Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
2 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
2 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
3 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
4 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
4 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
5 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
5 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
6 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
6 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
7 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
7 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
8 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
SVIZZERA
04.07.2019 - 13:470

Le spese sociali ammontano a 175 miliardi

Si tratta del 26,1% del Pil nazionale

BERNA - Le spese per la sicurezza sociale continuano ad aumentare in Svizzera: nel 2017 hanno raggiunto i 175 miliardi di franchi, ovvero il 26,1% del Prodotto interno lordo (Pil). Lo rileva il terzo rapporto statistico sociale pubblicato oggi, precisando che l'incremento ha riguardato principalmente gli ambiti della vecchiaia e della sanità.

A titolo di confronto in Europa (Ue-28) le spese sociali sono nel complesso più elevate e rappresentano il 26,1% del Pil: anche nell'Ue come in Svizzera a contribuire alla progressione delle spese sociali sono soprattutto i bisogni e i rischi legati alla vecchiaia, a causa dell'invecchiamento della popolazione, e alla malattia.

In Svizzera gli ambiti vecchiaia e malattia hanno rappresentato nel 2017 rispettivamente il 42,4% e il 31,7% del totale delle prestazioni sociali.

Le spese relative alla disoccupazione, invece, non presentano una tendenza al rialzo, nonostante il numero sempre maggiore di persone disoccupate ai sensi dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). Dopo forti progressioni tra il 2001 e il 2003 e tra il 2008 e il 2010 il tasso si è stabilizzato per poi attestarsi al 4,7% nel 2018. La disoccupazione di lunga durata, tendenzialmente in rialzo negli ultimi anni, concerne in particolare i lavoratori più anziani, sottolinea il rapporto.

Povertà - Nel 2017, l'8,2% della popolazione e il 4,3% della popolazione occupata era colpito da povertà reddituale. Dal 2014 il tasso di povertà ha registrato un incremento: le persone più toccate erano le persone sole, quelle che vivevano in economie domestiche monoparentali - aumentate queste ultime di oltre il 50% dal 1990 - con figli minorenni, quelle senza una formazione post-obbligatoria e quelle che vivevano in economie domestiche senza persone occupate.

Allo stesso tempo la quota di aiuto sociale per l'insieme della popolazione è rimasta stabile dal 2005 e nel 2017 si attestava al 3,3%. Ha invece registrato un incremento nel caso dei bambini e delle persone tra i 46 e i 64 anni, precisa il rapporto dell'Ufficio federale di statistica (UST).

Il rapporto sottolinea che tra il 2008 e il 2017 è aumentata la durata di percezione di prestazioni dell'aiuto sociale e che la quota di aiuto sociale subisce soltanto in minima parte l'influsso dei periodi di crescita o contrazione economica.

Nel 2016, con una media di 4121 franchi mensili il 4,9% della popolazione soffriva di solitudine e il 6% non riusciva a incontrare amici o membri della famiglia nemmeno una volta al mese.

Allarmante, secondo Caritas - Caritas vede in queste cifre una "evoluzione allarmante". Con circa 670'000 persone toccate, la povertà si è estesa passando a interessare dal 7,5 all'8,2% della popolazione nel 2017, in aumento del 10% su base annua.

E Caritas mette in evidenza una nuova cifra ben più elevata del previsto. In questi quattro ultimi anni il 12,8% delle persone in Svizzera hanno vissuto in povertà almeno per un anno. In quest'ottica l'organizzazione assistenziale lancia un nuovo appello a Confederazione, Cantoni e Comuni in favore di un'azione determinata e di una politica vincolante ed efficace in materia di povertà.

Ciò è tanto più necessario dal momento che l'evoluzione constatata è in flagrante contraddizione con l'obiettivo che la Svizzera si è impegnata a raggiungere firmando l'Agenda mondiale 2030 per lo sviluppo sostenibile. Lo scopo è di ridurre della metà la povertà nel corso dei prossimi dieci anni: obiettivo principale di Berna e Caritas.

Dopo il ritiro della Confederazione dalla lotta contro la povertà, un anno fa, sembra che il problema non possa essere semplicemente respinto ai Cantoni e Comuni. Occorre urgentemente mettere in atto una strategia nazionale a tutti i livelli e in partenariato con la società civile, sostiene Caritas.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 18:22:30 | 91.208.130.89