Keystone (archivio)
Stéphane Rossini, 55 anni
SVIZZERA
03.07.2019 - 14:300
Aggiornamento : 15:14

Stéphane Rossini a capo dell'UFAS

L'ex consigliere nazionale socialista è stato nominato oggi dal Consiglio federale

BERNA - Dal primo dicembre, l'ex consigliere nazionale socialista vallesano Stéphane Rossini, 55 anni, sarà il nuovo direttore dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS). Lo ha nominato oggi il Consiglio federale. Succederà a Jürg Brechbühl, che in gennaio aveva annunciato le sue dimissioni per fine anno.

Rossini è il meglio di quanto c'era sul mercato, «esperto e profondo conoscitore della materia», lo ha definito il ministro dell'interno Alain Berset, presentandolo ai media a Berna.

Nella sua nuova carica il vallesano è atteso da numerose sfide, tra le quali spiccano la riforma dell'AVS, che occorrerà accompagnare davanti al Parlamento, e quella del secondo pilastro, ha aggiunto il consigliere federale.

Rossini è attualmente attivo come consulente indipendente nel campo delle politiche pubbliche, della sicurezza sociale e della politica sanitaria. È inoltre docente di amministrazione pubblica, scienze sociali e gestione della salute alle università di Ginevra, Neuchâtel e Losanna, dove ha conseguito la licenza in scienze politiche e il dottorato in scienze sociali.

È pure presidente dell'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici (Swissmedic) e della Commissione federale dell'assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità, cariche che lascerà a fine novembre, quando assumerà la funzione di direttore dell'UFAS. La presidenza di Swissmedic sarà rimessa a concorso.

Quasi ministro - Tra il 1999 e il 2015, il socialista Rossini è stato deputato al Consiglio nazionale, che ha presieduto nel 2015 e dove è stato membro, tra l'altro, della Commissione della gestione e della Commissione della sicurezza sociale e della sanità.

Nel 2011, il 55enne vallesano (ma attinente della Valcolla) era stato presentato dalla sua sezione cantonale per la successione di Micheline Calmy-Rey in Consiglio federale, ma il gruppo socialista alle Camere aveva preferito Alain Berset e Pierre-Yves Maillard quali candidati ufficiali. Nel 2017 Rossini si era candidato per un seggio nel Consiglio di Stato vallesano, ma non fu eletto.

Rossini intrattiene quindi ottime relazioni con il mondo politico, gli ambienti scientifici e l'amministrazione e conosce molto bene i temi dell'UFAS, ha sottolineato Berset, precisando di aver potuto collaborare con lui quando erano entrambi parlamentari.

Il suo predecessore Brechbühl, che ha guidato l'ufficio dal luglio 2012, aveva un percorso più da funzionario. Prima di assumere la carica di capo dell'UFAS aveva infatti occupato già diverse funzioni all'interno dell'ufficio, dove aveva fatto il suo ingresso nel 1982 in qualità di giurista.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 03:19:41 | 91.208.130.89