Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 min
Calmy-Rey: «Rinegoziare l'accordo quadro e aumentare la somma destinata all'Ue»
ZURIGO
1 ora
Amag sposta la sede nel Canton Zugo
GRIGIONI
1 ora
Cade dal minibus, morta una 93enne
ZURIGO
2 ore
«Mi hanno detto che mia madre è stata accoltellata»
SVIZZERA
2 ore
Forte aumento del numero di rifugiati turchi
SVIZZERA
4 ore
«Non voglio tornare all'inferno»
SCIAFFUSA
14 ore
Aggressione con feriti durante un'esercitazione dei pompieri
BERNA
16 ore
Travail.Suisse: «Tutelare i lavoratori anziani e garantire le rendite»
GINEVRA
16 ore
Porte aperte al Cern, oltre 30'000 i curiosi
ZURIGO
17 ore
Due agenti feriti dagli anti "Marcia per la vita"
BERNA
18 ore
L'Étape Switzerland: ciclista gravemente ferito
ZURIGO
19 ore
Il PS lancia l'iniziativa per 18 settimane di congedo parentale
BERNA
21 ore
Lite sul treno, fermate 15 persone
ZURIGO
21 ore
Poliziotto ferito dopo la partita Grasshoppers-Servette
VAUD
22 ore
Ciclista perde la vita in un doppio incidente
SVIZZERA
24.06.2019 - 13:000

Iniziativa correttiva, depositate 134'000 firme

Oltre 300 persone si sono riunite sulla terrazza di Palazzo federale per la consegna del testo per il diritto a parlamento e popolo di avere voce in capitolo nella vendita di armi all'estero

BERNA - Sono bastati sei mesi all'alleanza contro le esportazioni di armi nei Paesi in guerra civile a trovare le necessarie firme per la cosiddetta "Iniziativa correttiva". Il testo, munito di oltre 134'000 sottoscrizioni, è stato depositato oggi alla Cancelleria federale.

L'iniziativa vuole fissare nella Costituzione il diritto per parlamento e popolo di avere voce in capitolo nella vendita all'estero di materiale bellico. Attualmente tale competenza spetta esclusivamente al Consiglio federale.

Oggi, oltre 300 persone si sono riunite sulla terrazza di Palazzo federale per la consegna del testo. In autunno in circa 50'000 avevano risposto all'appello della coalizione per contribuire alla raccolta firme in sostegno dell'iniziativa popolare, ufficialmente denominata "Contro l'esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili".

«Anche con la legislazione attuale, non si può impedire che armi elvetiche siano utilizzate in conflitti interni», ha affermato la consigliera nazionale Priska Seiler Graf (PS/ZH), copresidente della coalizione. Martin Landolt (PBD/GL), suo collega alla Camera del popolo e anch'esso copresidente dell'alleanza, ha aggiunto: «È nell'interesse dell'industria riguadagnarsi la fiducia tramite regole del gioco credibili».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 12:31:33 | 91.208.130.85