Ti Press
GRIGIONI
18.06.2019 - 10:000

Le zanzare asiatiche si diffondono anche nelle valli

È quanto rileva il rapporto di monitoraggio stagionale pubblicato oggi dall'Ufficio per la natura e l'ambiente del Canton Grigioni

COIRA - Nel 2018 nel Moesano meridionale è stato riscontrato un ulteriore aumento della presenza della zanzara tigre, mentre nei comuni di Bregaglia e Brusio nonché a Coira sono stati confermati per la prima volta singoli rinvenimenti. È quanto rileva il rapporto di monitoraggio stagionale delle zanzare asiatiche pubblicato oggi dall'Ufficio per la natura e l'ambiente del Canton Grigioni.

Zanzara tigre, giapponese e coreana - Nel rapporto si rileva pure che, dopo un'interruzione nel 2017, lo scorso anno presso le aree di sosta autostradali Viamala e Heidiland sono state trovate nuovamente uova di zanzara tigre. Un insetto nero con striature bianche, originario del Sudest asiatico, molto aggressivo, che punge ripetutamente, prevalentemente di giorno, colonizza l'ambiente umano ed è un potenziale portatore di numerose malattie.

Anche la presenza della zanzara giapponese ha fatto registrare un aumento. Già in passato era stata registrata in quasi tutte le zone di monitoraggio. Diversamente dalla ben nota zanzara tigre, secondo la classificazione della Confederazione la zanzara giapponese viene considerata come vettore piuttosto insignificante per la trasmissione di malattie, scrive l'Ufficio retico in una nota.

Quale particolarità, rispetto al 2017 è stata registrata una maggiore presenza della zanzara coreana in Val Bregaglia, mentre nel comune di Brusio essa è stata rilevata per la prima volta. Ad oggi si sa poco di questa zanzara coreana.

L'Ufficio per la natura e l'ambiente svolge un monitoraggio delle zanzare asiatiche dal 2016, in collaborazione con singoli comuni. Mediante ovotrappole viene rilevata ad esempio la presenza della zanzara tigre o di quella giapponese.

Misure intensificate - Nei comuni del Moesano con presenza consolidata della zanzara tigre, i servizi tecnici sono già stati informati nel 2017 in merito alle misure di contrasto. Ora le misure adottate dai comuni e l'attività informativa rivolta alla popolazione in merito a misure preventive verranno intensificate.

Oltre ad asciugare regolarmente o a eliminare luoghi di cova (ad esempio piccoli accumuli di acqua stagnante in fessure, buchi, sottovasi, contenitori dell'immondizia) i servizi tecnici devono provvedere a contrastare direttamente le larve di zanzare in pozzetti stradali e altri accumuli di acqua difficilmente raggiungibili facendo ricorso a prodotti larvicidi specifici.

Estensione del monitoraggio - A causa della crescente presenza di zanzare e di nuovi rinvenimenti, il monitoraggio delle zanzare verrà portato avanti nel 2019 e in alcuni luoghi, come Thusis, Domat/Ems, Coira e Zizers, verrà esteso. I servizi di manutenzione dei Comuni di Cama, Bregaglia, Brusio e Coira verranno coinvolti nelle misure di contrasto e hanno ricevuto le corrispondenti istruzioni.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 11:36:17 | 91.208.130.87