DepositPhotos
SVIZZERA
12.06.2019 - 12:160

Autorità parentale congiunta: «Urgono miglioramenti»

A cinque anni dall'introduzione della nuova legge, quattro associazioni di genitori divorziati ne criticano l'applicazione

BERNA - A cinque anni dall'introduzione della nuova legge sull'autorità parentale congiunta, l'applicazione lascia ancora a desiderare, affermano quattro associazioni di genitori divorziati. Questo spesso indebolisce la relazione tra il bambino e uno dei suoi genitori.

In caso di divorzio, i genitori sono teoricamente tenuti a condividere la custodia dei figli dal 1° luglio 2014. Tuttavia, la realtà è spesso diversa, criticano l'Associazione svizzera per la bigenitorialità (GeCoBi), il gruppo uomini divorziati e separati (IGM), donna2 e il Coordinamento romando delle organizzazioni di difesa dei diritti dei padri (CROP) in una conferenza stampa a Berna.

«Abbiamo all'IGM e nelle altre organizzazioni, molti esempi di interpretazioni del diritto che possono essere definite scandalose. Questi decisioni ingiuste a volte causano enormi sofferenze ai genitori e ai figli», ha detto Thomas Jakaitis, Presidente dell'IGM.

Le organizzazioni chiedono misure concrete di sensibilizzazione e prevenzione per i genitori interessati, ma anche per le cerchie interessate, come insegnanti o terapeuti. Auspicano inoltre una vera e propria parità che preveda soluzioni comuni, come l'autorità parentale congiunta, il congedo parentale o la custodia alternata.

«Il sistema, lo Stato e la società nel suo insieme devono fare tutto ciò che è in loro potere per sostenere i genitori e soprattutto i bambini in queste transizioni, per aiutarli a trovare soluzioni adeguate e pratiche che soddisfino i bisogni dei bambini», afferma Olivier Hunziker, Presidente di GeCoBi.

L'uguaglianza fra i genitori non è solo la soluzione ideale per il benessere del bambino, ma anche per la parità uomo-donna, affermano le associazioni continuano. Ragioni di ordine fiscale, la mancanza di posti nelle strutture di accoglienza per bambini e la mancanza di un congedo parentale spingono molte donne a smettere di lavorare dopo la nascita di un figlio.

«L'uguaglianza dei genitori è anche il modo migliore per prevenire le disuguaglianze di genere tra i bambini», ha aggiunto Séverine Cesalli, medico e psichiatra infantile.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 07:39:44 | 91.208.130.86