Depositphotos (archivio)
Negli USA l'uomo rischia di incorrere in una pena fino a 20 anni di reclusione.
SVIZZERA
08.07.2019 - 12:200

Caso GlaxoSmithKline, il ricercatore cinese resta in carcere

Il 50enne, che vive in Svizzera da 20 anni, attende di essere estradato verso gli USA. La sentenza del TPF può ancora essere impugnata davanti al Tribunale federale

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale di Bellinzona (TPF) ha respinto la richiesta di liberazione avanzata da un ricercatore cinese, attualmente in carcere in Svizzera in attesa di essere estradato verso gli Stati Uniti.

La vicenda è da mettere in relazione alle indagini in corso negli USA dal 2016 per un caso di spionaggio economico ai danni della società farmaceutica GlaxoSmithKline.

Il cinese, 50enne, chiedeva di essere rimesso in libertà e contestava il rischio di fuga visti i suoi stretti rapporti con la Svizzera, dove vive da circa 20 anni con la propria famiglia. La Corte dei reclami del TPF ha però risposto negativamente: negli USA l'uomo rischia di incorrere in una pena fino a 20 anni di reclusione e vi è quindi il rischio che possa far perdere le tracce per sottrarsi all'estradizione.

L'arresto del cinese era stato chiesto lo scorso anno dalla Corte federale della Pennsylvania. La sentenza del TPF non è definitiva e può essere impugnata dinanzi al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 15:23:06 | 91.208.130.89