Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
43 min
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
5 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
6 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
6 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
7 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
7 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
8 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
8 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
9 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
10 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
11 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
11 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
11 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
12 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
12 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
24.06.2019 - 11:540

Serve più formazione sulle vaccinazioni

Oggi molti operatori attivi nel ramo sanitario ritengono insufficiente il tempo dedicato al tema

BERNA - Occorre migliorare la formazione dei professionisti della sanità per quel che concerne la vaccinazione. È la conclusione a cui giungono tre studi commissionati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e presentati oggi a Berna. Lo scopo è accrescere la protezione della popolazione contro le malattie evitabili.

Oggi molti operatori attivi nel ramo sanitario ritengono insufficiente il tempo dedicato alle vaccinazioni nel quadro della loro formazione, ha spiegato in una conferenza stampa la responsabile della sezione vaccinazioni in seno all'UFSP Virginie Masserey. Ciò è vero in particolare per il personale non medico la cui attività è a contatto con neonati, bambini e genitori, come ostetrici e consulenti in puericultura.

Di conseguenza, questi operatori prendono meno spesso l'iniziativa di parlare di vaccinazioni con i loro pazienti. Potrebbero però avere un ruolo molto più importante vista la loro stretta relazione con il "cliente". In questo senso la formazione iniziale, continua e post accademica andrebbe ripensata sviluppando maggiormente le competenze in materia di consulenza e comunicazione, ha spiegato Masserey.

Lo scopo è giungere a una migliore informazione della popolazione dei rischi legati al vaccino ma anche e soprattutto di quelli legati alla malattia, ha affermato Daniel Koch, responsabile del reparto malattie trasmissibili dell'UFSP. In questo modo si aumenteranno le conoscenze della popolazione e si faciliterà il processo decisionale dei cittadini.

È infatti dimostrato che il livello di conoscenza ha un nesso diretto con l'atteggiamento nei confronti della vaccinazione. Le persone con conoscenze superiori alla media in materia di vaccinazione vi sono favorevoli nell'89% dei casi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:00:37 | 91.208.130.85