarda avanti
Forti perdite nel primo trimestre a causa del coronavirus, ma si torna ad ampliare l'offerta
SVIZZERA
6 ore
Matrimonio per tutti e contact tracing alle Camere
All'ordine del giorno del Nazionale c'è anche l'eventuale accesso alla donazione di sperma per le coppie lesbiche.
SVIZZERA
16 ore
Caso FIFA: archiviata l'inchiesta contro Sepp Blatter
L'MPC ha chiuso il caso riguardo alle presunte irregolarità nell'aggiudicazione di alcuni diritti televisivi nel 2005.
GINEVRA
16 ore
Sparò a due rapinatori, assolto agente di sicurezza
Secondo i giudici delle Assise correzionali l'uomo, un ex gendarme francese, agì per legittima difesa.
SVIZZERA
18 ore
«La manifestazione? Un casino, dovevano multarli tutti»
Divide l'opinione politica il corteo di questo lunedì a Zurigo fra condanne e chi vorrebbe assembramenti più numerosi
SVIZZERA
19 ore
Un Primo d'Agosto diverso
La presidente della Confederazione ha confermato la tradizionale festa del Primo Agosto sul praticello urano.
SVIZZERA
10.07.2019 - 12:030
Aggiornamento : 12:25

Via libera alla legge sul trasporto sotterraneo delle merci

La procedura di consultazione terminata oggi non presenta opposizioni significative. Il progetto dovrebbe concludersi nel 2050 e costare oltre 30 miliardi di franchi

BERNA - Non vi è alcuna significante opposizione nei confronti della legge sul trasporto sotterraneo delle merci. Come progetto esiste solo Cargo sous terrain (CST), ma questo è accolto favorevolmente. Punto importante per partiti e associazione è che tale infrastruttura non debba ricevere un centesimo di sovvenzione pubblica.

In linea di principio nessuno è contrario al trasporto sotterraneo, come risulta dalla procedura di consultazione terminata oggi. Il fatto che l'aumento del trasporto sotterraneo richieda misure è evidente, viene indicato all'unisono.

Attualmente è presentato solo il progetto di Cargo sous terrain (CST), partiti e associazioni non vogliono tuttavia chiudere le porte ad altre proposte.

Per i partiti borghesi è soprattutto importante che un tale sistema non debba essere sovvenzionato dalla mano pubblica. Il PS non vuole escludere completamente un sostegno finanziario da parte della Confederazione. Ma il Consiglio federale non vuole saperne e chiede che sia un'azienda finanziariamente solida a gestire il trasporto sotterraneo.

L'UDC, nella sua risposta alla procedura di consultazione afferma che secondo l'Ufficio federale di statistica (UST) entro il 2020 la Svizzera conterà circa 9,5 milioni di abitanti. Ciò pesa notevolmente sulle infrastrutture. La necessità di un trasporto di merci sotterraneo è quindi legittimo. Per l'UDC è opportuno non porre ostacoli a questo modo di trasporto.

La Confederazione dovrebbe tuttavia restare fuori dal mercato della logistica. Per l'UDC è giusto che siano i Cantoni a decidere il concreto itinerario del CST. Nella procedura di approvazione dei piani, la Confederazione deve limitarsi a specificare l'ubicazione e le linee.

Come il PS, i democentristi ritengono importante che la maggioranza delle azioni della società sia in mani svizzere per la protezione delle infrastrutture strategiche. Per i Verdi liberali questo aspetto è trattato in modo troppo superficiale.

Il PS sottolinea che il trasporto di merci sotterraneo può contribuire al trasferimento dalla strada alla rotaia ed essere positivo per il clima. Il sistema di trasporto sotterraneo deve essere costruito in modo da preservare le risorse. I Cantoni e i Comuni devono essere coinvolti tempestivamente nella pianificazione.

Ma il PS, i Verdi e i Verdi liberali criticano l'assenza di scenario alternativo in caso di fallimento del CST. Occorrerebbe che la Confederazione garantisse il proseguimento dell'esercizio. Uno smantellamento non avrebbe alcun senso. Il finanziamento privato di una così grande infrastruttura è un'impresa completamente nuova, sottolineano i Verdi liberali che vedrebbero di buon occhio un finanziamento privato-pubblico.

Il PLR da parte sua chiede di regolare l'ultimo chilometro nelle città. Non è appropriato aumentare le capacità tra i centri e trascurare la distribuzione capillare. Un rimprovero espresso anche dalla Conferenza dei direttori delle pubbliche costruzioni, della pianificazione del territorio e dell'ambiente.

Il PPD accoglie positivamente le proposte del Consiglio federale. Sostiene il trasporto sotterraneo delle merci come anche le fasi di ampliamenti per strada e ferrovia. Le strozzature del traffico devono essere ridotte.

Per i Verdi, gli impianti devono poter funzionare solo con corrente ecologica. Chiedono inoltre un concetto di continuità operativa dopo un possibile fallimento. Con il trasporto sotterraneo, l'ulteriore ampliamento dell'autostrada diventerebbe obsoleto.

La Società CST si dice soddisfatta del progetto di legge messo in consultazione dal Consiglio federale. Rispetta le condizioni giuridiche in vigore, in particolare la legge sulle ferrovie. Le procedure restano rapide.

L'associazione delle imprese attive nella costruzione di infrastrutture Infra Suisse chiede delle precisazioni, per esempio per quanto concerne il numero di varianti d'itinerari richiesti. Essa considera anche che la garanzia finanziaria durante la procedura di autorizzazione sia superflua.

L'Associazione traffico e ambiente (ATA) chiede da parte sua rigide norme ambientali. Le manca una visione d'insieme del traffico merci a lungo termine. L'ATA si mostra scettica: gli investimenti sono elevati e la redditività dubbia.

Per l'Associazione svizzera dei comuni il progetto è globalmente buono, ma le basi legali per le merci sotterranee che passano attraverso diversi Cantoni dovranno esplicitamente riferirsi alle procedure di partecipazione ordinarie dei cantoni e dei comuni come anche al diritto di opposizione garantito.

Il CST conta tra i suoi azionisti Migros, Coop, Swisscom, la Posta, Manor, Helvetia, la Banca cantonale di Zurigo, l'aeroporto di Zurigo, FFS Cargo, la Mobiliare, Rhenus, Panalpina, Implenia e Holcim. Ma non figurano le grosse imprese di logistica come Galliker e Planzer.

I primi 100 milioni di franchi necessari al lancio del progetto sono stati raccolti di cui il 55% provengono dalla Svizzera. Investitori stranieri come il francese Meridiam e il cinese Dagong Global partecipano al progetto.

Non è chiaro da dove proverranno i 3,4 miliardi di franchi necessari alla costruzione del primo collegamento parziale fra Härkingen (SO)/Niederbipp (BE) e Zurigo. Il sistema per il trasporto di merci sotterraneo completo, i cui costi complessivi si situerebbero attorno ai 30 miliardi di franchi, dovrebbe concludersi nel 2050 ed estendersi per circa 500 chilometri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 13:47:49 | 91.208.130.89